Dieci eventi rilevanti del mercato economico-finanziario avvenuti la scorsa settimana.

Dieci eventi rilevanti del mercato economico-finanziario avvenuti la scorsa settimana.
Dott. Nicola Zuin (Venezia)

A CURA DI DOTT. NICOLA ZUIN (VENEZIA)

nicola.zuin@dconline.info * cell. 335-7198871 *

Vice-Segretario politico nazionale della Democrazia Cristiana

Direttore Editoriale de < IL POPOLO > della Democrazia Cristiana 

< Dieci eventi rilevanti del mercato economico-finanziario avvenuti la scorsa settimana. > 

Nel caso ve li foste persi…. richiamiamo alla mente dieci eventi rilevanti del mercato economico-finanziario avvenuti la scorsa settimana.

Banche russe congelate dalla SWIFT.

I leader dei dicasteri economici sia statunitensi che europei hanno dunque deciso di congelare alcune banche russe dal sistema di pagamenti defiito con il termine di < SWIFT >.

E’ questa  una delle tante sanzioni emanate quali ritorsioni contro l’invasione in Ucraina effettuata dalle forze armate russe.

Il Brent raggiunge il massimo degli ultimi 9 anni.

I mercati delle “commodities” stanno prezzando le difficoltà delle varie  compagnie petrolifere e del gas russe nel poter accettare pagamenti internazionali e le difficoltà di esportazione.

In tal modo facendo così salire il prezzo del petrolio.

Le sanzioni fanno capitolare il RUB.

Il rublo russo sta pagando a caro prezzo questa situazione politica/economica/militare.

La valuta russa ha subito una vendita massiccia da parte degli investitori che stanno uscendo da quel Paese.

Il tasso di interesse russo ha raggiunto il 20%

 La Banca Centrale russa ha raddoppiato i tassi di interesse arrivando al 20%, al fine di poter scongiurare un tracollo del rublo.

I colossi del petrolio e dei trasporti lasciano la Russia.

La più grande compagnia di container marittimi al mondo, Maersk, ha dichiarato che consegnerà in Russia solo i beni primari.

I giganti del petrolio BP e Shell abbandoneranno gli investimenti all’interno della Russia.

Powell affossa 50 pb. 

US Federal Reserve Chairman Jerome Powell

Il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato che voterà per l’aumento dei tassi di 25 punti base, scongiurando la possibilità di un “doppio” aumento di 50 punti base.

EUR/USD al ribasso.

L’euro è sceso rispetto al dollaro e alla maggior parte delle altre valute.

Questo in risposta alla guerra scoppiata nella zona est del continente europeo.

Il rame testa i massimi di Ottobre.

I prezzi del rame sono aumentati insieme a molte altre materie prime, per i timori di una disfunzione negli approvvigionamenti da parte della Russa.

Commodity FX.

L’aumento dei prezzi delle materie prime ha comportato che le valute benchmark delle “commodities”, inclusi l’australiano e il kiwi, siano state le migliori valute rialziste di questa settimana.

Comprare il ribasso.

 

Il Nasdaq e` quello che ha guadagnato di più tra i principali indici poiché gli investitori hanno scelto di acquistare il calo, in territorio pienamente ribassista (-20%).

 

*****************************************************************************************************

   www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

*****************************************************************************************************

 

5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
mm
2 mesi fa

ottima Analisi Nicola