LASCIA ANCHE TU UN COMMENTO SUL NOSTRO GIORNALE “IL POPOLO”: E’ MOLTO IMPORTANTE PER OTTENERE UNA SOCIETA’ MIGLIORE E MAGGIORMENTE A MISURA D’UOMO !

LASCIA ANCHE TU UN COMMENTO SUL NOSTRO GIORNALE “IL POPOLO”: E’ MOLTO IMPORTANTE PER OTTENERE UNA SOCIETA’ MIGLIORE E MAGGIORMENTE A MISURA D’UOMO !

A cura di FRANCO CAPANNA (Teramo)

franco.capanna@dconline.info *Cell. 345-1594496 *

Presidente nazionale Vicario del Movimento Seniores della Democrazia Cristiana

Sindacalista – Giornalista – Scrittore

Personaggio dell’anno 2020 in Canada.

Editorialista de < IL POPOLO > della Democrazia Cristiana

 

< LASCIA ANCHE TU UN COMMENTO SUL NOSTRO GIORNALE “IL POPOLO”: E’ MOLTO IMPORTANTE PER OTTENERE UNA SOCIETA’ MIGLIORE E MAGGIORMENTE A MISURA D’UOMO ! >

Abbiamo più volte sollecitato i Responsabili, gli attivisti e gli stessi simpatizzanti della DEMOCRAZIA CRISTIANA ad un uso più equilibrato dei Social diventati ormai potente strumento di comunicazione nell’ambito della moderna Società italiana ed Internazionale.

Sono dunque ad invitare gli iscritti e non alla Democrazia Cristiana ad una maggiore partecipazione nei commenti è possibile pubblicare liberamente sul nostro giornale del partito IL POPOLO negli appositi spazi offerti all’attenzione dei lettori, a seguire il testo dell’articolo che viene pubblicato.

E’ possibile farlo tranquillamente sul sito internet del giornale di cui all’indirizzo telematico < www.ilpopolo.news >.

E’ questa una forma di partecipazione molto intelligente ed efficace in quanto permette in primis una maggiore diffusione del nostro giornale e l’audience dello stesso è un dato certamente non insignificante nel panorama dei media a tiratura nazionale.

Nell’ambito dei quali anche il nostro giornale punta ad avere un apprezzamento ed una visibilità sempre maggiori.

Secondariamente i commenti che qui (sul giornale) vengono pubblicati raggiungono un numero incredibilmente più ampio di persone rispetto al numero di persone raggungibili sulle varie chat che vengono lette al massimo (ammesso e non concesso che la “chat” di cui trattasi raggiunga la capienza massima) pari a 256 unità.

Il commento pubblicato sul giornale consente a sua volta di essere ripreso e commentato, provocando quindi un dibattito che può e deve avere lo scopo di essere valido e costruttivo, a differenza dei social che in ossequio al principio del < mordi e fuggi > per loro natura hanno efficacia nell’immediatezza ma ben difficilmente possono essere conservati e ripresi se non con uno sforzo ben maggiore da parte del lettore.

Da qwui il pressante invito a voler contribuire anche con questo strumento alla crescita del nostro pensiero, delle idee e dei valori che intendiamo proporre con la nostra azione in ambito politico e sociale.

Uno scritto che viene opportunamente pubblicato su < IL POPOLO > della Democrazia Cristiana non è un semplice afflato e neppure un esempio da “Accademia della crusca”.

Ma vuol essere impegno sul campo che escluse la pura e semplice “poesia”.

Rimanere assenti o per così digne ignavi, vuol dire non rispetto all’importante compito di denuncia che compete ad ogni lettore che vuol dare il suo apporto alla soluzione per ottenere una Società migliroe e maggiormente a misura d’uomo, come suolsi dire.

Franco Capanna sindacalista – Editorialista de < IL POPOLO > della Democrazia Cristiana

 

  ******************************************************************************************

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

  ******************************************************************************************

 

 

3 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Joseph
Joseph
2 mesi fa

Sono d’accordo bisogna fare un uso moderato e responsabile dei social sono un’arma a doppio taglio che può diventare controproducente meglio i commenti su Il Popolo dove possiamo avere un contraddittorio fra persone della stessa area politica culturale

Giordana
Giordana
2 mesi fa
Reply to  Joseph

Condivido,
i social evolvono e noi regrediamo con il loro uso

Carlo manzione
Carlo manzione
2 mesi fa

Siamo lontani da politiche imbavagliate ai tempi di Giustino fortunato con attori pronti a barattarsi tutto ,un paese che è introdotto nell eurozona dove ci sono leggi diverse non deccollara mai dove specialmente nel sud e nelle periferie siamo ancora paladini di corrotti sceriffi di turno e sciacalli pronti a vendersi posti e quant’altro.

Carlo manzione
Carlo manzione
2 mesi fa

E come dire assenza della politica giuridica e quant’altro permette l’insediamento dei sciacalli

Enrico Migliardi
Enrico Migliardi
2 mesi fa

Cari Amici e care Amiche,
il giorno delle emozioni, della commozione e della partecipazione sulle donne prede degli “orchi” è finito, ora per i prossimi 364 giorni non dobbiamo dimenticarcene e, soprattutto come DC è nostro dovere fare delle cose concrete. Una delle tante cose che possono essere attivate, a costo zero, è quella di far introdurre in tutte le scuole di ogni ordine e grado, le materie dell’etica, della morale, dell’educazione civica e del comportamento. pertanto propongo di riunirci sul web, preparare una proposta e consegnarla personalmente al Ministro dell’istruzione.
Grazie,
Enrico Migliardi
Tel.: 389 8394452

Antonio
Antonio
2 mesi fa

Condivido

Natascia Pizzutti
Natascia Pizzutti
2 mesi fa
Reply to  Antonio

Concordo con quanto detto dalla signora Giordana

Antonio Durante
Antonio Durante
2 mesi fa

Ottima iniziativa diffondere la partecipazione popolare. È opportuno precisare la lunghezza dei messaggi, i temi da trattare, l’indirizzo email a cui devono essere inoltrati. I temi che propongo: attualità, politica, economia, teatro, iniziative sociali.

Giuseppina Cera 29 @ gemail , com
Giuseppina Cera 29 @ gemail , com
2 mesi fa

E’ difficile dire quello che si pensa, specialmente quando quello che esprime l’aurore critica certi comportamenti del vostro partito, serve ad eliminare ogni possibile dubbio di condivisione assoluta. Ogni partito per migliorare ha bisogno di conoscere quello che pensano e desiderano i propri sostenitori, che non devono accettare passivamente le decisioni dei loro capi. In tal modo si evita di prendere decisioni che non rispettano le finalità che il partito si è prefissato !