Aspettando gli Stati Generali: relazione del 1° Comitato Provinciale della provincia di Frosinone.

Aspettando gli Stati Generali: relazione del 1° Comitato Provinciale della provincia di Frosinone.

SI E’ TENUTO A CECCANO (PROVINCIA DI FROSINONE) UN INCONTRO PROFICUO E INTERESSANTE,IN CUI SI È PARLATO DEL RILANCIO DELLA DEMOCRAZIA CRISTIANA NEL FRUSINATE, DELLE VARIE NECESSITÀ TERRITORIALI E DEI VALORI DEMOCRISTIANI DA DIFENDERE E PROPAGANDARE.

* CI SI E’ DATI APPUNTAMENTO ALLA PROSSIMA ASSEMBLEA NAZIONALE DELLA DEMOCRAZIA CRISTIANA  PER GLI STATI GENERALI CHE SI SVOLGERÀ’ A ROMA (SALA CONVEGNI HOTEL “CASA TRA NOI”)  18/19 Gennaio 2019.

* PRESENTI ALL’INCONTRO – TRA GLI ALTRI – IL SEGRETARIO POLITICO PROVINCIALE D.C. FROSINONE PROF.SSA GIUSEPPINA PAPA, IL SEGRETARIO REGIONALE VICARIO D.C. LAZIO DOTT. ALESSANDRO PINTO, IL SEGRETARIO NAZ.LE SVILUPPO E ORGANIZZAZIONE D.C. ANTONIO GENTILE(ATTUALE VICE DIRETTORE DEL GIORNALE IL POPOLO DELLA DC) E L’ARCH. FIORENZO D’AMATA RESPONSABILE PROVINCIALE.

All’incontro la presenza di amici e simpatizzanti, nel post su Facebook  alla pagina Democrazia Cristiana – Provincia di Frosinone( https://www.facebook.com/groups/870894296404799/?ref=br_rs),  non è stato evidenziato che nell’incontro è intervenuto l’avv. Zompa Beniamino, Resppnsabile provinciale Fr del Dip. Giustizia e Legalità, che attualmente fa parte della S.N.A.R.P.  <<Lo S.N.A.R.P. è stato costituito all’inizio del 1995 per la tutela istituzionale dei diritti dei consumatori, cittadini, professionisti, imprenditori ed artigiani incorsi in protesti e per prevenire e combattere l’usura e gli abusi del sistema bancario e finanziario.
Opera in sinergia con l’Ufficio del Commissario di Governo per la Lotta all’Usura e al Racket ed è stato socio fondatore della C.I.A.A.A. Confederazione Italiana Associazioni Antiusura e Antiracket>>.

E’ molto attivo nello svolgimento dell’attività di contrasto alle forme delinquenziali, di usura e racket nei confronti dei professionisti e anche di persone comuni.

Nell’incontro provinciale si è parlato di molte criticità nella città di Frosinone, in particolare:

 

  • lo smog e l’inquinamento, che sono  causa di una alta percentuale di mortalità per tumori, specie ai polmoni;
  • mancanza di un DEA di 1° livello. Nel Lazio ci sono in tutto in numero di 5 di cui, n.4 a Roma e n.1 a Latina. In considerazione della distanza tra Frosinone e Latina, e l’implosione dell’Osp. di Latina che fa fatica a far fronte alle necessità anche della Provincia di Frosinone, in caso di emergenza spesso si creano forte criticità, insistendo anche il fattore logistico. Reputo che sia importante sostenere l’iniziativa di proporre alla Regione Lazio, Assessorato alla Sanità la necessità di rimediare a questa carenza. Anche se nel Comune di Ceccano esiste un Presidio Ospedaliero, Santa Maria della Pietà, è necessario considerare che il Comune di Frosinone comprende circa 90 Comuni. In considerazione alle promesse, formulate dalla Regione Lazio per la costituzione a Frosinone di un DEA di 1° e di 2° livello, tuttavia a oggi esse sono state disattese. IL Tribunale del Malato indirrà un’Assemblea con tutte le Associazioni di volontariato, in accordo con la Segreteria Provinciale di Cittadinanzaattiva per decidere sulle iniziative da intraprendere su questa delicata materia;
  • rivitalizzare la reindustrializzazione e l’adeguamento occupazionale, in considerazione della fascia di età dei giovani, compresa tra i 25/32 anni, che sono senza lavoro;
  • adeguamento ferroviario, in presenza dei pendolari che ogni mattina usufruiscono del treno per spostarsi da casa verso il posto di lavoro;
  • maggiore attenzione da parte delle forze dell’ordine sulla prevenzione allo spaccio della droga; si richiede l’intervento della polizia cinofila, con cani particolarmente addestrati, a individuare spacciatori, che si soffermano anche dinanzi ai plessi scolastici, sia elementari che medie e superiori;
  • una maggiore attenzione allo sviluppo dell’utilizzo delle rinnovabili, deputate a contribuire a limitare forme di inquinamento per salvaguardare l’ambiente e per produrre energia elettrica, necessaria alla popolazione;
  • sviluppo del settore agricolo;
  • S.E.&.O.

Alle ore 12,45 circa, l’incontro si è concluso con un aperitivo, offerto dalla dott.ssa Giuseppina Papa.

Si invitano le altre province del territorio nazionale ad aprire incontri con la cittadinanza per dar modo a tutti di poter dire la loro e quindi dare voce a chi non ce l’ha, parlando di progetti sul territorio e problematiche varie.

La Redazione de Il Popolo. Curato da Antonio Gentile Vice Direttore.

 

Una risposta a "Aspettando gli Stati Generali: relazione del 1° Comitato Provinciale della provincia di Frosinone."