IL SIGNIFICATO DELLE SACRE CENERI

IL SIGNIFICATO DELLE SACRE CENERI
A cura di Franco Capanna (sindacalista Teramo)

franco.capanna@dconline.info * cell.

Editorialista de < Il Popolo > della Democrazia Cristiana.

Personaggio dell’anno in Canada nel 2020.

< LA GENESI DELLE CENERI CRISTIANE E DELLA QUARESIMA: ORIGINI E SIGNIFICATO >

Qual’è il significato delle Ceneri cristiane e della Quaresima ?

Quali sono le origini e la loro storia, perchè si festeggia e cosa si celebra con il Mercoledì delle Ceneri.

Significato delle CeneriCon il Mercoledì delle Ceneri inizia la Quaresima.

Si tratta di un periodo molto importante per i fedeli, che anticipa l’arrivo della Pasqua.

 

I cristiani si preparano ad accogliere la resurrezione di Gesù, ma anche a compiere un cammino di conversione e di digiuno.

Infatti, il Mercoledì delle Ceneri non si mangia carne. In questo giorno ha inizio quella prassi penitenziale che ha origini molto antiche.

Si tratta della celebrazione pubblica della penitenza.

Ed in occasione delle Ceneri i cristiani fedeli intraprendono quel cammino di astensione e di preghiera che conduce all’assoluzione dei peccati la mattina del Giovedì Santo.

Il significato delle Ceneri è quindi questo: la celebrazione pubblica della penitenza, intesa come rito che porterà all’assoluzione dei peccati.

Ma anche alla conversione autentica dei fedeli. In questo giorno ha inizio anche la Quaresima, detta anche Quadragesima, cioè un “tempo di quaranta giorni”. Questo numero ricorre spesso nella religione cristiana, e tanti sono i significati e gli episodi in cui ricorre il numero quaranta.

Ma cosa si celebra durante il Mercoledì delle Ceneri, qual è il significato di questa ricorrenza? Che cos’è la Quaresima? Vediamo quali sono i gesti e le preghiere usate per le celebrazioni liturgiche

Con il termine “Ceneri cristiane” si indica il mercoledì che anticipa la prima domenica di Quaresima. In questo giorno ha inizio il periodo quaresimale, detto anche periodo liturgico “forte”.

Quest’ultimo prevede penitenza e digiuno in preparazione alla Pasqua. In occasione del Mercoledì delle Ceneri la Chiesa prevede il digiuno e l’astinenza dalle carni. Non a caso, il giorno prima delle Ceneri è il Martedì Grasso, ossia l’ultimo giorno in cui si può mangiare “di grasso”, senza particolari limitazioni.

Durante la celebrazione del Mercoledì delle Ceneri, il sacerdote sparge un pizzico di cenere benedetta sulla fronte dei fedeli. Questo rito rimanda al significato delle Ceneri cristiane stesse, ossia quello di ricordare ai fedeli la caducità della vita terrestre e la precarietà della condizione umana.

A sottolineare l’aspetto effimero della esistenza terrestre, sono anche le formule di ammonimento previste dalla liturgia.

Il sacerdote, infatti, nell’imposizione della cenere, può recitare la formula tradizionale. “Ricordati che sei polvere e in polvere ritornerai“.

Con questo invito alla conversione si fa riferimento alle parole che il Signore disse ad Adamo. «Con il sudore del tuo volto mangerai il pane, finché non ritornerai alla terra, perché da essa sei stato tratto: polvere tu sei e in polvere ritornerai!» (Gen 3,19).

Oppure c’è anche la formula più recente “Convertitevi e credete nel Vangelo“.

Quest’ultima formula è stata introdotta dalla riforma liturgica successiva al Concilio Vaticano II.

La cenere posta sul capo si ricava dal rogo dei rami di ulivo benedetto della Domenica delle Palme dall’anno precedente.

 

  *********************************************************************************************************

    www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

  *********************************************************************************************************

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Fernando
Fernando
5 mesi fa

Grazie davvero. Articolo davvero bellissimo.

Franco Capanna
Franco Capanna
5 mesi fa
Reply to  Fernando

Bravo tu Fernando come sempre

Giovanni
Giovanni
5 mesi fa

Mi piace molto la sua descrizione semplice e chiara.