RILANCIARE IL TERRITORIO ABRUZZESE NEL SEGNO DELLA SERIETA’ E DELLA COMPETENZA!

RILANCIARE IL TERRITORIO ABRUZZESE NEL SEGNO DELLA SERIETA’ E DELLA COMPETENZA!

 

di DORA CIRULLI (Roma) * dora.cirulli@dconline.info * Cell. 334-3614005

 

**************************************************************

Le elezioni che si terranno in Abruzzo il 10 febbraio 2019 rappresentano un momento di profonda riflessione sulla situazione sociale, economica e culturale che sta vivendo la nostra regione in questi ultimi anni, segnati non solo da crisi economica e mancanza di sicurezza ma anche da eventi catastrofici come terremoti e fenomeni metereologici straordinari.
Le mie origini abruzzesi nel tempo mi hanno sempre portata a guardare con particolare interesse alle vicende e ai mutamenti sociali del nostro territorio, focalizzando la mia attenzione soprattutto su problematiche quali spopolamento e mancanza di adeguate politiche che possano rendere l’Abruzzo una Regione attrattiva per giovani, famiglie e imprese.
 È sotto gli occhi di tutti infatti come molti Comuni- soprattutto nelle più remote aree montane- siano stati interessati negli anni da un lento e inesorabile abbandono da parte delle fasce più giovani della popolazione, una tendenza che oggi non accenna purtroppo ad arrestarsi: se negli anni Cinquanta e Sessanta intere famiglie si spostavano in città come Roma in cerca di una vita dignitosa, ancora oggi studenti e lavoratori sembrano quasi essere costretti ad andarsene per poter accedere a istruzione e offerte  professionali adeguate. Molteplici e profonde le cause di questo fenomeno: se un tempo la durezza delle condizioni di vita e l’arretratezza di un’agricoltura perlopiù di sussistenza rendevano molto più appetibile emigrare verso i grandi centri industriali, oggi si fanno sentire duramente la presenza di infrastrutture adeguate e l’assenza di iniziative atte a valorizzare il territorio in tutte le proprie potenzialità, dal turismo all’agricoltura di qualità.
Dora prof.ssa CIRULLI

I nostri valori democristiani di rispetto e dignità del lavoro ci portano dunque a guardare con interesse e ispirazione a quelle politiche di riavvicinamento al territorio (inteso anche come potenziamento del settore agricolo) già messe in atto con successo in molte zone europee, con un incremento qualitativo delle condizioni di vita di molte zone rurali: sono infatti del parere che l’Abruzzo- una Regione tra mare e montagna, con storia e tradizione ricchissime e con una forte identità culturale- possa acquisire una sempre più importante vocazione turistica e agroalimentare, con creazioni di posti di lavoro e ripopolamento dell’area. È indispensabile per portare a termine questo tipo di sviluppo coinvolgere giovani, famiglie e imprenditori, con incentivi, fondi e un miglioramento generale delle infrastrutture e dei servizi offerti: coltivare la terra e dedicarsi alls promozione del proprio piccolo paese deve essere un motivo di orgoglio e di soddisfazione personale, con chiaramente un riscontro anche a livello economico!

 Tutto questo naturalmente non può essere realizzato in poco tempo e soprattutto con figure incompetenti e inesperte: è importante infatti affidare le sorti della nostra Regione a chi con competenza e passione ha a cuore gli interessi e i valori della nostra gente, non certo a chi grida slogan privi di senso o è interessato solamente a delle poltrone. Dopo tutti questi anni non c’è certo necessità di questo, è necessario un cambiamento, un sorta di ritorno al passato fatto di buon senso e responsabilità, un ritorno nel segno dei nostri valori democratico-cristiani!

 

 

**************************************************************

di DORA CIRULLI (Roma) * dora.cirulli@dconline.info * Cell. 334-3614005

Capo Ufficio Stampa nazionale della Democrazia Cristiana

Direttore Responsabile Vicario de “IL POPOLO” della Democrazia Cristiana.

**************************************************************

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments