Prende corpo su tutto il territorio nazionale il movimento di protesta promosso da IL LAVORATORE ITALIANO e DEMOCRAZIA CRISTIANA: “O SI RIFA’ L’ITALIA O SI MUORE !”

Prende corpo su tutto il territorio nazionale il movimento di protesta promosso da IL LAVORATORE ITALIANO e DEMOCRAZIA CRISTIANA: “O SI RIFA’ L’ITALIA O SI MUORE !”

A cura di Dora Cirulli (Roma) * dora.cirulli@dconline.info * cell. 334-3614005 * Segretario naz.le Dip. Comunicazione Democrazia Cristiana e Portavoce naz.le D.C.

Dora Cirulli (Roma)

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

Pagina facebook della Democrazia Cristiana                                   < DemocraziaCristianaOnline >

< Prende corpo su tutto il territorio nazionale il movimento di protesta promosso da IL LAVORATORE ITALIANO e DEMOCRAZIA CRISTIANA: “O SI RIFA’ L’ITALIA O SI MUORE !” >

Si intensifica non solo a Napoli ed in tutta Italia, ma sta coinvolgendo tutto il territorio nazionale il Movimento di protesta contro una inaccettabile ed insostenibile volontà punitiva e distruttiva espressa da tutte le forze politiche parlamentari e dal Governo nei confronti del popolo italiano.

ALFREDO GIACOMETTI (Napoli) * Presidente de “IL LAVORATORE ITALIANO” * cell. 348-7252078

Le forze politiche italiane che vanno per la maggiore, presenti in Parlamento ed (a turno) nelle compagini governative hanno infatti sempre garantito la difesa della situazione esistente in maniera prepotente ed illegittima.

Da quando il Governo Berlusconi sul finire del 2005 ha variato l’infausta legge elettorale ad uso e consumo dei “partiti/lobbies” esistenti tuttora in Parlamento, abbiamo assistito ad un continuo e vergognoso degrado, supportato abbondantemente dai “mass media” nazionali, veri e propri servi del regime, che hanno continuato a vessare il popolo italiano.

Essi infatti si sentono forti della “immunità” loro concessa da una legge elettorale, illegittima ed anticostituzionale, che di fatto ha privato il popolo italiano dello strumento principale della democrazia.

Strumento che – lo sanno anche i bambini – è quello di poter eleggere liberamente e democraticamente i componenti del Parlamento attraverso il proprio voto.

Incontro in Friuli (dicembre 2019) per la sigla dell’accordo tra <Democrazia Cristiana> e <Il Lavoratore italiano>.

Chiedere di riandare a votare senza aver cambiato la legge elettorale e senza difendere la vera < sovranità popolare > che ci è stata tolta è l’ennesimo imbroglio !

E servirebbe soltanto ai vari Salvini, Meloni, Berlusconi che mo’ si offendono, mo’ si alleano, di continuare a giocare sulla pelle degli italiani !

E continuare a garantire quella protezione che il Parlamento italiano (abusivo ed illegale se è vero come è vero che è frutto di una legge elettorale iniqua ed antidemocratica ) concede ai veri e propri potentati  che si pongono come obiettivo principale quello di distruggere il popolo italiano.

Direzione nazionale D.C. – ROMA – 11 gennaio 2020

Da qui la decisione di iniziare una mobilitazione contro questo modo di agire politico insensato e delittuoso a cui ormai tutto il popolo è pronto ad associarsi se non fosse per una sorta di torpore, misto a delusione, per una situazione generale davvero catastrofica, che ha fiaccato il morale, togliendoci quasi forze per reagire.

Il Vice-Presidente nazionale D.C. e Presidente nazionale ASCON Dott. Roberto Esposito (Roma)

E’ proprio su questo versante che sul finire del 2019 è stata raggiunta una intesa politica e sociale tra il Movimento <Il Lavoratore italiano > e la < Democrazia Cristiana > in base alla quale si è deciso di predisporre un programma economico e sociale in grado di invertire la rotta esistente da troppi anni in Italia e cercare di reagire al malcostume oppressivo ed ingiusto ormai dilagante nel nostro Paese.

Questa intesa è stata siglata in un primo tempo con un incontro avvenuto in Friuli (nel dicembre del 2019) tra il Segretario politico della Democrazia Cristiana Angelo Sandri ed il Presidente del Movimento < Il Lavoratore italiano > Alfredo Giacometti.

Accordo che è stato poi sottoposto alla valutazione della Direzione nazionale della Democrazia Cristiana riunitasi a Roma (sala convegni Università S. Paolo – Via G. Giolitti n. 335) in data 11 gennaio 2020 e che è stato approvato dalla stessa all’unanimità.

Da questa approvazione è partita un’azione politica che inizialmente concentrata nella regione Campania dove ha coinvolto altre componenti politiche che hanno già dato la loro adesione a questo progetto.

L’accordo tra < Il lavoratore italiano > e la < Democrazia Cristiana > è stato poi esteso ad altre forze politiche e sociali che operano in Campania ed anche a livello nazionale.

E molte altre hanno già preso contatti, facendo comprendere che può essere esteso a tutto il territorio nazionale.

Clara Funiciello (Taranto)

Per quanto riguarda la Democrazia Cristiana tutte le varie regioni d’Italia hanno dato la loro adesione (come già unanime è stata la votazione dell’accordo in sede di Direzione nazionale della D.C.

Il Coordinatore Vicario della Segreteria politica nazionale D.C. Clara Funiciello (Taranto) ha espresso la precisa volontà della Segreteria nazionale del partito scudocrociato di sostenere con forza e determinazione questa battaglia politica e già ha concordato con Alfredo Giacometti alcune iniziative da poter intraprendere non solo in Puglia ma in varie regioni italiane.

 

Cav. ALFREDO GIACOMETTI (Napoli) * Presidente de “IL LAVORATORE ITALIANO” * cell. 348-7252078 * alfredo.giacometti@dconline.info *

 

< IL POPOLO > della DEMOCRAZIA CRISTIANA * Direttore Resp. ANGELO SANDRI *

mail: segreteria.nazionale@dconline.info

* Cell. 342-9581945 * 342-1876463 

Direzione e Redazione – Via Giovanni Giolitti num. 335 – cap. 00185 – ROMA

Periodico registrato presso il Tribunale di Bolzano al num. 13/2004 in data 22/11/2004

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Nicola Russo
Nicola Russo
2 anni fa

Bene

luca
luca
2 anni fa

il cognome di Angelo sul manifesto è sbagliato.

A. P.
A. P.
2 anni fa

Veramente, poiché il Promotore e tutti gli altri che vedo in fotografia hanno un aspetto non giovanissimo, ma di persone anziane, ritengo più giusto che si chiamasse:
IL PENSIONATO ITALIANO.
Cordialmente.
A.P.