LA DEMOCRAZIA CRISTIANA RIPARTE DAL 10 PER CENTO OTTENUTO AD ARDEA (RM): INTERVISTA AL VICE-SEGRETARIO POLITICO NAZIONALE DELLA D.C. COMM. RODOLFO CONCORDIA – PRIMA PARTE

LA DEMOCRAZIA CRISTIANA RIPARTE DAL 10 PER CENTO OTTENUTO AD ARDEA (RM): INTERVISTA AL VICE-SEGRETARIO POLITICO NAZIONALE DELLA D.C. COMM. RODOLFO CONCORDIA – PRIMA PARTE
Dott. Fernando Ciarrocchi

A cura di Dott. Fernando Ciarrocchi (Ascoli Piceno)

fernando.ciarrocchi@dconline.info * cell. 347-2577651 “

Coordinatore della Redazione giornalistica de < IL POPOLO > della Democrazia Cristiana

< LA DEMOCRAZIA CRISTIANA RIPARTE DAL 10 PER CENTO OTTENUTO AD ARDEA (RM): INTERVISTA AL VICE-SEGRETARIO POLITICO NAZIONALE DELLA D.C. COMM. RODOLFO CONCORDIA – PRIMA PARTE >.

Una immagine panoramica di Ardea, importante Comune della provincia di Roma.

Dalle urne dello scorso 12 giugno 2022 non sono emersi certo risultati incoraggianti in primis per quanto riguarda il dato dell’affluenza alla urne da parte del corpo elettorale che purtroppo ha fatto che il partito dell’astensionismo si confermasse primo  partito supportato dall’altro dato negativo, purtroppo, rappresentato dal non raggiungimento del quorum per la validità della consultazione referendaria sui quesiti della giustizia.

Nella stessa giornata elettorale sono stati chiamati alle urne anche gli elettori di quasi 1000 Comuni italiani che hanno rinnovato le rispettive assemblee consigliari e i primi cittadini giunti a scadenza di mandato amministrativo.

Il Candidato Sindaco di Ardea Dott. Lucio Zito al ballottaggio del 26 giugno 2022 partendo dal 40 per cento dei consensi

Tra questi anche in Comune di Ardea, in provincia di Roma (Lazio), che conta ben 50.000 abitanti. Un centro dunque di tutto rispetto.

Ebbene nel contesto di questa specifica tornata elettorale i candidati sindaco delle due maggiori coalizioni, centro destra  e centro sinistra, non avendo nessuno dei due raggiunta la maggioranza dei consensi, sono tutt’ora in in campagna elettorale elettorale in vista del ballottaggio in programma per domenica 26 giugno.

Oltre al dato del ballottaggio dal primo turno della tornata elettorale è emerso un altro dato di notevole valenza politica: la Democrazia Cristiana, il partito dello scudo crociato, a sostegno del candidato Sindaco prof. Luci0 Zito, ha avuto un ottimo risultato elettorale pari al 9,8%.

Di questo importante risultato ne parliamo con il Comm. Rodolfo Concordia, Vice-Segretario nazionale della Democrazia Cristiana e Segretario  politico regionale della D.C. del Lazio che ha preso parte in maniera estremamente attiva alla competizione elettorale a supporto del partito dello scudocrociato.

Comm. Rodolfo Concordia (Roma)

D) Il risultato elettorale della Democrazia Cristiana ottenuto ad Ardea lo giudica sorprendente?

R) Ho percepito in maniera nitida la potenzialità di un Gruppo coeso che marciava unito verso un obiettivo condiviso.

Un Gruppo di amiche ed amici, giovani e non, tenuti insieme dai grandi valori del nostro partito ed affascinati dall’idea della costruzione di una Città Terrena, come strumento di soddisfacimento delle aspettative e delle attese e come una  prospettiva di evoluzione umana e del rispetto della Sua dignità; consapevole, inoltre, che da Ardea, poteva iniziare un nuovo progetto di reincarnazione dei  grandi Valori della Dottrina Sociale della Chiesa nel tessuto connettivo del Paese.

Il Segretario politico nazionale D.C. Angelo Sandri

Ebbene, ho sempre detto al nostro Segretario Nazionale dott, Angelo Sandri che percepivo una positività di un impegno ma mai, nonostante la mia esperienza, avrei mai potuto ipotizzare lo straordinario successo del nostro Partito nella misura in cui si è mano a mano, consolidato.

È stato un crescendo stupendo che sorprendeva all’inizio amici ed avversari e che si tramutava in gioia per Noi e dolore per coloro che schiavi di arroganza e di pregiudizi, probabilmente temevano quello che è accaduto.

Lucio Zito, Rodolfo Concordia e Roberto Esposito al comizio di chiusura della campagna elettorale ad Ardea (RM)

Voglio sommessamente far notare, che nelle Liste presentate non ci sono quelle di Forza Italia e Udc, nel territorio ove Pierferdinando Casini nel 2006, fu eletto con il massimo di voti nel collegio.

D) Una scelta che Aldo Moro definirebbe da “equilibri più avanzati”. Come mai?

R) Devo essere sincero. La logica di questa scelta non era proiettata al futuro, ma rispondeva con fermezza, ai tipici atteggiamenti di presunti alleati che non avevano e non hanno il dovuto rispetto verso ciò che siamo oggi e soprattutto verso la nostra storia gloriosa.

il compianto Presidente della Democrazia Cristiana On. Aldo Moro

L’ho detto al Comizio di chiusura della campagna elettorale in Largo Dante, ad Ardea, con la chiarezza e la fermezza di sempre e chiunque dovesse perseverare in questo atteggiamento, verrà trattato per ciò che merita.

Non dimentichiamo fra l’altro, che operavamo in un contesto territoriale dove le differenze ideali vengono attenuate dalla condivisione di un progetto a cui noi tenevamo insieme agli alleati.

Per di più, abbiamo apprezzato tantissimo il nostro candidato a Sindaco Lucio Zito, persona di alta cultura, disponibile al dialogo, rispettoso delle idee altrui e soprattutto degli accordi intercorsi.

Con franchezza, devo dire, che il vero cemento di questa alleanza locale é proprio Lui ed a Lui va tutto il nostro rispetto e la nostra fiducia. Se poi quanto accaduto ad Ardea si configura come una ricerca di equilibri più avanzati, direi che non era questo l’obiettivo dichiarato.

Vorrei fare in proposito un’ultima considerazione personale.

Aldo Moro viaggiava nel tempo della politica con anni luce di vantaggio, ma aveva sempre un obiettivo: la costruzione di una Democrazia Compiuta con l’alternanza al potere ed il rafforzamento del sistema Democratico Italiano.

In questo ambito tendeva a recuperare quella decisione ” ad escludendum” del PCI scaturita dopo gli accordi di Yalta che consideravano l’Italia integrata nel sistema occidentale ispirato e realizzato per volontà della Democrazia Cristiana.

Esso guardava al futuro con la lucidità di uno Statista che traguardava al domani e non rincorreva le miserie delle opportunità di accrescere il consenso ai Partiti.

Il Segretario politico comunale della Democrazia Cristiana di Ardea (RM) Geom. Simone Erriu.

E quando esigo rispetto per il passato, mi riferisco alle grandi scelte fatte dalla Democrazia Cristiana per il bene del Paese.

Ricordo a tutti la legge Agraria che ci costò la perdita di milioni di voti.

Ma essa rispondeva ad un senso di giustizia verso coloro che per la Guerra avevano perso tutto, anche di che vivere con dignità.

E nonostante avessimo percepito la perdita di consenso e ragionando nell’ottica del bene del Paese, la preparammo e la votammo.

Prima viene il Bene del Paese e poi tutto il resto !

Nelle immagini pubblicate sulla destra alcuni momenti di una veramente intensa campagna elettorale condotta dalla Democrazia Cristiana ad Ardea in occasione della recente campagna elettorale per le elezioni amministrative 2022.

 

         ****************************************************************************************************

        www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

         ****************************************************************************************************

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments