I media del ventunesimo secolo e quello che il fascismo non era riuscito a compiere

I media del ventunesimo secolo e quello che il fascismo non era riuscito a compiere

A cura di Nicola Reza Marsico (Milano) * nicola.marsico@dconline.info * Segretario del Movimento Giovanile della Democrazia Cristiana di MIlano.

Nicola Marsico (Milano)

Pagina Facebook della Democrazia Cristiana

< DemocraziaCristianaOnline > 

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

< I media del ventunesimo secolo e quello che il fascismo non era riuscito a compiere >.

Il fascismo in Italia voleva la sottomissione ideologica del popolo allo Stato, una sottomissione forzata.

Ogni forma di contrasto o di opposizione veniva severamente punita da sanzioni. Essere fascista era quindi obbligatorio, anche se delle forme di contrasto come i partigiani o gli oppositori cattolici esistevano e resistevano.

Oggi i Media digitali hanno fatto ben peggio. Istituzioni come Facebook, Instagram, Twitter hanno la stessa perfida funzione e sono una sorta di “dottrina” che impone ad ogni generazione (precedente o nuova) a seguire ed a integrarsi in questo mondo.

Siamo tutti sottomessi alla obbligazione psicologica di postare, di commentare, di rispondere ai commenti. Siamo malati e non riusciamo a distaccarci un attimo da essi, per timore di essere giudicati come “assenteisti” o “asociali”.

Ma non solo.

Vi siete mai accorti che a seconda degli oggetti delle vostre ricerche, siti corrispondenti a tali vostri interessi invadono, senza permesso, la vostra privacy, proponendovi soluzioni, oggetti, risposte tramite post o foto, arrivando ad utilizzare anche le geolocalizzazione, e dimostrando così di sapere dove vi trovate ?

Si chiama controllo e sono una violazione della privacy: parliamo del cosiddetti“cookies”.

Non so Voi, ma a me ricorda tanto “Big Brother is watching you” di George Orwell in 1984.

Cosa hanno i media contemporanei in più rispetto al fascismo ? L’adesione al fascismo era imposta dalle istituzioni. Se i Media esistono è invece tutta colpa nostra.

E’ colpa nostra, se siamo diventati “sudditi ubbidienti” di questa dittatura mediatica o “mediopatici”.

Non è colpa di un’ingiustizia o di un colpo di stato. Siamo stati noi gli artefici e parte integrante di questa invasiva e pervasiva forma dittatoriale.

Nel ventennio, essere in contrasto con la dottrina imposta dal regime, comportava punizioni esemplari, talvolta anche la morte.

Oggi ben peggio. Non aderire ai Media, significa vivere la tortura più pesante attualmente esistente sulla storia della terra: la solitudine e l’emarginazione.

Ma perchè i Media possono essere paragonati ad una dottrina autoritaria?

Diamoci le opportune risposte. Cosa fate appena vi alzate la mattina ? Dove condividete i vostri momenti migliori ? In questo periodo così diverso, come comunicate con gli altri ?

Abbiamo creato una pena capitale che consiste nell’escludere i cosiddetti “puri” dal mondo mediatico.

Coloro che non aderiscono e non partecipano attivamente ai Media digitali sono esclusi da tale nuovo sistema sociale e non hanno la possibilità di comunicare con altri, a meno che qualche Santo vada ad interessarsi ancora di loro.

Tali esclusi conoscono bene l’argomento, ma rimangono apatici e provano un senso di rifiuto, un pò come i comunisti quando ascoltavano il Duce.

Abbiamo creato il sistema più autoritario al mondo: i media digitali. Siamo schiavi di questo sistema ed a me sembra un mondo distopico. Ed io come suddito, sono costretto a pubblicare questo mio pensiero.

 

A cura di Nicola Reza Marsico (Milano) * nicola.marsico@dconline.info * Segretario del Movimento Giovanile della Democrazia Cristiana di MIlano.

Pagina Facebook della Democrazia Cristiana

< DemocraziaCristianaOnline > 

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

*************************************************

< IL POPOLO > della DEMOCRAZIA CRISTIANA * Direttore Resp. ANGELO SANDRI *

mail: segreteria.nazionale@dconline.info

* Cell. 342-9581945 * 342-1876463 

Direzione e Redazione – Via Giovanni Giolitti num. 335 – cap. 00185 – ROMA

Periodico registrato presso il Tribunale di Bolzano al num. 13/2004 in data 22/11/2004

 

3 Responses to "I media del ventunesimo secolo e quello che il fascismo non era riuscito a compiere"

  1. Nicola Toajar   5 Aprile 2020 il 13:58

    La Società è cambiata , le modalità, il mondo, la tecnogia, imparare, ecc. Bisogna stare ai tempi e nel contesto attuale. Bisogna guardare avanti. Oggi con questo evento la tecnogia è indispensabile, specie nella scuola, molti nel lavoro. Nella medicina, nell’amministrazione pubblica e privata .Tutto. Molti medici lavorano da casa e si scambiano notizie per consultarsi, vedere, proporre, , ecc. L’importante è non fare usi ossessivi inutili. Allora diventa tossica e crea dipendenza. Riguardo al fascismo, sta bene dove è nelle fogne, perché se riemerge la libertà é negata e accantonata. Quelli di fondo hanno fatto SOLO del male. Ne hanno avuto chiara prova I miei ascendenti TUTTI. Avanti tutta. Dopo il temporale arriva prima e/o dopo il sole.

  2. mm
    Amministratore PopoloNews   5 Aprile 2020 il 15:35

    Articolo lucido e finemente intelligente! Bravo Nicola, hai colto nel segno. Ci siamo lasciati soggiogare e come dicevo questa mattina, nel nostro correre e rincorrere abbiamo dimenticato l’uomo. * ANGELO PAGANI (Brescia) * Vice-Segretario Organizzativo regionale D.C. Lombardia * Cell. 329-9132253 * angelo.pagani@dconline.info

  3. Amy   7 Aprile 2020 il 07:28

    Hey my name is Amy, I am from Leggings Hut.

    Thought I’d let you know that we ship our fitness apparel worldwide directly from New York City.

    Fitness leggings and athletic wear for women made with quality soft material.

    You will never overpay when shopping with us.

    Discover our collection today http://www.leggingshut.co

    Thanks and have a great day!