I GIORNI DELLO SMARRIMENTO

I GIORNI DELLO SMARRIMENTO

 

A cura di FRANCO CAPANNA (Teramo)

franco.capanna@dconline.info * cell. 345-1594496 *

< I GIORNI DELLO SMARRIMENTO >

 

 Viviamo tempi diversi che sembrano i giorni dello smarrimento dell’amore che non si inventa, i giorni della destinazione e senza un movimento; quando il gioco si fa serio e si smette di giocare ed è tutta una salita sino a sera.

 

Bisogna tornare candidi come bambini per vederci meglio e riflettere su tali dialoghi.

La mamma di un bimbo:”Gesù è in cielo”, no,rispose “Gesù è nel mio cuore, non sta in cielo. E nel mio cuore il cielo”.

 

“Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”.
“Coloro che sognano di giorno sanno molte cose che sfuggono a chi sogna soltanto di notte”. “Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vive.
“Amore è un fumo levato col fiato dei sospiri; purgato, è fuoco scintillante negli occhi degli amanti; turbato, un mare alimentato dalle loro lacrime.
Che altro è esso? Una follia discreta quanto mai, fiele che strangola e dolcezza che sana.”
Una citazione agrodolce, per iniziare il viaggio tra poeti e letterati che hanno parlato di uno degli argomenti più difficili:

l’amore.

Quella citata è una frase illustre, Shakespeare la utilizza in “ROMEO E GIULIETTA” per spiegare la passione che ha generato una delle tragedie più note di sempre.

 

E sì, l’amore non è solamente sorrisi e cuore che batte. Non esistono solo momenti da farfalle nello stomaco, e gli autori, antichi e contemporanei, lo sanno bene.

Il Bardo non è il solo a prestare attenzione a questi lati meno piacevoli e celebrati dell’“Amare è in ogni caso essere vulnerabili.

Ama qualcosa e il tuo cuore certamente sarà diviso e rotto.”

C’è il pericolo di rimanere feriti, nelle parole tratte dal libro “I QUATTRO AMORI” di Clive Staples Lewis, autore tra l’altro delle Cronache di Narnia.

E c’è chi è ancora più drammatico di Lewis, e suggerisce addirittura che l’amore sia un cri “Ciò che v’è di noioso nell’amore, è il fatto che è un delitto in cui non si può fare a meno d’un complice.”

Un pensiero di Charles Baudelaire, tratto dalla raccolta postuma RA

Ci sono abissi che l’amore non può superare, nonostante la forza delle sue ali.”

Lo scrittore francese Honoré de Balzac, nel romanzo La pelle di zigrino, non pone più fiducia dei precedenti nelle capacità dell’amor “L’amore vero vuole il bene dell’amato.”

Come non è saggio voltare lo sguardo alla negatività nascosta dietro il sentimento amoroso, non è neppure possibile ignorare tutto ciò che di bello esiste legato a esso.

E anche se l’amore tormentato è il preferito da scrittori e poeti, le citazioni amorose cariche di gioia e altruismo nei confronti della persona che si desidera non hanno meno valore.

Battuta tratta dall’ennesimo insegnamento di Guglielmo da Baskerville al suo allievo Adso, nel romanzo Il nome della rosa di Umberto Eco:

“Uno spettacolo per gli dèi è la vista di due innamorati.”

Un’ulteriore celebrazione del sentimento, un aforisma Johann Wolfgang Goet, Eros ha sconvolto il mio cuore, come un vento che si abbatte sulle querce sulla montagna.”

Scritto da Franco Capanna.

5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Franco Capanna
5 mesi fa

Insisto di scrivere qui commenti e non inviare a me in privato.
Grazie