FRANCO CAPANNA (MOV. SENIORES D.C.): NON SEMPRE IL SILENZIO E’ D’ORO. IN POLITICA DI SICURO NON LO E’ !

FRANCO CAPANNA (MOV. SENIORES D.C.): NON SEMPRE IL SILENZIO E’ D’ORO. IN POLITICA DI SICURO NON LO E’ !

A cura di FRANCO CAPANNA (Teramo)

franco.capannadconline.info * cell. 345-1594496 *

Vice-Presidente nazionale Vicario del “Movimento Seniores” della Democrazia Cristiana

Sindacalista – Giornalista – Scrittore

Editorialista de IL POPOLO della Democrazia Cristiana.

< FRANCO CAPANNA (MOV. SENIORES D.C.): NON SEMPRE IL SILENZIO E’ D’ORO. IN POLITICA DI SICURO NON LO E’ ! > 

Già ai tempi del mio percorso sindacale alcuni dirigenti facevano fugaci comunicati stampa su problematiche varie, ma il focus dominante era tutto lì: ovvero ”passata la festa gabbato il santo” .

Dove era l’azione al supporto? Nessuna!

Ovvie le susseguenti rimostranze di me scrivente!

Ora grazie all’ottimo Presidente Angelo Sandri che mi ha gratificato di alcuni titoli che senz’altro mi sono graditi ma inefficaci se usati a scopo arricchimento intellettuale, personale, una sorta di panegirico fine a se stesso, che se così intesi non sarebbero funzionali al cosiddetto Bene Comune.

Per dire che tanti si riempiono di uno scritto di parvenza utilitaristico ma privo di azione sul campo.

Nulla ad personam con l’autore del pezzo ma fa ” incavolare” il passo ove si dice in Democrazia Cristiana vi sarebbero i Rambo, detto con un certo qual sarcasmo inappropriato (si facciano i nomi !) e vanta i silenziosi come portatori di chissà cosa.

Se si è silenziosi in tutti i rami sociali lo stesso è come dire ‘nulli’ come semantica sconnessa!

Se nel mio cammino sindacale e poi in Democrazia Cristiana mi fossi comportato in percorso silente sarebbe una sintesi disastrosa .

La storia la fa chi si batte sulle barricate!

Avevo giorno di vacanza e ho voluto dire la mia per dare un senso di logica alla scialberia.

Ultime due mie azioni ovvero Bezos/Capanna che cerco di sfruttare a vantaggio dei più poveri, particolarmente di bambini che non hanno neppure un antibiotico e muoiono di polmonite.

Ed in più la battaglia sul < REDDITO DI BASE > per dire che ho inviato in Italia e nel mondo oltre 150 mail e tanti contattati via telefono.

Davvero uno ”si inalbera ”, passi il termine, di certi che non sanno scrivere, nè relazionare.

Commenti ad articoli in Democrazia Cristiana?

Con il contagocce !

Tanti pensano a se stessi e si disinteressano del prossimo .

Come la giornalista del Financial Time a cui ho dedicato un articolo proprio stamani .

Nota.

Non si generalizzi ed onore ai tanti in Democrazia Cristiana che danno il loro prezioso contributo .

 

Da Editorialista e Vice-Presidente nazionale Vicario Seniores della Dc.. – By Franco Capanna 

 

  ****************************************************************************************

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

  ****************************************************************************************

4 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Gabriella Fardella
Gabriella Fardella
2 mesi fa

Non posso che essere d’accordo!
Il coraggio e la determinazione, usando educazione e rispetto verso gli altri, per raggiungere ciò in cui si crede è la carta vincente.
Il problema è quando si rimane nel limbo.
Portare avanti i propri obbiettivi anche quando puoi avere il mondo contro è segno di autodeterminazione e sicurezza in se stessi.

mm
Admin

In questa attuale Società in cui la POLITICA è anche fin troppo URLATA far sentire la propria voce è di importanza fondamentale altrimenti si rischia di non avere alcuna valenza. Vanno coniugati vari aspetti per riuscire ad essere utili al cosiddetto BENE COMUNE: onestà di intenti in primis, ma anche una buona capacita organizzativa ed un valido metodo per comunicare efficacemente. La “provocazione” di FRANCO CAPANNA và senz’altro in questa giusta direzione- * ANGELO SANDRI

Giuseppina Cera
Giuseppina Cera
2 mesi fa

sono pienamente d’accordo

Giuseppina Cera
Giuseppina Cera
2 mesi fa

Non mi capita frequentemente di leggere qualcosa che suscita in me una sensazione strana che mi è difficile esprimere a parole, mi sento improvvisamente piccola piccola. Questo mi è successo quando ho anni fa ho letto la prima lettera che Comingio, un ragazzo piccolo e mingherlino che avevo conosciuto mentre era in vacanza al mio paese ed essendosi innamorato di me.ritenendo che non aveva i requisiti fisici per piacerli, scelse la scorciatoia di porgermela timidamente a mano| Non avevo mai ricevuto una lettera d’amore che non parlava d’amore era secondo me,un urlo di aiuto di una persona che non riesce a conquistare l’oggetto massimo dei suoi desideri !
Questa sensazione che è un un insieme di stima, ammirazione e partecipazione, ho provato oggi quando ho letto per la prima volta Capanna che non ho il piacere di conoscere,i mie complimenti sono superflui, provengono da un ammiratrice di novantatre anni .