“Aldo Moro: dalle lettere della prigione del popolo alla scoperta dei mandanti”: se ne parla a Cherasco sabato 24 novembre

All'Auditorium di Cherasco si ricorda il caso Moro, al centro dell'attenzione le lettere della prigione che possono dire molto sul sequestro dello Stagista.

“Aldo Moro: dalle lettere della prigione del popolo alla scoperta dei mandanti”: se ne parla a Cherasco sabato 24 novembre

Per non dimenticare, evento in ricordo di Aldo Moro su www.ilpopolo.news di A.G

Aldo Moro fu sequestrato il 16 marzo 1978 a Roma. Il suo corpo senza vita fu ritrovato dopo 55 giorni di prigionia,  il 9 maggio successivo in via Caetani, nel centro della capitale. Ma quanti lati oscuri ci sono ancora in questa vicenda che scosse l’Italia a fine anni Settanta?

Sabato 24 novembre 2018 alle 15,30 all’auditorium di via San Pietro a Cherasco (Cn) si parlerà di “Aldo Moro: dalle lettere della prigione del popolo alla scoperta dei mandanti”.

 “Moro doveva essere tutelato. Una semplice lettura combinata dei documenti programmatici delle Brigate rosse e delle informative che provenivano dal Medio Oriente avrebbero consentito di individuare una specifica necessità di tutelare la persona dell’onorevole Moro con le massime misure di sicurezza. È quanto scrive la commissione parlamentare d’inchiesta sul rapimento e morte dell’ex leader della Dc nella terza relazione presentata nel dicembre scorso.

In cattedra saliranno l’onorevole Federico Fornaro, membro della commissione parlamentare d’inchiesta, il dottor Luciano Tarditi, sostituto procuratore e l’avvocato Pierpaolo Berardi. A leggere le lettere sarà Sveva Bertini. L’ingresso è libero.

dal web di Antonio Gentile

 

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Anonymous
Anonymous
3 anni fa

Sembra molto interessante e volevamo condividere il post sul nostro gruppo FB sedicIDImarzo

( https://www.facebook.com/groups/1330056653786882/ )

Però sarebbe opportuno che poniate rimedio prima a due refusi francamente un po’ imbarazzanti.

“Mandati” invece di “Mandanti” e “Stagista” incece di “Statista” !