Una cascata effetto sangue: risolto il mistero dei ghiacciai in Antartide.

"Blood Falls" è il nome azzeccatissimo dato a una cascata in Antartide alta 30 metri, in cui la corrente d'acqua assume una colorazione rosso sangue intenso.

Una cascata effetto sangue: risolto il mistero dei ghiacciai in Antartide.

Sebbene la causa del colore rosso sangue sia nota da tempo, fino ad ora nessuno aveva ancora individuato la sua origine: un lago sotterraneo sconosciuto, sono passati 106 anni da quando il fenomeno delle “cascate di sangue” è stato osservato dal geologo Griffith Taylor presso il lago ghiacciato Bonney, in Antartide, ma ora il mistero è stato finalmente risorto grazie allo studio di un team congiunto di scienziati della University of Alaska Fairbanks e del Colorado College.

Nella Taylor Valley, in Antartide, si verifica un fenomeno che sembra uscito da un episodio di X-Files: una cascata rosso-sangue piena di microbi , questo crea una vero spettacolo della natura dove acqua rosso-sangue ricca di ferro sgorga da una crepa in un ghiacciaio, creando una cascata alta come un palazzo di cinque piani.

Tre milioni di anni fa, un ghiacciaio è scivolato su una zona di acqua marina che si era fatta strada all’interno del continente. L’acqua, essendo troppo salata per ghiacciare, è rimasta intrappolata sotto il ghiaccio, insieme alla vita microbica che si trovava lì a quel tempo—vita microbica che, in qualche modo, è ancora viva.

Gli scienziati hanno finora identificato 17 tipi diversi di microbi che vivono nelle acque delle Blood Falls. Secondo le loro teorie, i microbi si sarebbero procurati le loro provviste di nutrimenti scomponendo solfuri, che poi si ricomponevano con le molecole di ferro prese dall’acqua.

Anche se sappiamo da decenni che cosa causa il colore rosso, abbiamo dovuto attendere più di un secolo perché gli scienziati individuassero la fonte delle Blood Falls: un lago sotterraneo antichissimo.

Le Blood Falls sono state scoperte per la prima volta dall’esploratore australiano Griffith Taylor durante una spedizione nel 1911. All’epoca, lui e i suoi compagni di missione avevano ipotizzato che il colore rosso potesse essere causato da particolari tipi di alghe.

”L’effetto è surreale,” ha spiegato a Motherboard nell’ultimo episodio di Science Solved ItSteve Martin, uno storico dell’Antartide. ”Così, quando [l’esploratore] Griffith Taylor e i suoi compagni hanno visto le cascate rilasciare liquido rosso sangue vicino al ghiacciaio Taylor, devono aver pensato che fosse solo un’altra incredibile stranezza tra le altre di una regione estremamente bizzarra del mondo.” Anche se in seguito gli scienziati hanno capito che era l’alto contenuto di ferro a colorare l’acqua di rosso sangue (l’acqua si ossida e diventa rossa quando viene esposta all’aria), non sapevano ancora da dove veniva l’acqua o come si formassero le cascate.

”Non capivamo da dove venisse il liquido. Non sapevamo come si fosse fatto strada attraverso il ghiacciaio,” ha spiegato Erin Pettit, uno degli scienziati che ha risolto il mistero delle Cascate di Sangue. ”Se avesse avuto origine alla base del ghiacciaio, sarebbe dovuto continuare a scorrere alla sua base.”Invece, il liquido sgorgava dalla cima del ghiacciaio e scendeva lungo il bordo per poi confluire in un lago vicino.

Per capire come si è formato, Pettit e il suo team si sono arrampicati sul ghiacciaio e hanno effettuato una serie di misurazioni utilizzando un sensore a onde radio. Lo strumento invia impulsi radio nel ghiaccio che si muovono liberamente attraverso di esso. Oggi la scienza ha fatto passi da giganti, ma immaginate cosa poteva succedere centinaia di anni fa quando qualche esploratore raggiungeva questo posto e si trovava una scena apocalittica da film dell’horror.

di Antonio Geentile

 

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments