Riflessioni di un cristiano democristiano

Riflessioni di un cristiano democristiano

Sabato 9 gennaio mia moglie aveva ricevuto la notizia che un suo cugino, ricoverato per un tumore al cervello, era deceduto.

Per ordine del Sindaco della città di Brindisi, al fine di evitare assembramenti, era stato vietato il funerale in Chiesa e la cosa era stata anche specificata sui manifesti funebri: sarebbe stata concessa solo una benedizione alla salma prima della sepoltura.

Ci siamo recati presso la sala mortuaria del cimitero della città, e in attesa dell’arrivo del Prete abbiamo preferito aspettare in strada.

Quando il Prete è arrivato siamo stati da lui invitati a non avvicinarci e siamo rimasti tutti nel piazzale antistante la sala mortuaria ma, dopo aver recitato una breve omelia nella quale ci ricordava l’importanza di volerci bene, ci ha ripetutamente sollecitato ad avvicinarci a lui mentre qualcuno dei presenti ricordava l’importanza di attenersi alle prescrizioni anticovid.

Preghiera del Padre Nostro, Ave Maria e …risplenda ad essi la Luce Perpetua, riposino in pace amen…saluto e stava per andarsene!

Un conoscente gli ha fatto notare che all’interno vi erano i familiari più stretti e il tutto si è ripetuto velocemente invitando i presenti alla preghiera. Di nuovo saluto e stava per andarsene senza benedire la salma!

Nella mia più totale incredulità, anche se si tratta di un sacerdote anziano, non sono riuscito a trattenermi e a chiedere se davvero andasse via senza la benedizione. Un parente stretto lo ha fermato e invitato a fare l’unica cosa che fosse stata concessa dal Sindaco.

Il Prete ha risposto che si scusava ma non poteva, non era preparato perchè dal suo punto di vista la benedizione può avvenire solo in Chiesa. Il suddetto parente, nel rispetto del sacerdote e della sua età, gli ha detto qualcosa senza farsi sentire dai presenti e il prete si è così finalmente recato in Chiesa, ha preso tutto l’occorrente e ha finalmente benedetto la bara consentendo così di poter procedere con la tumulazione.

La riflessione che io rivolgo a voi è questa: “Ma se io non mi fossi fatto sentire e se questo parente non mi avesse ascoltato, questo defunto che era già stato privato del conforto di una Santa Messa, sarebbe stato seppellito senza nemmeno una degna benedizione?

Salvatore Astro

Segretario organizzativo DC della provincia di Brindisi

 

Una risposta a "Riflessioni di un cristiano democristiano"

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato