PROSEGUONO SEMPRE PIU’ INTENSI I CONTATTI IN SICILIA TRA COALIZIONE ETICA E DEMOCRAZIA CRISTIANA A DIFESA DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

PROSEGUONO SEMPRE PIU’ INTENSI I CONTATTI IN SICILIA TRA COALIZIONE ETICA E DEMOCRAZIA CRISTIANA A DIFESA DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
Enrico Bologna (L’Aquila)

A cura di Dott. Enrico Bologna (L’Aquila)

enrico.bologna@dconline.info * cell. 335-315796 *

Segretario Organizzativo nazionale Vicario della Democrazia Cristiana italiana

Editorialista de < IL POPOLO > della Democrazia Cristiana.

< PROSEGUONO SEMPRE PIU’ INTENSI I CONTATTI IN SICILIA TRA COALIZIONE ETICA E DEMOCRAZIA CRISTIANA A DIFESA DELLA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA >.

L’altra sera (venerdì 23-07-2021, NDR) il Segretario nazionale della Democrazia Cristiana Dott. Angelo Sandri è stato invitato a partecipare – in videoconferenza – ad un incontro dei Dirigenti di Coalizione etica della Sicilia Orientale, coordinato dal Vice-Segretario politico regionale della Coalizione dott. Rino Mirabella.

Dott. Rino Mirabella (Catania)

Il Segretario politico nazionale della D.C. ha avuto così modo di conoscere ed interloquire con i vari dirigenti della Coalizione Etica della Sicilia Orientale, anche in vista di un importante convegno che si svolgerà a Catania nella giornata del 6 agosto 2021 ed al quale prenderanno parte anche gli esponenti della Democrazia Cristiana siciliana.

Dott. Angelo Sandri (Udine)

Nè è scaturito un interessante dialogo che il dott. Rino Mirabella, con l’ausilio del dott. Eliseo Le Mura, ci ha voluto sintetizzare e che ben volentieri riproponiamo anche ai lettori de < IL POPOLO > della Democrazia Cristiana.

<< La nostra riflessione prende il via facendo una breve ma necessaria premessa: è nostra intenzione combattere per la giustizia; per la libertà contro ogni forma di tirannia; per i diritti costituzionali, tra cui il diritto ad un minimo di serenità economico-sociale per tutti i cittadini in questi tempi di abusi contrari alla Costituzione !

Dott. Eliseo Le Mura

Per questi motivi nasce in Sicilia il fronte del dissenso costituito dalla Coalizione Etica (Partito Valore umano più Movimento Gilet arancioni) e dalla Democrazia Cristiana.

Il Vice-Segretario politico naz.le D.C. e Segretario reg.le D.C. Sicilia Dott. Maurizio Muratore

Il dissenso scaturisce dal forte disagio in cui versa il popolo siciliano costretto a subire la continua ed incontrollata immigrazione clandestina e questa emergenza sanitaria, costretto a rimanere a casa mentre la precaria economia isolana veniva messa in ginocchio.

I nuovi dirigenti politici siciliani dovranno riscoprire la grandezza della programmazione economica e dell’intervento, generoso oltreché corposo, pubblico della Regione nell’economia al servizio della comunità e del sistema produttivo.

La sinergia tra Coalizione etica e Democrazia Cristiana in Sicilia potrebbe far nascere e sviluppare un modello nuovo che sia di esempio anche a livello nazionale, che abbia come obiettivo un nuovo Umanesimo e una nuova Modernizzazione.

Il Segretario elettorale D.C. Sicilia Cav. Pippo Sinatra

Un nuovo modello di economia mista pubblico-privato di chiara ispirazione sturziana, inserito nell’attuale momento storico.

Il crepuscolo della democrazia, il tramonto delle ideologie, la fine dei partiti, ha messo in rilievo la necessità di creare una nuova classe dirigente politica umanistica, attraverso una scuola di formazione politica, che metta al centro l’Uomo con tutti i suoi bisogni e tutte le sue complessità.

Il Vice-Segretario reg.le della D.C. Sicilia e Segretario prov.le D.C. Catania Dott. Alberto Gulisano

Una nuova classe dirigente che sia capace e pronta a sostenere l’azione di governo con la dovuta preparazione in campo amministrativo ed economico.

Insomma una classe dirigente formata all’interno della coalizione, che sappia svolgere l’azione di consenso e di attrazione di tutte le forze moderate, sane che si sentono coinvolte nella sfida per modernizzare l’Italia: per far sì che il nostro Paese diventi un luogo di opportunità, dove poter coniugare il diritto alla < FELICITÀ >, con una vita migliore.

La sfida che oggi la Coalizione deve affrontare si attesta sul ripristino delle libertà democratiche, sancite dalla Costituzione Repubblicana, contro ogni tentativo di egemonia oligarchica e di corruzione.

Corrado Alvaro, insigne studioso del secolo scorso, sosteneva che “la disperazione più grande che possa impadronirsi di una società, è il dubbio che essere onesti intellettualmente sia inutile”.

È opportuno riflettere sul fatto che la < TIRANNIA > scientifica, come quella digitale, sanitaria, finanziaria, annebbia le coscienze e disinnesca la capacità di critica, l’attitudine alla concettualizzazione.

Gli obiettivi di programma su cui ci siamo confrontati sono squisitamente di natura economica: realizzare il cambio di paradigma (dal greco “mostrare oltre”) economico, tramite l’emissione a credito di una moneta parallela all’euro, specie se legata ad una unità di misura stabile e non variabile.

E che sia capace di sopperire alla scarsità di liquidità all’interno del territorio nazionale.

È possibile! Lo prevede l’articolo 128 paragrafo a) e b) del Trattato di Lisbona.

Infine il prossimo appuntamento in agenda prevede la Petizione Popolare con raccolta firme per chiedere al Parlamento europeo le dimissioni del Presidente della Repubblica, del Governo e di tutto il Parlamento italiano, ritenuti illeggittimi, vista l’ordinanza n°12060/2013 della Corte di Cassazione, rivolta alla Corte Costituzionale, al fine di dichiarare incostituzionale la legge 270/2005; vista la sentenza della Corte Costituzionale del 13 gennaio 2014, con la relativa nullità di tutti gli atti compiuti, compresi quelli relativi all’emergenza COVID 19.

 

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Filippo Santo Finocchiaro

Accolgo con plauso l’obiettivo quanto promosso dai segretari dei Partiti Coalizione Etica e DC,per un nuovo corso politico, affinché, la copiosa oggettivazione profusa,giunga al popolo Siciliano, che infausticamente incensato in passato, per poi essere trascurato. In primis i Siciliani, sono stati autenticamente leali con i vecchi e nuovi partiti, ma la “Sindrome di Stendhal” di opere d’arte bellissime, viste e/o accarezzate non funziona più. L’attesa del nuovo è nell’aria popolare e i delegati fioriti sul campo con una funzione per sorridere, pervenire alle conquiste elettorali future, sono in attività.
…Namaste!
(By-line Safin)