Prof. Nino Galloni: i Padri Costituenti della Democrazia Cristiana ci esortano a prediligere il dialogo con tutti, sempre e comunque !

Prof. Nino Galloni: i Padri Costituenti della Democrazia Cristiana ci esortano a prediligere il dialogo con tutti, sempre e comunque !
Dott. Fernando Ciarrocchi

A cura di Dott. Fernando Ciarrocchi

(di Monteprandone, in provincia di Ascoli Piceno)

fernando.ciarrocchi@dconline.info * cell. 347-2577651 *

Editorialista de < IL POPOLO > della Democrazia Cristiana

< Prof. Nino Galloni: i Padri Costituenti della Democrazia Cristiana ci esortano a prediligere il dialogo con tutti, sempre e comunque ! >

D’accordo con la Direzione del nostro giornale abbiamo ritenuto di estrema importanza poter interpellare il prof. Nino Galloni per raccogliere le sue opinioni in un frangeste così delicato e drammatico come quello attuale.

Ed il prof. Nino Galloni, nonostante i suoi numerosi e molteplici impegni, non si è sottratto alla nostra richiesta, riuscendo a ritagliare un pò del suo tempo per poter scambiare alcune battute con la nostra testata giornalistica.

Il prof. Nino Galloni (Roma).

Il prof. Nino Galloni – come a tutti noto – è un economista di fama internazionale, docente universitario, autore di numerose pubblicazioni.

E’ stato collaboratore del noto economista prof. Federico Caffè, fino al 1987.

Ha ricoperto numerosi incarichi di prestigio: funzionario al Ministero del Bilancio e della programmazione  economia dove si è interessato  delle strategie industriali all’interno delle politiche macroeconomiche e della formazione del risparmio; dal 1990 al 2002 è stato Direttore generale presso il Ministero del lavoro.

Alle elezioni politiche del 1992  è stato Candidato alla Camera dei Deputati nelle file della Democrazia Cristiana.

Il Prof. Nino Galloni ed il Segretario nazionale Vicario Dip. Formazione della Democrazia Cristiana Prof. Eliseo Le Mura (Catania)

Attualmente è Presidente del Centro studi monetari: un’Associazione per lo studio dei mercati finanziari e delle forme di moneta che possono essere emesse senza creare debito pubblico.

D) L’attuale situazione geopolitica, economicamente parlando, che effetti ha o potrebbe avere ?

R) Una premessa è d’obbligo. Se l’Unione Europea in questi anni fosse stata un tantino più lungimirante nel volgere il proprio sguardo anche alla Russia, facendo leva ad esempio sui trattati commerciali, oggi sicuramente non saremo in questa condizione.

Il logo della Scuola di formazione socio / politica della D.C. “Melior de cinere surgo”

Problematiche economiche ce ne saranno sempre, è inevitabile. Potranno manifestarsi con delle tempeste finanziarie o che si dissolvono in un bicchier d’acqua o che si trascinano nel tempo: vedasi a proposito quanto verificatosi a seguito dell’uscita dell’Inghilterra dall’Unione Europea.

Non importare gas dalla Russia non è certo la soluzione per poi importare gas liquefatto dagli USA quale soluzione alternativa. Non dimentichiamo che si è creata  un ‘alleanza internazionale tra Cina-Russia-India che rappresenta molto di più dei 141 paesi che hanno votato contro la Russia. Questo è l’asse emergente del nuovo ordine mondiale con cui l’Alleanza Atlantica- USA-Europa comunque dovrà confrontarsi.

D) L’Unione Europea con la sua moneta, l’euro, nell’attuale scacchiere internazionale che ruolo potrebbe o dovrebbe avere?

R) L’Euro nell’ambito degli scambi commerciali è una moneta molto richiesta.

La stessa Russia ha stipulato alcuni contratti con la Cina e si è fatta pagare in euro e non in rubli. Ciò significa difendere le proprie esportazioni ed avere un buon potere d’acquisto sul mercato estero. L’euro, la moneta ufficiale dell’UE, è scambiabile con il dollaro e ciò economicamente vuol dire molto.

Prof. On.le Giovanni Galloni, più volte Ministro della Repubblica Italiana.

D) Il varo di una nuova legge elettorale in senso proporzionale con uno sbarramento (ipotizziamo al 3%), ritiene che possa essere utile affinchè il cittadino torni ad interessarsi di politica per essere protagonista come dispone la nostra Carta Costituzionale?

R) Mio padre ed io valutammo sin dall’inizio il pericolo insito nel sistema maggioritario: la confusione tra bipolarismo e bipartitismo. La mossa era volta a ridurre il numero dei partiti ma il risultato non ha rispettato le previsioni. Il ritorno ad una legge elettorale in senso proporzionale con le dovute soglie di sbarramento può sicuramente rilanciare la politica nel suo insieme.

L’On. Giovanni Galloni a Piazza del Gesù, a Roma,  con l’attuale Segretario politico nazionale D.C. Angelo Sandri (anno 2003)

D) Suo padre, l’On. le Giovanni Galloni, storico leader della Democrazia Cristiana, giurista, docente universitario, più volte Ministro della Repubblica Italiana e Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, in un frangente storico come l’attuale quale diplomazia avrebbe posto in essere?

R) Sicuramente non solo mio padre, ma anche insigni esponenti politici della levatura di Aldo Moro, Donat Cattin, Giulio Andreotti – ed anche il prof. Federico Caffè, economista di fama internazionale, di cui sono stato stretto collaboratore – in un frangente delicato come questo avrebbero senza dubbio scelto la via del dialogo tra Europa e Russia.

Lo avrebbero ritenuto essenziale, perseguendo la strada del confronto e del dialogo senza se e senza ma.

E’ l’unico strumento a nostra disposizione per preservare il bene della pace che va ritenuto un bene prezioso in maniera inestimabile per l’intera umanità.

 

********************************************************************************************************

   www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

********************************************************************************************************

4 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments