Massimo Boldi e Christian De Sica “Amici come prima”: dopo 13 anni di nuovo sul set. (Il Film).

Finalmente di nuovo insieme la coppia più amata del cinema italiano in un'irresistibile storia di amicizia ricca di colpi di scena, imprevisti ed esilaranti scambi d'identità.

Massimo Boldi e Christian De Sica “Amici come prima”: dopo 13 anni di nuovo sul set. (Il Film).

Amici come prima è un film di genere commedia del 2018, diretto da Christian De Sica, con Massimo Boldi e Christian De Sica. Uscita al cinema il 13 dicembre 2018. Distribuito da Medusa Film. I due attori impegnati nelle riprese del nuovo cinepanettone parlano del ritorno sul set dopo una lunga separazione.

I modelli di riferimento sono più quelli della classica commedia all’italiana, quindi non solo gag fini a se stesse ma momenti di comicità al servizio di una trama solida. Una trama che vede Christian De Sicacostretto a travestirsi da donna perché l’unico modo di riavvicinarsi all’amico Massimo Boldi ed evitare che la figlia (Regina Orioli) venda tutto il patrimonio di famiglia è quello di presentarsi sotto le spoglie di una irreprensibile e severa badante.

La scena a cui assistiamo è ambientata in una villa in Brianza con un nobile passato e un presente da location per matrimoni. I soffitti e le pareti affrescate fanno da quinte alla scena e i condizionatori sparano aria gelata per contrastare il bollore provocato dai riflettori. Christian De Sica, oltre che protagonista, è anche il regista e visto che è sempre in scena, si fa dare una mano per dirigere dal figlio Brando.

Un look alla Barbara Bouchet: grande chioma bianca riccioluta, vistose perle al collo, abiti d’eleganza sobria e occhiali da vista. E’ Christian De Sica travestito, nelle prime immagini di Amici come prima, il film di Natale, del quale l’attore romano è anche regista, dopo molti anni torna la coppia comica con Massimo Boldi per decenni trionfatrice al botteghino delle Feste. «Non sarà un cinepanettone classico, ma sarà comunque molto divertente» anticipa Giampaolo Letta, ad di Medusa, presentando il listino 2018-2019.

Nel film, che ha come coautore del soggetto e della sceneggiatura Fausto Brizzi, stando alla trama, si gioca sui meccanismi della commedia degli equivoci mixati con situazioni alla ‘Mrs Doubtfire’ e A qualcuno piace caldo. De Sica è direttore di un hotel extralusso che appartiene a un ricco imprenditore brianzolo (Boldi), sul lago di Como.

Quando la figlia del proprietario (Regina Orioli) decide di ‘svecchiare’ il personale dell’albergo programmando una vendita delle proprietà ai cinesi, il direttore ultrasessantenne perde il lavoro. Per la vergogna non lo dice alla moglie (Lunetta Savino), ma non trovando altri impieghi, decide di fingersi donna e andare a fare un colloquio come badante per il suo ex datore di lavoro, costretto su una sedia a rotelle.

L’uomo che caccia tutte le candidate, è alla ricerca di un’italiana, possibilmente formosa. Una premessa su cui già si scherza nella prima scena mostrata dal set, con Boldi e De Sica che ripetono a modo loro la scena cult di Leonardo DiCaprio e Kate Winslet sulla prua del Titanic.

«In realtà non abbiamo mai litigato come molti invece hanno detto», «La nostra separazione dal 2005 a oggi – prosegue Christian De Sica – è dipesa dalla scelta di Massimo di firmare un contratto con un produttore diverso dal mio, ma i nostri rapporti personali sono sempre rimasti ottimi». Questo di fatto impedì per molti anni che girassimo un film assieme, ma il rapporto personale tra di noi non ne fu danneggiato”..

Una curiosità: le scene dell’albergo dove lavora De Sica, sono state girate in Brianza, a Villa Gernetto, proprietà da 350 mila mq di Silvio Berlusconi (l’ex premier l’aveva utilizzata per vari eventi, come la selezione dei candidati di Forza Italia), che l’ha da poco messa in vendita.

Massimo Boldi e Christian De Sica, anticipazioni del film:

Per questa pellicola Christian De Sica si è perfettamente trasformato in un’austera signora. La trama prevede infatti che De Sica sia costretto a travestirsi da anziana badante per evitare che la figlia di Boldi venda tutto il patrimonio di famiglia a un gruppo cinese. Nel corso delle riprese si intuisce che l’intesa tra i due è rimasta immutata, come confermano nell’intervista: “Fin dal primo istante c’è stato un entusiasmo e una vitalità che ci ha fatto ringiovanire di quarantanni” rivela Boldi, “Noi abbiamo il ritmo perché veniamo dalla musica” conferma De Sica “Prima di fare cinema io e Massimo andavamo a fare le serate nelle balere, io cantavo e lui suonava la batteria”. Ognuno è la spalla dell’altro, ci completiamo, siamo come Jack Lemmon e Walter Matthau, modestia a parte”.

 

di Antonio Gentile

 

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments