Le grazie di Gesù tra il trascendente fate e muse.Piu’ canzone di Pupo ” Su di noi” e Amedeo Minghi ” Vita mia”

Terribile risalita


“Mia moglie è morta per un cancro al seno. Sono devastato”.

 

Un amore che va oltre la vita e continua nel ricordo della felicità vissuta insieme

Perdere l’amore della vita (così come perdere qualunque persona cara) è un qualcosa ache lacera il proprio mondo per fare spazio ad una nuova e odiosa realtà mutilata. Una verità, dove non esiste più quel vissuto di noi che abitava nell’essenza stessa del nostro caro e, ci provoca quel dolore cocente che fa tanto male da togliere il respiro e annullare tutti i sogni di quel futuro che non ci sarà mai più.

Sogni“sognati” davanti a un caffè nel bar sotto casa o mentre si canta in macchina a squarciagola durante una gita fuori porta la domenica mattina o ancora, nell’intimità della propria casa distesi sul divano e avvolti nel plaid. Niente di quei progetti esiste più, rimane solo la disperazione e l’eco assordante della mancanza che, in quei momenti, niente può sanare e nessuno può consolare. Nemmeno le persone che vogliono starti vicino e dirti che devi farti forza perché la vita continua. No, non funziona. E tu vedi davanti a te quella vita che continua, certo, ma crudelmente vuota della parte più bella di te

Eppure dopo molti mesi di confusione,decisi di essere oblativo come uomo e sindacalista in favore degli svantaggiati e i  senza voce.

Non penso che i tanti successi avuti nel sociale siano dovuti alle mie capacità perché sentivo la intercessione di mia moglie da lassù.

Poi il presidente della nei D.C. dottor Angelo Sandri mi nominava editorialista de il Popolo di Roma e sfruttai le mie doti per diffondere i miei scritti in tutto il mondo tanto da guadagnarmi in Canada il titolo di ” personaggio dell’anno 2020″.

Per opere firmate nel sociale e la diffusione della cultura nel mondo.

Scoprii un difetto ma la stessa Pierina mi allertava :” non riuscirai come mi  hai detto a stare solo perché soffrirai terribilmente la solitudine “.

Di fatto dopo anni di vedovanza crollavo e pur avendo conosciuto alcune ma, apparte due o tre abbastanza  collaborative ovvero di compagnia particolarmente in malattia provvisoria come operato di cataratta venivo assistito,ma per altro poco entusiasmo anzi per niente mi creavano;   chiesi a Gesù di farmi conoscere una donna da forte riflesso come mia moglie o mi sarei lasciato andare.

In verità Gesù ascolto’ il mio messaggio e già il giorno dopo conobbi Angela.

Non proprio eguali nel fisico ma tratti del viso e sarta,ricamatrice credente,pura,e inoltre con me nata ad aprile il 18 io il 20

Scriviamo ‘ mi  manchi”

Certo perché viviamo distanti ma  con un  ‘mi manchi” ci facciamo una dichiarazione d’amore

*Così dopo esserci incontrati è stata una dichiarazione di vita,una dolce poesia il,una espressione di colori,ma scala appoggiata al cielo,migliaia di  fiori di campo appesi ad ogni sua parola.

Dubita o.mio amore, che le stelle siano fuoco, dubita che il sole si muova ma non dubitare del.mio amore.

Si ho bisogno te del mio racconto di fate e di muse. Sono cose difficili parlarne perché il.loro polline meraviglioso poi si scuote…..

Tu sei l’unica persona a cui posso parlare del grido di una nuvola ,del canto di un pensiero.Mi hai incantato con un potere al quale non posso resistere da quando ti vidi.Sarò’ tuo per sempre.

Autore Franco Capanna Editorialista.

 

4.7 3 votes
Article Rating
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Franco Capanna
2 mesi fa

Stupendo scritto e foto capolavoro.
Come sempre il migliore.
Un gruppo di conoscenti di Londra.
( hanno chiesto a me inserire loro commento))

Franco Capanna
2 mesi fa

Fantastico! Tra favola e realtà .
Da una lettrice di la Spezia che mi ha chiesto inserire.

Franco Capanna
2 mesi fa

Nota.
Faccio eccezioni ma confermo che siete voi a dovere scrivere in questa sede ,io non posso più di tanto.
Mi scrivete che difficile ma dovete sforzarvi.
Grazie