In questa palude politica, la Democrazia Cristiana è la vera alternativa!

In questa palude politica, la Democrazia Cristiana è la vera alternativa!
Daniele De Vito (Roma)

A cura di Daniele De Vito (Roma) *

daniele.devito@dconline.info * cell. 392-78619854 

Vice-Segretario nazionale Vicario Dip. Sanità ed Assistenza sociale della Democrazia Cristiana italiana.

< In questa palude politica, la Democrazia Cristiana è la vera alternativa! >

Zingaretti scappa. Poi ci sono mille ragioni, lo si può anche capire. Viene infatti continuamente massacrato proprio dai suoi; non ne ha azzeccata una che sia una, tutto quello che volete.

Il dimissionario Segretario PD Zingaretti

Ma le sue dimissioni (che non sono ancora dimissioni) ma quindi? Si dimette sul serio o fa “la mossa” giusto per vedere cosa succede?

Annunciate su Facebook come un Casalino qualunque, sono una fuga. Che per un leader, il capo del fu più grande partito della sinistra è – a mio modesto avviso – un epilogo davvero vergognoso !

La straordinaria pochezza di Zingaretti, può essere facilmente comparata ad altri casi, recenti o addirittura contemporanei.

Prendete Renzi: anche lui non è che abbia avuto vita facile nel PD, se vi ricordate.

Ma Renzi – di cui si può dire tutto il male, ma leader è stato davvero – ribatteva colpo su colpo, senza mai sottrarsi, a viso aperto.

Il suo repentino declino è l’altra faccia di questo stesso carattere, vale a dire la tracotanza; perché il leader dà certamente quattro schiaffi all’avversario riottoso ma poi sa anche porgergli la mano.

Renzi è stato coraggioso ma avventato; tattico (è un maestro nella tattica) ma non strategico; resistente contro le avversità, ma ingeneroso e scarsamente lungimirante con chi era appena al di fuori del suo ristretto cerchio; comunicatore ma autocentrato; visionario (nel breve periodo di gloria Renzi aveva una visione, un programma, una politica da proporre) ma arruffone.

Zingaretti è stato l’opposto: vagamente ecumenico verso i potentati che squarciano il suo partito e pecora nei confronti di tutti; genericamente strategico, in maniera vuota e fumosa, e per niente tattico; senza alcuna visione; senza capacità comunicativa; artefice di clamorosi errori politici, come l’alleanza coi 5 Stelle prima (dopo avere giurato che mai l’avrebbe fatta, ed essersi candidato alla Segreteria coll’impegno di non farla).

Il Segretario politico naz.le D.C. Dott. Angelo Sandri

E poi la sterile, miope, sciocca, improduttiva difesa di Conte ad oltranza a crisi di governo conclamata, quando ormai Conte era chiaramente e inequivocabilmente fuori gioco (per poi correre sul carro di Draghi e difendere, proprio anche in questi giorni, il suo gabinetto).

Zingaretti sarà indiscutibilmente un brav’uomo, esattamente nel senso e coi limiti che tale etichetta aveva quando la si attribuiva, per esempio, a Bersani, altro profilo estremamente basso di leader che comunque, di fronte a Zingaretti, giganteggia.

Ieri, giorno delle dimissioni annunciate del Segretario PD, è uscito anche l’annuncio dello strappo di Casaleggio.

Oggi, sul suo blog, c’è una furba risposta di Grillo, lunga e articolata, dove non menziona mai Casaleggio e il suo annunciato “manifesto” e, novello Gandhi, si spertica in messaggi rassicuranti, miti: “O con le buone o con le buone”; “Tutto andrà bene solo se tutti staranno assieme”.

Nel suo lungo post Grillo indica con precisione una visione, una direzione: l’ambiente soprattutto, rivendicando il successo del Ministero della Transizione Economica (che non è affatto quello che lui aveva chiesto a Draghi, mancando la componente dei ministeri economici; che ancora è un progetto ed è da dubitare che sarà, poi, guidato da un grillino) e – ma solo vagamente e brevemente -il generico impegno verso i più deboli. Grillo, in questo suo post, mostra sagacia e lungimiranza.

Non si prende la briga di rispondere a Casaleggio, il cui progetto rifondativo ha le gambe corte già alla partenza, ma apre, indica, evoca, sollecita, anima le sue truppe.

Anche Grillo è un leader decadente, perché tutto è cambiato e lui non può guidare un gruppo di ex barricadieri ora accomodati nelle stanze dei bottoni.

Ma Grillo è intelligente, sa fiutare il vento, sa capire cosa occorre fare; si è ritirato da mesi a più tranquilla vita privata (apparentemente) seguendo le vicende a distanza e intervenendo solo quando necessario, come nell’insediamento di Draghi del quale così si può giustamente vantare di essere mallevadore, e quindi pretenderne la riscossione di qualche dividendo.

Conte era “il suo”, ma l’ha lasciato tranquillamente affondare a favore di Draghi, salvo recuperarlo come capo politico dei 5 Stelle; un piccolo capolavoro.

Ora cosa accadrà? Se Zingaretti ritirerà le dimissioni (solo annunciate, non sarebbero neppure ritirate ma semplicemente mai formalizzate) farà l’ennesima figura da mezza calzetta, da bambino piagnucoloso che minaccia di portarsi via il pallone perché non lo fanno giocare; chi mai potrà rispettarlo?

Se conferma le dimissioni getterà il PD nello scompiglio più totale, in una crisi credo irreversibile, ma avrà fatto forse l’unica “botta da uomo” della sua breve carriera da segretario: avrà urlato che il Re è nudo, avrà messo il partito e i suoi ras con le spalle al muro, avrà imposto una discussione radicale.

Ma, attenzione, l’avrà imposta nel momento storico peggiore per il Paese, con potenziali gravi conseguenze per il governo.

Portiamo allora nel governo delle Regioni e dei Comuni la nostra esperienza politica, ma anche la nostra esperienza di vita nel lavoro, nelle professioni, nell’impresa, nella cultura, nel sociale, nelle amministrazioni locali.

La Democrazia Cristiana è l’unico partito in Italia ” che ha nel proprio DNA come valori assoluti il cristianesimo, la libertà, il garantismo.

“Anche grazie al Tuo impegno siamo sicuri che otterremo dei risultati positivi: per la Democrazia Cristiana, per il Paese che amiamo, per tutti gli italiani, per i nostri figli e per i nostri nipoti”.

Scegli DC ! Scegli la libertà !

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

 

Una risposta a "In questa palude politica, la Democrazia Cristiana è la vera alternativa!"