I PENSIERI DEL PREMIER CONTE: “CALABRIA DELLE MIE BRAME QUAL’E’ IL CONTO PIU’ IN DISSESTO DEL REAME ?”.

I PENSIERI DEL PREMIER CONTE: “CALABRIA DELLE MIE BRAME QUAL’E’ IL CONTO PIU’ IN DISSESTO DEL REAME ?”.
Latifa Roccia Aboutaib (Cosenza)

A cura di Latifa Roccia Aboutaib (Cosenza) *

latifa.aboutaib@dconline.info * Cell. 324-8087437 *

Segretario generale Dip. Comunicazione della D.C. Internazionale *

Segretario regionale Vicario Mov. Femminile e per le Pari Opportunità della D.C. della Calabria

www.ilpopolo.news

www.democraziacristianaonline.it 

< I PENSIERI DEL PREMIER CONTE: “CALABRIA DELLE MIE BRAME QUAL’E’ IL CONTO PIU’ IN DISSESTO DEL REAME ?” >.

Il “Caso Calabria” si sta aggrovigliando sempre di più ed il “povero” Conte non sa più che pesci pigliare. Abbiamo messo il termine “povero” tra virgolette in quanto con l’emolumento mensile che prende… il termine “!povero” è proprio per modo di dire….

Avvocato Rocco Piergiorgio De Luca (Cosenza)

Comunque sia il “caso” appare sempre più complesso e fuori controllo, a cominciare dalla sanità dove si susseguono ripensamenti e rifiuti sull’incarico di Commissario straordinario alla sanità che appare proprio un incarico davvero “inaccessibile”, specie dopo l’azione del precedente Commissario Zuccatelli che non ha decisamente entusiasmato, giusto per usare un eufemismo.

Se ne è discusso approfonditamente nella preannunciata riunione del < Comitato per la legalità e  giustizia in Calabria >, svoltasi in video-conferenza alle ore 18.00 di mercoledì 18 novembre 2020 e coordinata dall’Avvocato Rocco Piergiogio Lo Duca (del foro di Cosenza).

Alla riunione hanno preso parte numerosi esponenti politici (e non) della regione Calabria che hanno discusso ampiamente sulla spinosa situazione venutasi a creare, anche e soprattutto al riguardo della situazione contabile esistente nel comparto della Sanità, nonchè in vari Comuni della regione e che davvero preoccupa non poco tutte le Istituzioni ai vari livelli di competenza.

Alla riunione era presente anche il Segretario politico nazionale della Democrazia Cristiana Dott. Angelo Sandri, collegatosi in video-conferenza da Cervignano del Friuli (provincia di Udine).

L’Avvocato Rocco Piergiorgio Lo Duca (Cosenza) ha introdotto i lavori della serata con un’ampia ed articolata relazione sulla situazione esistente in Calabria e sulle iniziative che si intendono intraprendere per poter affrontare le non certo facili problematiche finora affiorate e che purtroppo si stanno “incancrenendo” di anno in anno.

Serrato confronto a distanza tra l’Avvocato Giuseppe Conte e l’Avv. Rocco Piergiorgio Lo Duca (Cosenza)

L’interlocutore principale in questa più che controversa situazione non può che essere l’attuale Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, anche per robusta assunzione di poteri da lui assunti con provvedimenti che non appaiono certo ordinari e che – oltretutto – tendono ad essere dilatati nel tempo in maniera piuttosto “birichina”.

Il rischio è quello di depotenziare un sistema basato su quei principi di libertà e di democrazia su cui si fonda la Repubblica italiana, posto che anche il principio di sovranità nazionale, così come pensato dai Padri costituenti viene regolarmente tradito e vilipeso dalla attuale condotta politico/parlamentare dei partiti e dei governanti attualmente al potere.

Avv. Francesco Molinari (CS)

Ma senza allontanarci troppo dalle questioni che riguardano la Calabria sottolineiamo come l’Avvocato Rocco Lo Duca – nella sua articolata relazione – abbia stigmatizzato una situazione sempre più pericolosa e potenzialmente ormai fuori controllo.

Al di là di tutta una serie di osservazioni e problematiche che sono state sollevatee su cui si è continuato a discutere l’osservazione principale per cui il < Comitato per la legalità e giustizia in Calabria > intende battersi con determinazione è quello che non si può distruggere lo Stato di diritto che va salvaguardato e difeso da tutti i gravi tentativi in atto per “seppellirlo” definitivamente.

Antonio Ciatti (RC)

La qui la necessità di una mobilitazione generale, coinvolgendo il maggior numero di persone possibile e la volontà di avere posizioni costruttive per la soluzione dei tanti (troppi) problemi esistenti.

Numerosi gli interventi che si sono susseguiti nel corso della riunione tra cui quello di Antonio Ciatti (del Giovanile D.C. di Reggio Calabria) che ha sottolineato come i giovani siano tra i più sofferenti rispetto a questa situazione esistente di grave dissesto, specie nel comparto della sanità.

Anche l’Avvocato Francesco Molinari ha puntato l’indice sulla “scomparsa” dello Stato di diritto e sulla gravissima situazione debitoria reale che si tende a coprire con altrettanto grave nocumento per il futuro.

Dott. Andrea Gagliardi (CS)

Considerazioni riprese anche dal Dott. Andrea Gagliardi e da altri che hanno insistito sulla necessità di intraprendere una battaglia per la legalità, anche se nessuno vuole nascondere rischi e difficoltà che promaqnano da una simile scelta di campo.

Da questo incontro è scaturita la decisione di rivolgersi direttamente al Capo dello Stato On. Sergio Mattarella e di questa istanza se ne è fatto carico l’Avv. Rocco Piergiorgio Lo Duca che già si è rivolto al Quirinale per iscritto (tramite PEC)  esponendo in maniera molto dettagliata e precisa la situazione davvero esplosiva, concernente la situazione sanitaria in Calabria.

Angelo Sandri (Udine)

Il Segretario politico nazionale della Democrazia Cristiana Dott. Angelo Sandri ha espresso la condivisione, sua personale e del partito da lui rappresentato, per condurre questa baqttaglia per la legalità senza se e senza ma, affrondando le difficoltà dle caso anche se si stratta di contrapporsi ai cosiddetti poteri forti ed anche a quelli malavitosi.

Il Presidente della Repubblica italiana On. Sergio Mattarella chiamato in causa in questa  spinosa vicenda.

Sulla vicenda è stato chiamato in campo anche il Presidente della Repubblica On. Sergio Mattarella  e si auspica – ha chiosato Angelo Sandri – che il cosiddetto “Colle” non rimanga sonnolento e silente come talvolta è apparso voler essere.

Anche il Segretario nazionale del Dipartimento Legalità e Giustizia della Democrazia Cristiana Avv. Alfredo De Filippo (Salerno) ha espresso vivo apprezzamento per l’importante attività che si sta svolgendo in Calabria da parte del <Comitato per la Legalità e Giustizia in Calabria> 

Avv. Alfredo De Filippo (Salerno)

L’Avvocato Rocco Piergiorgio Lo Duca si è già reso interprete del pensiero del <Comitato per la legalità e giustizia in Calabria> ed ha già scritto -tramite PEC – alla Presidenza della Repubblica.

Staremo a vedere i pronunciamenti in merito a questo esposto in maniera dettagliata e precisa.

Si è deciso di promuovere un nuovo incontro telematico del Comitato per mercoledì prossimo 25 novembre 2020

Chi desiderasse poter prendere parte all’incontro ha la possibilità di rivolgersi all’Avvocato Rocco Piergiorgio Lo Duca tramite mail (avvocatoloduca@gmail.com) oppure attraverso i social (facebook e quant’altro) sui quali l’Avv. Lo Duca è presente.

********************************************************************************

A cura di LATIFA ROCCIA ABOUTAIB (Cosenza) *

latifa.aboutaib@dconline.info * Cell. 324-8087437 

Segretario generale Dip. Comunicazione della D.C. Internazionale *

Segretario regionale Vicario Mov. Femminile e per le Pari Opportunità della D.C. della Calabria

www.ilpopolo.news

        www.democraziacristianaonline.it 

********************************************************************************

 

Per partecipare alla riunione su Google Meet, fai clic su questo link:

https://meet.google.com/hsd-bifk-khj

Altrimenti apri Meet e inserisci questo codice: hsd-bifk-khj

Una risposta a "I PENSIERI DEL PREMIER CONTE: “CALABRIA DELLE MIE BRAME QUAL’E’ IL CONTO PIU’ IN DISSESTO DEL REAME ?”."

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato