FRANCO CAPANNA (TERAMO): C’E’ BISOGNO DI UN GIORNALISMO SERIO, LIBERO E SOSTANZIALMENTE INDIPENDENTE, CHE NON SIA LA CLASSICA “VOCE DEL PADRONE”

FRANCO CAPANNA (TERAMO): C’E’ BISOGNO DI UN GIORNALISMO SERIO, LIBERO E SOSTANZIALMENTE INDIPENDENTE, CHE NON SIA LA CLASSICA “VOCE DEL PADRONE”

A cura di Franco Capanna (Teramo)

franco.capanna@dconline.info * cell. 345-1594496 *

Sindacalista – Giornalista – Scrittore

Editorialista de< IL POPOLO > della Democrazia Cristiana

< FRANCO CAPANNA (TERAMO): C’E’ BISOGNO DI UN GIORNALISMO SERIO, LIBERO E SOSTANZIALMENTE INDIPENDENTE, CHE NON SIA LA CLASSICA “VOCE DEL PADRONE” >

Ho il piacere di dedicare questo mio ultimo articolo alla cosiddetta nobile arte del giornalismo.

E parto – per così dire – da un episodio di vita recentemente vissuta.

Recentemente in quel di Teramo, ho ottenuto un grosso successo ovvero per i pazienti dell’Ospedale “Giuseppe Mazzini” di Teramo i quali a pranzo avevano a disposizione 50 cl d’acqua, così come a cena, Un tanto non poteva certo colmare i bisogni di sete e addirittura li invitavano ad abbeverarsi nei bagni, luogo alquanto oltre infetto.

Ho dato così dignità a centinaia di persone, dopo una mia istanza accolta dai Responsabili del direttorio ospedaliero.

Oggi i pazienti vengono forniti di acqua sufficiente.

Rivoltomi ad apposite Agenzie di stampa per dare la notizia, esse hanno snobbato l’evento con scuse banali quanto paradossali.

All’Agi ad esempio non trovavano il pezzo ! Oppure in un’altra agenzia avevano il computer rotto. Ed altre banalità similari.

Mi corre dunque l’obbligo di fare alcune riflessioni da sindacalista.

Un monitoraggio che segue le vertenze del settore poligrafico, ha messo in fila le criticità del sistema con vertenze in corso e ricorso agli ammortizzatori sociali a Roma per le agenzie di stampa Ansa, Askanews, Omniroma, Area e Il Velino.

Meglio non se la passano i quotidiano come Il Tempo, Famiglia Cristiana, Il Corriere della Sera, Panom e Misna che ha optato per la chiusura.

Situazione critica in provincia di Latina con Latina Oggi e Ciociaria Oggi che lavorano in regime di solidarietà e Il Giornale di Latina dove si è scoperto che l’attività giornalistica era pari al caporalato, poiché non nessuno degli addetti aveva un regolare contratto giornalistico.

E lo stesso scenario è stato trovato nel corpo redazionale del Giornale della provincia, diffuso nell’area romana.

Anche a Frosinone, il mestiere del giornalista è a rischio scomparsa.

Il giornale La Provincia ha dichiarato fallimento ed una serie di esuberi per 12 unità con la cassa integrazione a zero ore.

Il Segretario generale UIL Alberto Civica

Sulla crisi dell’editoria e dell’informazione, Affaritaliani.it chiesto un parere al segretario della Uil, Alberto Civica, in prima linea sul dramma occupazione che sta investendo Roma ed il Lazio

D. Civica, che succede? Giornalismo in crisi come gli operai?

R. “Succede che chiudono le testate ed i giornali, che c’è un giornalismo che dipende solo da editori che sono contemporaneamente imprenditori e banchieri e che quindi fanno scattare legittimamente il dubbio che l’indipendenza delle testate non sia in cima ai loro pensieri”.

D. E la crisi arriva anche nel sindacato?

R. “Se crolla il numero dei giornalisti che hanno uno stipendio regolare, crolla anche il numero degli iscritti. Anche questa è una condizione che mettono in dubbio l’indipendenza di chi scrive e la professionalità”.

D. E’ lo specchio di una società decadente?

R, “La crisi dell’emittenza locale e la rinuncia all’approfondimento, nonchè l’invasione dei social che lancia messaggi a tutto spiano fa sì che si venga bombardati da messaggi dei quali ci convinciamo perché nessuno scava alla ricerca della verità. Le bufale che girano e che hanno credito e che poi diventano virali ne sono la prova evidente.

A un certo punto si è preso contezza del fatto che se dici le cose che la gente si vuol sentire dire, non importa se sono dentro un ragionamento politico, fanno consenso. E’ una sorta di come faccio a prendere 100 voti?”

D. Allora parliamo di politica. La politica e i politici secondo lei quanto sono responsabili di questo fenomeno?

la coda del processo. Una cosa è certa: la politica è debolissima e questo è un dato di fatto. Ed è debole tutta la politica, sia chi la fa, che chi critica”.

D. Un paese senza una stampa che Paese è?

R. “E’ il Paese che si sta progettando. In giro per il mondo c’è una stampa che ancora ci prova. Negli Stati Uniti con tutte le difficoltà e le critiche che si possono fare c’è ancora margine per muoversi e che prova a rinnovarsi e usa i social per approfondire come il Washinghton Post.

Da noi si vuole accreditare un sistema libero che in realtà è condizionato.

Prima c’era la polizia in strada e le squadre con l’olio di ricino, ora sei condizionato perché non trovi lavoro o lo trovi solo con l’economia di relazione”.

D. Economia di relazione?

“Sì, il meccanismo per cui trovi lavoro solo se sei l’amico di… magari di un politico. E questo indipendentemente dalle capacità”.

D. “Giornalisti sempre meglio che lavorare”, diceva in un aforisma Luigi Barzini junior. Oggi il lavoro non c’è più ?

“Il lavoro c’è ancora, ma è diviso in due. Come nelle altre professioni ci sono alcuni suoi colleghi che lavorano e guadagnano bene, ma sono sempre meno.

Poi ci sono quelli che portano avanti il lavoro quotidiano e che sono sempre più precari e malpagati.

Oggi non è finito il sogno di fare il giornalista, è finita la realtà.

Vedo bravissimi ragazzi, ne incontro alcuni precari che ti chiamano sabato e domenica, quando gli altri stanno tranquilli, Li fanno girare come trottole per poter prendere una mezza notizia.”

 

Scritto da Franco Capanna – Sindacalista – Personaggio dell’anno in Canada (anno 2020). 

 

****************************************************************************************************** 

www.ilpopolo.news * wwww.democraziacristianaonline.it 

****************************************************************************************************** 

 

.

4 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Franco Capanna
Franco Capanna
6 mesi fa

Si pregano le gentili lettrici e lettori di non inviare favorevoli commenti all’autore in oggetto ma in questa sede.
La vostra e- mail non sarà resa pubblica.
Capisco che non tutti usano la mail e tantissimi ,mi scrivono, non sanno di averla ma nel dimenticatoio.
Si preferisce il Whatsapp
Solo ,lamia,forma informativa e null’altro.
Grazie ascolto.