GESÙ È STANCO SPETTA A NOI MUOVERE LE SUE MANI E PIEDI INCHIODATI !

GESÙ È STANCO SPETTA A NOI MUOVERE LE SUE MANI E PIEDI INCHIODATI !

A cura di Franco Capanna (Teramo)

< GESÙ È STANCO: SPETTA A NOI MUOVERE LE SUE MANI E PIEDI INCHIODATI ! >

Gesù è entrato nelle difficoltà della condizione umana

Perdonateci!

ha sperimentato la fame e la sete, ha provato stanchezza, ha “gustato” la morte. Ha portato soccorso, dalla posizione, tutta inedita, di salvatore affaticato e ferito Égli ha sete dell’anima di quella donna; ha sete dell’anima di ognuno di noi; ha sete di me e della mia vita».

 

Egli, stanco, sta cercando me, come canta un antico e ingiustamente abbandonato inno liturgico: “quaerens me sedisti lassus” Tu, signore sedesti stanco per cercare me, per darmi il tuo amore, per salvarmi dal non senso della mia vita, dal male nel quale spesso sono incatenato.

è la fatica del buon pastore che va per dirupi e rovi a cercare la pecora perduta e caricarsela sulle spalle». Alla stanchezza si accompagna una sete divina: «La richiesta che Gesù fa alla donna, rileva questa sua sete: “dammi da bere”, cioè, dammi la tua anima, dammi la tua persona, lasciati amare, lasciati salvare, apri il tuo cuore a me e sarai salva». Il grande fascino di questa pagina evangelica risiede proprio nell’incontro tra la sete di Dio e quella dell’uomo.

Autore Franco Capanna.

5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Franco Capanna
Franco Capanna
1 mese fa

Buon Natale a tutti