Andrea Turco (Movimento Giovanile Democrazia Cristiana): è necessario un periodo di “restaurazione” che solo i democristiani possono garantire !

Andrea Turco (Movimento Giovanile Democrazia Cristiana): è necessario un periodo di “restaurazione” che solo i democristiani possono garantire !

A cura di Andrea Turco (Roma) * andrea.turco@dconline.info * cell. 351-6401373 * Segretario nazionale Vicario del Movimento Giovanile della Democrazia Cristiana.

www.ilpopolo.news *

www.democraziacristianaonline.it * 

Pagina facebook della Democrazia Cristiana <DemocraziaCristianaOnline>

< Andrea Turco (Movimento Giovanile Democrazia Cristiana): è necessario un periodo di “restaurazione” che solo i democristiani possono garantire ! >

I cattolici – in politica dal 1891, a seguito della stesura dell’enciclica “Rerum Novarum” – garantirono un lungo periodo di prosperità, poiché per la prima volta nella Storia essi potevano avere ruoli anche all’interno della società ed la rappresentanza soprattutto del mondo politico dell’epoca.

Questo garantiva una stabilità che prendeva forma in vari ambiti: in quello economico, in quello civile ed infine in ambito religioso.

L’Italia, come possiamo notare, è formata da una classe politico-parlamentare incapace di prendere velocemente decisioni che siano garanzia di una nuova stabilità del Paese e del suo rispetto.

Forse perché non vogliono? Assolutamente no !

Dalla “scomparsa” del partito scudocrociato, in Italia, le generazioni degli “anziani” recepiscono un calo dei valori morali e civili di una volta, proprio riprendendo precisamente la dicitura che loro utilizzano per questa scomparsa.

Questo segnale è qualcosa di più di una semplice evoluzione del mondo e più precisamente collima con la scomparsa di un grande Partito Politico (nel 1994) che ha fatto grande l’Italia e che venne denominato nel 1943: Democrazia Cristiana.

La condizione inizia ad essere insostenibile per il Popolo che illuso, arrabbiato e deluso dalla cattiva politica si rifugia nei partiti che si dimostrano inizialmente come i paladini della giustizia sociale, ma alla fine si riveleranno come i peggior nemici della Storia della Democrazia.

Quella democrazia per cui i nostri colleghi ed antenati si sono volutamente ed in maniera ardua spesi, senza indugi nè tentennamenti, anche a costo di pagare cara la scelta di vivere una vita per la Politica e con la Politica.

Ora l’Italia non ha più bisogno di promesse, bensì di fatti concreti e tangibili, che nel tempo garantiranno proprio “La Nuova Primavera” che il Popolo sta aspettando da ormai troppo tempo e che nessun partito vivente è stato in grado di realizzare, se non in un passato a noi lontano.

L’appello è rivolto ai giovani tutti i quali non hanno la certezza di un futuro meritocratico e roseo, bensì una prospettiva misera di sopravvivenza.

I Nostri ragazzi, i Nostri giovani, meritano una prospettiva ed una speranza diversa.

Ed è per questo motivo che noi giovani ci uniremo sotto un’unica egida, al fine di ripristinare il rispetto delle istituzioni, per una società meritocratica e soprattutto per incremento necessario del PIL del Paese, che noi tutti amiamo e vogliamo veder risorgere.

 

A cura di Andrea Turco (Roma) * andrea.turco@dconline.info * cell. 351-6401373 * Segretario nazionale Vicario del Movimento Giovanile della Democrazia Cristiana.

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

Pagina facebook della Democrazia Cristiana < DemocraziaCristianaOnline > 

 

< IL POPOLO > della DEMOCRAZIA CRISTIANA * Direttore Resp. ANGELO SANDRI *

mail: segreteria.nazionale@dconline.info

* Cell. 342-9581945 * 342-1876463 

Direzione e Redazione – Via Giovanni Giolitti num. 335 – cap. 00185 – ROMA

Periodico registrato presso il Tribunale di Bolzano al num. 13/2004 in data 22/11/2004

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
A.P.
A.P.
2 anni fa

Un minestrone di parole nulla più, egregio Sig. Turco. Perché non collegarsi con le università e creare luoghi di aggregazione politica, in modo che le sue convinzioni possano essere condivise e propugnate dal mondo studentesco con il simbolo della D.C.?
Grazie.
A.P.