Alcide De Gasperi (Democrazia Cristiana): “Un politico pensa alle elezioni, ma uno Statista pensa alle prossime generazioni!”

Alcide De Gasperi (Democrazia Cristiana): “Un politico pensa alle elezioni, ma uno Statista pensa alle prossime generazioni!”
Dott. Fernando Ciarrocchi (Ascoli Piceno)

A cura di Dott. Fernando Ciarrocchi (Ascoli Piceno)

fernando.ciarrocchi@dconline.info * Tel. 347-2577651 *

Coordinatore della redazione giornalistica de “IL POPOLO” della Democrazia Cristiana.

Vice responsabile nazionale dell’Agenzia di Stampa “LIBERTAS”

Editorialista del “IL POPOLO” della Democrazia Cristiana. 

< Alcide De Gasperi (Democrazia Cristiana): “Un politico pensa alle elezioni, ma uno Statista pensa alle prossime generazioni !”

Ci stiamo avvicinando alla data del 19 agosto 2022, giornata in cui cade l’anniversario della scomparsa di Alcide De Gasperi.

“Un politico pensa alle elezioni. Uno statista alle prossime generazioni”.

Questa è una delle celeberrime frasi pronunciate dal fondatore ed ex Presidente del Consiglio dei Ministri On, Alcide De Gasperi di cui il prossimo 19 agosto ricorre il 68° anno della scomparsa avvenuta appunto il 19 agosto 1954, in quel di Borgo di Valsugana.

Sono tutt’ora in corso di svolgimento i lavori della commissione competente affinché Alcide De Gasperi venga proclamato Santo e potrà quindi adire agli onori degli altari di Santa Romana Chiesa.

L’anniversario della sua dipartita quest’anno cade in periodo molto ma molto particolare: nella storia repubblicana in Italia è la prima volta che una consultazione elettorale viene convocata nel cuore della stagione estiva in itinere.

La figura, l’esempio, la testimonianza, la cultura, l’esperienza politica che fu di Alcide De Gasperi è più che mai una ricchezza ed un patrimonio da  imprescindibile per affrontare una campagna elettorale ormai più che prossima ma anche difficile visto il permanere di una legge elettorale che non è affatto la migliore soluzione per i cittadini e d’altro canto la nuova disposizione che ha ridotto i numeri dei parlamentari  sia alla Camera dei deputati, sia al senato della Repubblica.

Due fattori che non depongono certo al buon svolgimento di un sistema democratico repubblicano.

Facendo riferimento al nostro grande padre fondatore in questo anniversario ci piace ricordarlo citando alcune sue frasi che hanno lasciato un impronta indelebile  sia nella storia della Democrazia Cristiana, sia della Repubblica Italiana di cui è stato un coprotagonista di indiscusso valore e rilievo.

Ogni sua frase è un vero e proprio programma politico.

“Un politico guarda alle prossime elezioni, uno Statista alle prossime generazioni”.

Qui ci tramanda un messaggio  forte e chiaro: il politico basso cabotaggio mira a mantenere “lo status quo” utile ai propri interessi mentre un politico con la P maiuscola, uno statista pone in essere, con appropriati strumenti legislativi, le giuste condizioni per il benessere delle future generazioni essendo scevro da contingenti calcoli elettoralistici e quant’altro di più misero.

Dunque la dote migliore è la lungimiranza.

“Politica vuol dire fare”.

E’ vero i vari governi De Gasperi hanno operato in periodi di forte prostrazione economica, civile e morale del nostro paese martoriato dalle truci nefandezze di ben due conflitti mondiali. Dunque se avesse fatto, se non fosse stati operativo su più fronti oggi l’Italia non avrebbe raggiunto il livello in cui si trova.  Quindi la politica vuol dire fare, realizzare per il bene della comunità .

Fare nell’ottica della solidarietà e della sussidiarietà in cui tutti possono vivere una vita dignitosamente civile.

Non dimentichiamo alcune delle più importanti scelte fatte dai governi De Gasperi: la riforma agraria che ha restituito terreni ai coltivatori diretti favorendo così l’imprenditoria agricola affrancando i mezzadri dall’insopportabile giogo padronale, l’istituzione della Cassa per  il mezzogiorno che ha permesso al nostro meridione il riscatto che meritava e che ancora oggi merita a pieno titolo.

Poi come non ricordare il Piano casa che dato un tetto a migliaia e migliaia di  famiglie di nostri connazionali.

“Cercate di promettere un po’ meno di quello che pensate di realizzare se vincete le elezioni” 

Quanto buon senso, quanto sano realismo in questa frase. Quanta sana onestà morale politica che dà l’effettiva statura di ciò che è stato il nostro amato Presidente De Gasperi.

Questa frase è un monito più che attuale per tutti i politici e più che adatta per questo nostro difficile particolare momento storico politico.

Non si devono mai generare false attese nelle persone perché vuol dire offendere la loro dignità umana.

Sul fronte sociale, a dimostrazione dell’importanza che aveva per il Presidente De Gasperi lo  ebbe a dire:

“Non è possibile che lo Stato si disinteressi dell’organizzazione sindacale: è una diserzione della democrazia”.

Questa era la concezione degasperiana del sindacato anch’essa che mai attuale e soprattutto ancora di monito sia per lo Stato, sia per il Sindacato.

Tutto questo senza alcuna presunzione ma con grande umiltà ci permettiamo sommessamente di proporre come viatico a tutti coloro che sceglieranno di mettersi a disposizione per il bene del Paese.

 

 

   ************************************************************************************** 

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

   ************************************************************************************** 

 

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Enrico MIGLIARDI
Enrico MIGLIARDI
1 mese fa

De Gasperi è stato fondamentale per la Democrazia Cristiana e per l’Italia. Bisognerebbe scrivere un libro scolastico ed insegnare la Sua morale nelle scuole dell’obbligo.
Enrico Migliardi