Accorato appello da parte della Conferenza Episcopale Italiana: che sia un’Europa solidale e coerente con le sue radici cristiane !

Accorato appello da parte della Conferenza Episcopale Italiana: che sia un’Europa solidale e coerente con le sue radici cristiane !

A cura di Dott. FERNANDO CIARROCCHI (Ascoli Piceno)

fernando.ciarrocchi@dconline.info *  cell. 347-2577651 *

Vice-Segretario nazionale Dipartimento Sviluppo-Comunicazione-Marketing della Democrazia Cristiana italiana

 Vice-Direttore de < IL POPOLO > della Democrazia Cristiana

Coordinatore della redazione giornalistica de “Il Popolo” della Democrazia Cristiana.

 Responsabile nazionale dell’Agenzia Stampa “Libertas”

Accorato appello da parte della Conferenza Episcopale Italiana: che sia un’Europa solidale e coerente con le sue radici cristiane !

La recente Assemblea generale della C.E.I. svoltasi a Roma

Con l’approssimarsi della consultazione elettorale per il rinnovo degli organi elettivi europei, tra i molti appelli formulati non poteva mancare il manifesto della < CARITAS ITALIANA >.

Un tanto unitamente alla “Lettera Aperta” a firma congiunta del Presidente della Conferenza Episcopale Itale  Card. Matteo Zuppi  e del Presidente delle Conferenze Episcopali Europee Mons. Mariano Crociata.

Il Presidente della C.E.I. Cardinal Zuppi

I contenuti della < Lettera aperta > congiunta dei due alti prelati ed il < manifesto-appello > per le elezioni europee che si svolgeranno nei prossimi 8 e 9 giugno 2024 sono stati portati all’attenzione capillare delle diocesi diocesi italiane le quali si sono attivate in primis coinvolgendo le delegazioni regionali Caritas che a loro volta hanno interessato le Caritas diocesane presenti nel territorio nazionale.

Mons. Mariano Crociata – Presidente C.E.E.

Lo scorso 24 maggio 2024, presso la sala delle vetrate del Santuario di San Giacomo della Marca e Santa Maria delle Grazie di Monteprandone, in provincia di Ascoli Piceno, ha avuto luogo una importante conferenza stampa attinente proprio alle prossime Elezioni Europee di data 8 e 9 giugno 2024.

Alla Conferenza stampa hanno preso parte l’amministratore diocesano per la Diocesi di San Benedetto del Tronto-Ripatransone Montalto,  S.E. Mons. Carlo Bresciani; il Vescovo della Diocesi di Ascoli Piceno – Vice Presidente della Conferenza Episcopale Italiana Mons. Giampiero Palmieri  (recentemente nominato  “in persona episcopi ” anche nuovo Vescovo della Diocesi di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto); il Dott. Giorgio Rocchi direttore della Caritas della Diocesi di Ascoli Piceno  e il Dott. Marco D’Aurizio, delegato della Carita Region

Il tavolo dei relatori per la Conferenza stampa a Monteprandone (AP)

Ha moderato l’incontro il prof. Ferdinando Palestini. Responsabile della Comunicazione della Diocesi di San Benedetto del Tronto- Montalto.

Il minimo comun denominatore degli interventi svolti è stato l’accorato appello che in primis la Caritas Italiana rivolge a tutti i fedeli elettori: andate a votare non disertate le urne.

A tal proposito mons. Carlo Bresciani ha sottolineato:

<< La nostra esortazione ad andare a votare  in questo particolare momento storico è più che importante.

La democrazia è un valore fondamentale ma dipende dalle scelte che si fanno.

Alla Chiesa non spetta indicare i partiti ma i valori.

Richiamare  quei valori e quello spirito che hanno animato e sorretto i tre fondatori dell’Unione Europea che erano cristiani : Alcide De Gasperi, Robert Schuman e Konrad Adenauer.

Si sono richiamati alle radici giudaico-cristiane dell’Unione Europea. In un mondo sempre più globalizzato, ma frammentato, abbiamo il dovere di partecipare al voto e scegliere persone con valori veri, competenti, che sappiano favorire la crescita dell’Unione Europea sede principale delle decisioni politiche >>.

Mons. Giampiero Palmeri  e Mons. Carlo Bresciani

Sono stati questi valori assoluti con al centro la persona, i popolo, che nonostante tutto hanno garantito la pace per ben 70 anni all’intera unione europea.

Alla politica, dunque, la Caritas Italiana chiede a gran voce di porre in essere azioni concrete idonee alla rimozione delle cause della povertà sempre più dilagante, la mobilità umana è un diritto di tutti concetto ribadito dal Dott. Marco D’Aurizio il Delegato Caritas Marchigiana.

Mons. Giampiero Palmeri ha ripreso i punti salienti della missiva a firma congiunta del Card. Matteo Zuppi e di Mons. Mariano Crociata in cui in modo diretto, dopo l’incipit confidenziale “Cara Unione Europea” , con cui i vescovi italiani si rivolgo all’unione, sono elencate le richieste ai candidati europei di qualsiasi formazione politica:

– Un nuovo mercato del lavoro più efficace in cui ci sia un reddito minimo

– Garantire sussidi sociali di qualità

– Idonee politiche migratorie che consentono la mobilità umana.

– Finanziamenti diretti alle realtà locali di tipo umanitario

– Politiche di sviluppo sostenibili nel sud del mondo

L’auspicio è che ci sia un’Europa antropocentrica che orgogliosamente riscopra le sue radici cristiane da cui trarre impulso per una legislazione ugualmente antropocentrica  vicina ai popoli alleggerita dalle incomprensibili pastoie burocratiche che allontanano i cittadini dall’istituzione mortificandoli.

Dott. Angelo Sandri (Udine)

Il Segretario politico nazionale della Democrazia Cristiana Dott. Angelo Sandri (Udine) ha espresso grande apprezzamento per l’appello da parte della Conferenza Episcopale italiana ed europea per una partecipazione anche elettorale a difesa dei principi e dei valori cristiani ed in sintonia con i contenuti evidenziati nella lettera divulgata in questa circostanza.

Il Segretario nazionale della D.C. evidenzia però come questa legge elettorale sia particolarmente nefasta e truffaldina, per non dire illegittima (come del resto evidenziato dalla Sentenza della Corte Costituzionale n. 1/2014, con l’allora relatore Sergio Mattarella (SIC).

<< Oltretutto la classe politica al potere -sottolinea Angelo Sandri – impedisce (con artifizi e raggiri) alla Democrazia Cristiana perfino di poter partecipare liberamente alla competizione elettorale, nonostante che recenti sondaggi evidenziano come il 37 per cento dell’elettorato italiano esprima un gradimento nei riguardi del partito dello Scudo Crociato.

In altri termine – a mio modesto avviso – è come invitate uno a sedersi a tavola…. ma in cucina nulla è stato preparato … e quindi hai ben poche speranze di poterti rifocillare.

Nonostante queste tristi premesse …. e nella speranza che le leggi elettorali possano presto cambiare in senso maggiormente democratico e rispettoso dei dettami della Costituzione della Repubblica italiana …. noi (come fece San Pietro a suo tempo)…. getteremo ancora “le reti sulla parte destra della barca”…sperando in un copioso risultato. >>

 

*****************************

www.ilpopolonews.it

*******************************

www.democraziacristianaonline.it

*********************************

 

1 1 vote
Article Rating
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Nicola
15 giorni fa

Buona D.C. A TUTTIIIIII.