Il 18 Aprile 1948 la Democrazia Cristiana rese libera l’Italia !

Il 18 Aprile 1948 la Democrazia Cristiana rese libera l’Italia !
Feernando Ciarrocchi

A cura Dott. Fernando Ciarrocchi (Ascoli Piceno)

fernando.ciarrocchi@dconline.info

< Il 18 Aprile 1948 la Democrazia Cristiana rese libera l’Italia ! >

Il 18 aprile 1948 è una data storica  per tutti i democratici cristiani.

Per la Democrazia Cristiana di De Gasperi, Moro, Fanfani, Andreotti e tanti altri padri costituenti, per l’Italia intera, perché, a distanza di due anni, da quando nel 1946 il corpo elettorale italiano scelse la Repubblica e per fortuna non la Monarchia,  l’Italia decise di essere una Nazione libera e democratica.

Ha chiuso definitivamente lo scellerato scenario che fu della dittatura fascista in cui miseria, guerra, depressione economica, unitamente alla cieca alleanza con la Germania di Hitler, gettarono  l’Italia nello stato orribile di una nazione povera priva di ogni futuro.

Un periodo buio da cui tutti gli italiani si riscattarono scegliendo in massa la Democrazia Cristiana: il partito della democrazia, della libertà, del progresso e soprattutto della rinascita.

Il partito della LIBERTA’ era stato voluto da un sacerdote coraggioso, forte della sua fede e lungimirante che risponde al nome di Don Luigi Sturzo che per le sue idee di libertà, di democrazia pagò con l’esilio la persecuzione del regime fascista.

Don Luigi Sturzo

Le elezioni politiche del 1948 si tennero il 18 aprile.

Costituirono la seconda consultazione elettorale a suffragio universale, dopo quella del 1946.

La Democrazia Cristiana si aggiudicò la maggioranza relativa dei voti e quella assoluta dei seggi, caso unico nella storia della Repubblica.

Il partito guidato da Alcide De Gasperi ottenne oltre 4,6 milioni di voti in più e un balzo del 13% rispetto alle elezioni della Costituente, diventando il punto di riferimento per l’elettorato anticomunista.

Alcide De Gasperi

Rilevante la sconfitta del Fronte Democratico Popolare, lista che comprendeva sia il PCI che il Partito Socialista Italiano.

Con il 31% dei voti, i due partiti di sinistra ottennero insieme meno voti di quanti ne conquistarono separatamente nel 1946.

La campagna elettorale che porto alla strepitosa vittoria della Democrazia Cristiana, per la rinascita e il riscatto del popolo italiano, prostrato e umiliato dalla dittatura fascista, fu molto combattuta tra i due maggiori schieramenti: la Democrazia Cristiana guidata dal grande Alcide De Gasperi che tra i più importanti punti programmatici aveva  l’alleanza atlantica il cui perno è stato ed è la presenza degli Stati Uniti d’America, garanzia storica di libertà, democrazia, progresso per i popoli.

Grazie a Dio il popolo italiano seppe scegliere con oculatezza e lungimiranza da che parte stare , dalla parte della libertà, della democrazia e progresso che portò alla resurrezione dell’Italia.

I manifesti dell’epoca ricordano questi temi e sono a pieno titolo nella storia nazionale.

Tutti abbiamo  ben impresso nella nostre menti l’immagine dell’ingresso trionfale e l’accoglienza indimenticabile che ebbe il nostro Presidente del Consiglio dei ministro, On.le Alcide De Gasperi, che ricevette dal Generale Marshall l’assegno a fondo perduto per la ripresa dell’Italia.

Il rapporto con gli USA da quel momento per l’Italia di anno in anno è diventato sempre più solido, cordiale, schietto e leale.

Lo storico stemma: lo scudo crociato simbolo emblematico della Democrazia Cristiana sempre viva e presente

L’altro schieramento era il blocco socialcomunista, sconfitto nel 1948, guidato dal Partito Comunista Italiano guidato da Palmiro Togliatti che proponeva l’alleanza con il Comintern in cui Mosca aveva il suo indiscutibile peso politico e diplomatico.

Segreterio Nazionale della Democrazia Cristiana ( Udine)
Il Segretario politico nazionale della D.C. Dott. Angelo Sandri

Anche oggi, pur con i dovuti distinguo, siamo in un periodo storico in cui non si combatte una guerra a suon di armi, ma stiamo comunque vivendo un periodo drammatico, con una pandemia mondiale che ha messo in ginocchi il mondo intero sia in termini di vite umane che sotto il profilo economico.

L’Italia – purtroppo – sta anch’essa  attraversando una forte crisi economica con tantissime vittime a causa del COVID 19 ed ha urgente bisogno di una forza democratica che possa garantire una concreta speranza di rinascita.

Questa forza politica democratica non può che essere la Democrazia Cristiana.

Un partito sempre vivo, attivo e pronto servire il Paese, grazie anche all’azione ed alla presenza coerente del suo Segretario politico nazionale Dott. Angelo Sandri.

 

POTETE SEGUIRE E COMMENTARE GLI ARTICOLI DE < IL POPOLO > DELLA DEMOCRAZIA CRISTIANA DALLA PAGINA FACEBOOK DEL NOSTRO GIORNALE :

        <IlPopolo.News > 

 

Una risposta a "Il 18 Aprile 1948 la Democrazia Cristiana rese libera l’Italia !"