Rodolfo Concordia (Democrazia Cristiana): dopo il “tempo delle mele”, prende quota il tempo dei “favolari” !

Rodolfo Concordia (Democrazia Cristiana): dopo il “tempo delle mele”, prende quota il tempo dei “favolari” !

A cura di Comm. Rodolfo Concordia (Roma)

rodolfo.concordia@dconline.info * cell.

Vice-Segretario politico nazionale della Democrazia Cristiana

Coordinatore della Segreteria politica nazionale della D.C.

Segretario politico regionale della D.C. del Lazio

 < Rodolfo Concordia (Democrazia Cristiana): dopo il “tempo delle mele”, prende quota il tempo dei “favolari” ! >

E’ ormai a buon punto la realizzazione della ormai notissima e nuova fiction televisiva < I bastardi di Montecitorio > di cui si è fatto un gran parlare in queste ultime settimane.

Ormai dovremmo essere vicini alla vera e propria messa in onda della fiction ed appena conosceremo ulteriori dettagli saremmo certo pronti a divulgarli a tutti i nostri lettori.

La nota fiction televisiva con protagonista Alessandro Gassmann

Per l’intanto sottolineiamo come i “raccontatori di favole” hanno sempre fatto parte del tessuto connettivo, anche se non sempre riescono ad essere utili al Paese.  Hanno come riferimento il tempo dei balocchi ed in mente la favola di Pinocchio ed il sogno di un mondo di soli giochi.

Purtroppo, infestano di falsi sogni, il tempo delle elezioni ed utilizzano il malcontento e la rabbia morale, in modo prodromico per cavalcarlo e tradurlo in consenso.

Le bugie e le promesse elettorali non corredate di uno Studio di Fattibilità, scorrono con la forza di un vento impetuoso che tenta di stravolgere la realtà del Paese e di introdurre uno scenario di un presunto cambiamento che cerca di intercettare un desiderio profondo di una maggiore giustizia e di equità.

Proiettano un film stantio e lontano dalla realtà Socio-Economica del Paese e “ promettono” tutto e di tutto. Ed ancora una volta la differenza fra essere espressione di una classe inetta pseudo-partitica che pensa solo al consenso elettorale e la figura dello Statista che pensa al Paese, esplode nella sua virulenza e bagna di vergogna un tessuto connettivo che necessita di Verità e di Giustizia Sociale e non di favole che il giorno dopo il voto, si trasformano ancora di più, in malcontento ed aumentano la forbice fra cittadino e la classe Politica alimentano la tentazione del Non Voto.

Da sx: Rodolfo Concordia, Angelo Sandri e Roberto Esposito

La nostra Storia, i comportamenti della vera Democrazia Cristiana di Angelo Sandri, sanno di Verità, sono in sintonia con i bisogni e le aspettative del Popolo, progettano un Mondo diverso costruito sul tessuto Socio Economico e progettano una Società per l’uomo e la sua realizzazione umana, sociale, civile ed economica.

E’ per questo che le prossime elezioni sono espressione del livello più basso della Storia Repubblicana e danno il senso del degrado e della distanza dai dettami Costituzionali, dal rispetto delle Istituzioni ed offendono l’uomo e la sua ricerca di Giustizia e di rispetto umano e politico.

E’ infatti la persona che viene offesa e diventa ancora di più , uno strumento della volontà dei partiti egemoni e della loro voglia di potere.

Ed è per questo che cresce nel Paese il disimpegno dagli appuntamenti elettorali e con esso, la profonda sfiducia verso una classe partitica egemone che sta minando il tessuto democratico e che sta compromettendo l’obiettivo di una Democrazia Compiuta.

Nonostante ciò, in questo quadro preoccupante brilla ancora una Luce di Speranza verso la prospettiva di un Mondo diverso e più giusto.

L’intervento del Senatore Angelo Presutti di Unione Cattolica Italiana alla Direzione nazionale della Democrazia Cristiana

E’ la presenza nel tessuto politico e sociale della vera Democrazia Cristiana, di un Partito che trae la sua ispirazione dalla dottrina Sociale della Chiesa e che vede l’uomo e la sua realizzazione, come l’impegno prioritario del suo essere in Politica.

Noi siamo e dobbiamo essere, espressione di un Centro vero, equidistante dai favolari di sinistra e di destra, attento ai bisogni ed in sintonia con il desiderio di maggiore giustizia sociale del cittadino.

Noi siamo per la costruzione di una Città Terrena che esalta l’uomo, le sue aspettative ed il suo bisogno di partecipazione alla costruzione di uno Stato che è al servizio dell’uomo e non viceversa e che delinea un futuro di giustizia e di equità.

Ed è a questo obiettivo che è rivolto l’accordo stipulato con l’Unione Cattolica Italiana del Senatore Angelo Presutti.

Ci accomuna l’afflatto ispiratore dell’impegno sociale e politico, la condivisione dei Valori cattolici, il desiderio di costruire un mondo diverso a misura d’uomo e la prospettiva di una Società che sintetizza la sua crescita umana, sociale e civile.

Condividiamo una centralità che esprime la nostra Diversità dai partiti egemoni e che mette al primo posto la giustizia e la sobrietà di un impegno che esula dai nostri obiettivi personali e si incentra sui bisogni del Paese e su una graduale prospettiva di costruzione di una Città Terrena in simbiosi con le attese ed i bisogni dei cittadini.

E’ una scelta coraggiosa che sfida l’ipocrisia e le scelte di convenienza e reintroduce il volto di una Politica che recupera la sua dimensione Etica e Morale e si ripropone come strumento di giustizia sociale e civile.

E la collocazione di una vera centralità e di equidistanza da destra e sinistra, reintroduce e riafferma il Ruolo che la storia del Paese ci ha delegato e che rappresenta per noi la vera motivazione di un impegno che supera le ambizioni personali e ed i desideri individuali e che vuole rappresentare le istanze di Giustizia e di crescita umana che provengono dal tessuto connettivo del Paese.

E’ il ruolo che Aldo Moro chiedeva ai Cattolici che nei momenti di incertezza, dovevano rappresentare l’ancora di salvezza ed elaborare un Nuovo Progetto di crescita e di sviluppo incentrato sull’uomo e la sua realizzazione. Ad esso vogliamo restare fedeli nella Certezza di rappresentare la vera forza propulsiva di un cambiamento che supera la tentazione personale e che si proietta nella soluzione dei problemi del Paese e nell’impegno di elaborare e realizzare un Nuovo straordinario miracolo costruito dalla forza dei Valori ed incentrato in un impegno che supera le difficoltà del quotidiano e mira a quel Bene Comune che i partiti egemoni hanno tentato di estirpare ma che è ben presente nel tessuto connettivo del Paese.

Ed ad esso, siamo chiamati a dare una risposta adeguata in termini di giustizia e di solidarietà per dare certezze ad un progetto di vero cambiamento che nasce dai Valori che vogliamo rappresentare e che sono al centro del nostro impegno politico.

Ed a questa sfida vogliamo partecipare consci di essere e di rappresentare la Vera Novità ricca della nostra Storia ed al contributo che abbiamo dato alla costruzione di una Società più ricca di Solidarietà, di Sussidiarietà, di Equità e di Giustizia Sociale.

E’ il nostro compito e lo vogliamo realizzare con la forza dei Valori che rappresentiamo e la determinazione di chi crede nel Ruolo che la Storia del Paese ci ha assegnato.

Per ritornare alla nuova fiction televisiva < I bastardi di Montecitorio > pare che sia attenzionata molto in alto e che – se avrà il successo di pubblico che merita si parla addirittura di una possibile “nomination” per la celeberrima < Notte degli Oscar > a Los Angeles.

A tal proposito circola insistentemente anche il nome di Lorenzo Cesa, candidato all’Oscar come miglior attore non protagonista !

 

************************************************************************************************

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

************************************************************************************************

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments