PRESSANTE ISTANZA AL COMUNE DI LATINA PER CONTRIBUIRE A RISOLVERE LE GRAVI PROBLEMATICHE DEL MONDO DELLO SPORT DOPO L’EMERGENZA COVID-19

PRESSANTE ISTANZA AL COMUNE DI LATINA PER CONTRIBUIRE A RISOLVERE LE GRAVI PROBLEMATICHE DEL MONDO DELLO SPORT DOPO L’EMERGENZA COVID-19
A cura di Dora Cirulli (Roma) * dora.cirulli@ilpopolo.news * cell. 334-3614005 * Capo Ufficio stampa nazionale della Democrazia Cristiana 

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

< PRESSANTE ISTANZA AL COMUNE DI LATINA PER CONTRIBUIRE A RISOLVERE LE GRAVI PROBLEMATICHE DEL MONDO DELLO SPORT DOPO L’EMERGENZA COVID-19 >

Il Presidente provinciale del “Gruppo Sportivo Italiano” di Latina, Segretario provinciale ASCON e Segretario nazionale del Dipartimento “Sport ed Attività sociali” della Democrazia Cristiana Geom. Mirko Parisi, dopo il proficuo incontro svoltosi con l’Assessore Beni e Patrimonio del Comune di Latina Dott. Emilio Ranieri, facendosi interprete delle esigenze di tutte le Associazioni sportive del Comune e dell’intera cittadinanza pontina ha presentato un’istanza finalizzata alla soluzione delle gravi problematiche che interessano il mondo dello sport in quel di Latina.

Alberto Battaglini e Mirko Parisi di fronte all’ingresso del Municipio di Latina prima dell’incontro con l’Assessore comunale della città Emiio Ranieri.

In tal senso – infatti – è stata presentata la richiesta di ottenere (fino a che non potrà svolgersi il previsto Bando pubblico per l’assegnazione della struttura) l’utilizzo di idonee strutture sportive o  della struttura del ‘’Palaboxe‘’ di proprieta’ Comunale, situata – come noto – in Via Aspromonte, a Latina.

Il summenzionato  incontro si è svolto nei giorni scorsi presso la sala consiliare del Comune di Latina, a Piazza del Popolo. Dopo due ore di dialogo intenso e sereno si è giunti alla conclusione l’ipotesi  di definire e risolvere questa importante problematica. Un tanto in maniera molto rispettosa soprattutto nei confronti di tutte le Società sportive presenti all’interno del Comune di Latina e anche degli stessi atleti e cittadini.

Per anni hanno dovuto fare i conti con una realtà diversa, poiché le condizioni di vita erano anche difficoltose ma permettevano quantomeno di arrivare a fine mese.

Geom. Mirko Parisi (Lastina)

Purtroppo ad oggi davanti al COVID-19, Virus letale che ha devastato tutto il mondo colpendo la Sanità, l’Economia e quant’altro, troppe realtà  stanno chiudendo e se riaprono forse falliscono! Purtroppo in vari casi in Italia si è giunti addirittura al suicidio di persone che non hanno retto la grave e terribile realtà esistente. Da qui l’impegno di tante Amministrazioni Comunali sono giunte in soccorso delle varie persone ed associazioni in difficoltà.

Anche a Latina dunque è stato chiesto di valutare in maniera positiva l’affidamento di una struttura Comunale  a tutti coloro che ne hanno esigenza, facendo riferimento alle strutture sportive idonee esistenti di proprietà  Comunale, tipo il ‘’Palaboxe’’ (che attualmente viene gestito da un gestore privato con una società sportiva a conduzione familiare).

Potrebbe essere presa in considerazione per l’affidamento una Struttura Sportiva Comunale adiacente a quella già utilizzata e summenzionata, proprio per non creare nessuna disparità riguardo la location da raggiungere,  situata al centro della Città, consentendo un facile raggiungimento a tutti, anche pedonale.

Dott. Emilio Ranieri, Assessore ai Beni e Patrimoio del Comune di Latina

Nel momento in cui verrà tutto sarà definito e stabilito, il Comune di Latina avrà senz’altro realizzato un sogno con questa importante ed esemplare testimonianza.

Un tanto per consentire a tutte le Società sportive di Latina di poter svolgere la propria attività di riferimento con i propri atleti e rispondendo così alle esigenze non solo delle varie società interessate facenti parte del mondo dello sport.

Un tanto senza alcuna discriminazione nei confronti di nessuno, ma anche dando soddisfazione a tutta la cittadinanza del Comune di Latina.

Ci sono infatti anche varie realtà che lavorano nel Sociale, oltre a lavorare nello Sport mediante la ‘’Noble Art’’, aderendo a dei progetti riconosciuti da M.I.U.R., C.O.N.I., F.P .I.; grazie all’ingresso nelle scuole, nelle carceri, per la strada e per qualcun altro anche con la risocializzazione.

Ha partecipato all’incontro anche il Maestro Maurizio Centra, Delegato Provinciale F.P.I.-C.R.L. , insieme ai Maestri Maurizio Romano, Massimo Caccia, Roberto Petrignani, Alberto Battaglini, i quali hanno rappresentato le società sportive di riferimento.

Il Maestro Celio Turrini (A.S. Parisi Boxe)

Presente anche il Maestro di pugilato Celio Turrini, maestro di quasi tutti i maestri pontini e non solo, vera e propria icona per lo Sport della Città di Latina. Egli ci racconta una parte del suo vissuto, rappresentandoci con le sue parole, una parte importante della storia pugilistica della Città di Latina.

<<  A Latina – ci narra Celio Turrini – c’è sempre stata una gloriosa tradizione sportiva ed in particolare riguardante il settore della Boxe.

Infatti fin dagli anni intorno al 1950 si svolgeva nella città di Latina una notevole attività pugilistica presso la “Casa del contadino”.

In particolare questo era reso possibile grazie alla presenza di una Società sportiva denominata S.S. “Franco Loi” di Latina. In seguito, grazie all’attivismo del maestro Giuffrida di Priverno, venne istituita la “Casa del pugilato” la quale venne sostenuta anche dall’opera dell’allenatore federale Poggiolino e del maestro Dazzo di Latina Scalo.

Dopo un breve periodo di chiusura, durato qualche mese, nel 1957 la situazione venne seguita da Ettore Ranghella. Grazie alla collaborazione del Presidente CRL LAZIO Comm. Romanina e del Segretario Ronaldini, che collaboravano fattivamente anche loro con il Ferroviere e Maestro Ettore Ranghella (che dormiva addirittura anche in Palestra) il settore pugilistico di Latina decollò in maniera definitiva.

A quel punto la società pugilistica di Latina veniva denominata “Amici del Pugilato” e siamo arrivati con la narrazione agli inizi degli anni ’60.

Poi la Società Sportiva “Amici del pugilato” venne spostata in un locale di proprietà Comunale (fine anni ’60), dopodiché grazie all’ impegno di Mario Libertini e di Chiappini, oltre a vari esponenti di quel momento del C.O.N.I. ed F.P.I., venne ottenuto un contributo di circa 50 milioni di lire per svolgere attività presso i locali del Comune di Latina.

E  fu così che nacque l’Associazione “Boxe Latina” per dar lustro a questo storico settore dello Sport del Comune di Latina….’’

Questo a testimonianza della importante tradizione che il mondo del pugilato ha sempre avuto nel Comune di Latina, dove grazie all’impegno di molte persone si è riusciti a realizzare grandi risultati.

E’ dunque lecito poter pensare che ancora oggi a Latina è possibile fare ancora di più per rinverdire questa importante tradizione sportiva. Oggi sono davvero in molti a seguire questa disciplina sportiva e ci sono molte strutture comunali da poter essere prese in considerazione per lavorare e collaborare veramente in questi progetti sportivi e sociali di grande utilità per il futuro della collettività.

GEOM. MIRKO PARISI (Latina) * cell. 340-8198617 * uff.stampaparisi@gmail.com

A cura di Dora Cirulli (Roma) * dora.cirulli@ilpopolo.news * cell. 334-3614005 * Capo Ufficio stampa nazionale della Democrazia Cristiana 

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *