L’intervista de “IL POPOLO” a Giorgio Lamberti (Roma), responsabile del Dip. Attività economico produttive di Roma Capitale e città metropolitana: la parola chiave sarà “CONDIVISIONE”

L’intervista de “IL POPOLO” a Giorgio Lamberti (Roma), responsabile del Dip. Attività economico produttive di Roma Capitale e città metropolitana: la parola chiave sarà “CONDIVISIONE”

A cura di Giordana Di Giacomo (Roma) * giordana.digiacomo@dconline.info * cell. 333-9033937 * Consulente della Segreteria politica nazionale della Democrazia Cristiana

Giordana Di Giacomo (Roma)

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

#RIVOGLIOLADC

< L’intervista de “IL POPOLO” a Giorgio Lamberti (Roma), responsabile del Dip. Attività economico produttive di Roma Capitale e città metropolitana: la parola chiave sarà “CONDIVISIONE” >.

Abbiamo avvicinato Giorgio Lamberti, di Roma, dirigente della Democrazia Cristiana capitolina ed attuale Segretario comunale del Dipartimento per le < Attività economico/produttive > del Comune di Roma Capitale e Città metropolitana.

La nomina – di cui alla lettera di protocollo numero 083/2020 * comunali D.C. * di data 11 aprile 2020 – gli è stata conferita dal Segretario politico nazionale della Democrazia Cristiana dott. Angelo Sandri (Udine) di concerto con i dirigenti territoriali competenti.

< Sig. Lamberti, ci può raccontare – in breve – la sua visione della attuale situazione politica italiana ? >

La mia idea di politica è fondata su un aspetto centrale di tutta la vicenda umana e che riguarda l’evoluzione dell’uomo e di conseguenza l’evoluzione della società.

Il partito politico e l’uomo che fa politica (ancorchè di professione) hanno, secondo me, il compito di armonizzare l’organizzazione della società con le aspettative in continuo cambiamento dei singoli individui, anche in funzione di tutti i fattori esterni che ne condizionano l’esistenza.

Giorgio Lamberti (Roma)

Attualmente stiamo assistendo ad enormi sconvolgimenti, causati dall’emergenza sanitaria dell’inaspettata pandemia COVID-19, parzialmente risolta, ma non senza traumi e trasformatasi subito dopo in catastrofe economica.

Oggi ad alcuni mesi ormai dall’arrivo in Italia del virus, siamo un Paese in seria difficoltà.

Ma quello che maggiormente mi colpisce è quel senso di disfattismo e di depressione che attanaglia il singolo cittadino che non si sente affatto tutelato dal nostro Governo e più in generale dalle Istituzioni.

E’ la minaccia più grave, dalla Seconda Guerra Mondiale ad oggi, per la salute e per l’economia del Paese, mentre al Governo si trova una maggioranza di “plastica”, figlia di accordi di palazzo, intrighi di potere, assoluta non espressione di un programma politico deciso dagli elettori.

Basta guardare i volti stralunati, quasi inpauriti, inadeguati ed inconsistenti dei Ministri, che dovrebbero aiutare tutti noi a risolvere gli innumerevoli problemi di ogni giorno, ma evidentemente o non sono in grado, o non possono.

< Quali sono gli aspetti maggiormente innovativi che vuole apportare con la sua presenza in Democrazia Cristiana ? >.

Si dice che per ripartire, bisogna toccare il fondo. E sinceramente, sembra proprio che ci siamo !

Un Paese importante e imponente come l’Italia, rispettato e invidiato da tutti nel mondo, ha decisamente bisogno di Leader più credibili e capaci, all’altezza di guidare con più amore e passione la nostra Nazione.

Secondo me, la salda strada da percorrere per arrivare ad effettivi cambiamenti, potrebbe essere “LA CONDIVISIONE”.

Oggi tutti sanno cosa significa, tranne avere grande difficoltà ad attuare il verbo, ossia la parte più importante che riguarda le vite di ciascuno di noi.

Mi riferisco ad una piena CONDIVISIONE UMANA di gioie, di problemi, di sforzi, di sacrifici, di aiuti, uscendo dalla cura dei propri “orticelli”, aprendosi alla più importante qualità umana e cristiana che potrebbe essere l’empatia, “sostituzione” ad oggi utile dell’egoismo.

Ci pare , quanto meno, singolare, vedere ogni giorno, numerosi personaggi politici, molto attivi sui social, come per dimostrare empatia e vicinanza a chi li segue.

In realtà però poi si sono tenuti bene alla larga dal rinunciare ai loro “stipendi esagerati”.

In altre nazioni invece lo hanno fatto, hanno tagliato i loro stipendi, se pur simbolicamente, per aiutare il popolo che li ha eletti.

E che dire infine dell’Europa, piena di contrasti e confusione, tant’è che i cittadini sono in pieno delirio su questo punto. E sorge perfino il dubbio: sarà giusto o sconveniente che l’Italia faccia parte dell’Unione Europea!?

< Per concludere, possiamo affermare che il Suo impegno in Democrazia Cristiana sarà all’insegna dell’empatia e della condivisione ?>.

Senz’altro si ” E concludo affermando la mia precisa volontà di entrare in EMPATIA con i cittadini e CONDIVIDERE seriamente con loro le sorti della nostra bellissima Nazione.

E ringrazio sentitamente i dirigenti della Democrazia Cristiana sia a livello nazionale che territoriale per la fiducia riposta in me e mi impegnerò al massimo per corrispondere in termini utili ed adeguati.

< Le auguro buon lavoro ! >

 

GIORGIO LAMBERTI (Roma) * cell. 388-7723724 * giorgio.lamberti@dconline.info

 

A cura di Giordana Di Giacomo (Roma) * giordana.digiacomo@dconline.info * cell. 333-9033937 * Consulente della Segreteria politica nazionale della Democrazia Cristiana

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it * #RIVOGLIOLADC