IN CABINA ELETTORALE E’ POSSIBILE CAMBIARE L’ITALIA: VOTA DEMOCRAZIA CRISTIANA !

IN CABINA ELETTORALE E’ POSSIBILE CAMBIARE L’ITALIA: VOTA DEMOCRAZIA CRISTIANA !
Raffaele Vicedomini (Roma)

IN CABINA ELETTORALE E’ POSSIBILE CAMBIARE L’ITALIA: VOTA DEMOCRAZIA CRISTIANA !

Tutti pensano di poter finalmente tirare un sospiro di sollievo alla fine di lunghi complessi e farraginosi adenpimenti pre-elettorali, ma non è così!

Infatti a tutti i sostenitori della Democrazia Cristiana viene chiesto il vero grande sforzo e sostegno: IN CABINA ELETTORALE votiamo e facciamo votare DEMOCRAZIA CRISTIANA!

Con questo appello mi rivolgo a tutti gli italiani di buona volontà e chiedo a pieni polmoni e con voce alta: votiamo Democrazia Cristiana in tutti i Comuni dove siamo presenti con le nostre liste oppure in cui – seppur da indipendenti – abbiamo inserito nelle molteplici liste civiche i nostri candidati.

Ai nostri candidati indipendenti D.C. l’invito ad inviarci la dichiarazione di “CANDIDATO INDIPENDENTE D.C.”.

Solo cosi potrà essere inserito nell’elenco e ricevere il nostro sostegno pubblicitario nazionale.

Mentre il Governo ed i politici si distraggono con gli eventi e le ricorrenze internazionali, quasi a farci perdere il focus dal vero obiettivo elettorale, noi dobbiamo dedicarci in attività che ci fanno aumentare i consensi.

Aumentare il numero di tesserati e dare forza ed energia al partito con inviti a donare, anche poco, che può diventare tanto se a farlo sono in molti.

In questa preparazione della campagna elettorale ci siamo dovuti impegnare nel selezionare i candidati, redigere una montagna di documenti ed in brevissimo tempo, in piena estate, raccogliere le firme per la presentazione delle liste: immaginate che chi come noi non ha parlamentari o deputati regionali, la raccolta firme è divenuta un problema insormontabile ed in alcuni casi, come per le Regionali in Calabria per ogni lista occorrevano 5.250 Sic!

5250 firme con una procedura ferrea ed aggravata da una verifica attentissima da parte delle commissioni elettorali che forti di appartenere ad un governo che tarda a rimettere in gioco il voto nelle mani degli italiani diviene spesso persecutoria e pretestuosa nei confronti di chi, come noi, non cerca percorsi ed apparentamenti facili o di camuffamento ma ha una chiara identità e allocazione politica nello scenario costituzionale.

NOI SIAMO STATI E SAREMO empre “IL CENTRO”, il centro della politica italiana.

Non saremo noi ad esodare ma saranno tutti coloro che sono esiliati in altri gruppi politici a dover ritornare a casa.

Angelo Sandri (Udine)

Questo governo questo governo è scientemente consapevole che se ritorniamo, come ritorneremo, sulla scena politica nazionale, saremo l’asse portante intorno al quale si costruirà la politica dell’immediato prossimo futuro dell’Italia.

Oggi ogni azione, distrazione, fatto o misfatto è a vantaggio dell’attuale governo, che altro non è che un’armata da sinistra a destra, organizzata per mettere le mani sul tesoro inviatoci dall’Europa.

Draghi è  uno dei massimi strateghi della politica economica mondiale, non si poteva trovare di meglio dentro e furi dell’Italia per la guida del terzo governo Conte.

Al grido di < Stampi tu che stampo io >,  si sono messi a disposizione dell’Europa migliaia di miliardi di carta straccia non supportati – come era d’obbligo un tempo – con garanzie collaterali di depositi di oro.

Si, al pari della crisi del 1929, si è ben pensato che rimpinguare le casse dei governi europei con la stampa di nuova moneta fosse la migliore e maggiormente subitanea soluzione dei problemi.

Si, ciò può sembrare la soluzione più veloce e meno costosa ma gli esperti sanno e la storia ce lo insegna, che ciò ci porterà ad un grave indebitamento nazionale ed ad una obbligata svalutazione della moneta europea e sopratutto ad un dimezzamento del potere di acquisto.

Di ciò come tutti sanno a pagarne le spese saranno gli italiani ed in particolar modo i nostri figli.

A noi quindi oggi tocca un’azione politica responsabile per tornare ai banchi di comando.

Solo se combattiamo dall’interno e ci inseriamo nelle varie Amministrazioni comunali, regionali e nazionali possiamo portare il cambiamento necessario attraverso un azione etica, con un programma elettorale a sostegno dell’Italia e degli italiani.

“Qui hanno fallito i 5 Stelle!” Sono partiti bene ma si sono fatti fagocitare dal sistema.

Amici di ogni dove, delusi di qualunque partito, oggi Vi esorto a votare DEMOCRAZIA CRISTIANA.

Andrea Gagliardi (Cosenza)

Questa é una repubblica trasformata sugli interessi meramente personali. Noi vogliamo riportare l’uomo al centro dell’azione politica, sia come soggetto sostenitore che come fruitore del bene di una comunità che rappresenta la storia dell’Italia ed che a breve tornerà ad avere voce ed ascolto nel decidere le sorti del mondo.

Un progetto politico internazionale infatti, è in fase di attuazione ricco di un bagaglio storico ereditato da Don sturzo e De Gasperi per il ritorno ad un nuovo “Umanesimo” come richiama in una intervista il nostro Capolista a Cosenza dr. Avv. Andrea Gagliardi.  “In Questo simbolo …….. DC ” :

Quanta storia in questo simbolo, quanta umanità, quanta umiltà, forza, determinazione e coraggio!

Don Luigi Sturzo l’ideatore e fondadore della DEMOCRAZIA CRISTIANA, scuola di pensiero e formazione del Democristiano, in piena antitesi con De Gasperi, il trascinatore delle folle, l’attuatore del pensiero politico della Democrazia Cristiana dettato da Don Sturzo, con il “Decalogo di don Sturzo”.

Il capocantiere della ricostruzione post bellica dell’Italia. Seppur quasi sempre disaccordi, seppur distanti fisicamente, (don Sturzo esiliato in America, e De Gasperi in Italia) si sono sempre rispettati.

Scriveva De Gasperi: caro Don Sturzo, non ho i soldi per sbarcare il lunario e non so come farò ad arrivare a fine mese.

Dagli Stati Uniti don Sturzo rispondeva: abbi fede e coraggio amico mio, “il bene comune innanzitutto”, al resto penserà la Divina Provvidenza.

Rodolfo Concordia (Roma)

Ciò dimostra che non è una questione di simbolo ma di contenuti, di rapporti e di rispetto, di un progetto definito per “il bene comune” come obiettivo ultimo! “Il simbolo è l’uomo”.

Oggi milioni di famiglie soffrono e vivono in condizioni disagiate. Ci sono operai nel mondo della sicurezza, guardie giurate, custodi, che vivono con uno stipendio sottopagato e con orari di lavoro fino a 12 ore giornaliere.

Noi dobbiamo cambiare il Reddito di cittadinanza in reddito da lavoro con uno stipendio minimo di 1200 euro mensili. Dobbiamo ridare dignità al lavoro. Chi si allontana da ciò non ha un progetto ma solo sete di potere, voglia di sterile ed inutile protesta.

Solo con un’azione politica da partito di governo che si possono cambiare le sorti dell’Italia. NOI SIAMO PARTITO DI GOVERNO! Come sostiene il nostro Coordinatore Nazionale della Democrazia Cristiana Comm. Rodolfo Concordia “NOI SIAMO GLI EREDI DI QUELLA STORIA, CONVINTI ASSERTORI DEL MONDO NUOVO CHE AVANZA!”

Oggi ć’è una promiscuità di colori politici seduti intorno allo stesso tavolo a mettere le mani sulla torta per spartirsela. Questo a te questo a me.

Gli italiani lo hanno capito bene e sanno  che possono cambiare l’Italia solo in cabina elettorale votando DEMOCRAZIA CRISTIANA!

A breve presenteremo un video spot che andrà su tutti i web e tv che parlerà in due minuti della nostra azione politica nazionale ed internazionale. Presenteremo a seguire in un articolo dedicato,  tutti i candidati della lista che abbiamo presentato a Cosenza a sostegno della candidatura a sindaco del dr. Francesco Pichierri.

Presenteremo infine un editoriale con tutti i candidati Italiani che si presentano come “CANDIDATO DC INDIPENDENTE”. A tutti sarà dato sostegno pubblicitario per la campagna elettorale.

Noi come vedete stiamo ancora a fare le Elezioni, mentre altri sono in ferie o tornati al loro quotidiano lavoro!

VIVA LA DEMOCRAZIA CRISTIANA !

Grazie per avermi letto – Raffaele Vicedomini – Roma

Una risposta a "IN CABINA ELETTORALE E’ POSSIBILE CAMBIARE L’ITALIA: VOTA DEMOCRAZIA CRISTIANA !"