IL “VILLAGGIO DEL CUORE”: TESTIMONIANZA DI UNA AUTENTICA SOLIDARIETA’ ! > * seconda parte

IL “VILLAGGIO DEL CUORE”: TESTIMONIANZA DI UNA AUTENTICA SOLIDARIETA’ ! > * seconda parte
Dott. Fernando Ciarrocchi

A cura di Dott. Fernando Ciarrocchi

di Monteprandone (in provincia di Ascoli Piceno)

fernando.ciarrocchi@dconline.info * cell. 347-2577651 *

Coordinatore della Redazione giornalistica de < IL POPOLO > della Democrazia Cristiana

< IL “VILLAGGIO DEL CUORE”: TESTIMONIANZA DI UNA AUTENTICA SOLIDARIETA’ ! > * seconda parte

Completiamo dunque quest’oggi – con la pubblicazione della seconda parte – la nostra intervista alla Dott.ssa Idalia Trevisan, di Sanremo, in provincia di Imperia.

Idalia Trevisan, Presidente   Nazionale   del   “Villaggio   del   Cuore”  è anche  Segretario Regionale del Dipartimento < Sviluppo – Marketing – Comunicazione > della Democrazia Cristiana della Regione Liguria: nomina conferitagli dal Segretario Nazionale della Democrazia Cristiana Dott. Angelo Sandri.

D) In questo momento storico così difficile la vostra encomiabile attività di aiuto è rivolta anche ai bimbi ucraini?

R) Non solo ai bambini bensì a tutta la popolazione ukraina, tanto è vero che appena scoppiato il Conflitto con il Dr. Emilio Massimo Rossi Presidente delle Associazioni “Diamoci la Mano” e della “Pro Jerusalem Novo Millenium Ineunte”, nonché Presidente nazionale Onorario della Associazione “Villaggiodel Cuore” ci sentiti chiamati telefonicamente ed abbiamo organizzato una raccolta a 360 gradi di derrate alimentari, vestiario, coperte, calzettoni, stivali in gomma, giocattoli ed ogni vario genere di necessità.

Il Presidente nazionale Onorario de “IL VILLAGGIO DEL CUORE” Dott. Emilio Massimo Rossi

In 24 ore abbiamo ricevuto “ogni ben di Dio”, siamo quindi partiti in sei Persone con 2 Fiat Ducato della portata di 30 quintali ciascuno alla volta della città Polacca di PRZEMISYL, confinante con lo Stato Ucraino, per poter consegnare il tutto.

Ovviamente tale attività non è rimasta finalizzata a se stessa ma è continuata e continua con l’invio – tramite altri canali – ancora oggi.

D) Quali sono le vostre principali attività? Quotidianamente come si svolgono?

 R) Sono tutte quelle attività di aiuto ed ascolto di cui le persone hanno bisogno, perché purtroppo con la Pandemia prima e con la Guerra oggi, la Disabilità non è più solo Fisica – Fisico Psichica –  Psichica ma – anche se nessuno lo vuole ammettere – quella principale al giorno d’oggi è la Disabilità Sociale.

Una attivista de “Il Villaggio del Cuore” in attività

Quotidianamente procediamo ad attività di Ascolto, aiuto, raccolte varie etc.; all’organizzazione di Convegni ed Eventi ed in questo ringrazio tutti i soci ed i simpatizzanti che quando viene chiesto aiuto e solidarietà prontamente rispondono.

Oggi il principale obbiettivo che si propone l’Associazione è il Progetto denominato “DOPO DI NOI”, in quanto è una specifica richiesta fattaci non solo da molti Soci, ma anche da moltissimi cittadini.

“Dopo di Noi è il termine col quale i genitori di persone con disabilità indicano il periodo che seguirà alla loro dipartita: si chiedono, in pratica, cosa sarà del nostro congiunto disabile dopo di noi, ovvero quando noi ci saremo più ad assisterlo?

Chi se ne prenderà cura in modo adeguato?

Si tratta di una domanda angosciante, che da tempo le famiglie italiane hanno sottoposto alla Politica, chiedendo a più parti di intervenire in modo da creare degli strumenti in grado di assicurare un futuro sereno  a tutte quelle persone che, con disabilità, non potranno più,  ad un certo punto della loro vita, contare su un supporto famigliare”.

La Presidente nazionale della Associazione Onlus “Il Villaccio del cuore” Idalia Trevisan (Imperia)

Con l’aiuto di tutti coloro che hanno “CUORE” vorremmo creare una Struttura ed un luogo idoneo dove queste persone possono ritrovare la loro dignità e vivere la loro vita nel miglior modo possibile, rassicurando le famiglie che anche quando non saranno più fisicamente presenti, ai loro cari di certo non mancherà l’affetto e la serenità che hanno conosciuto. 

D)   Quale   appello   intende   lanciare   dalle pagine   di questo giornale a sostegno dell’Associazione “Villagio del Cuore”

R) Poche semplici parole che per Noi sono fondamentali: “AIUTATECI AD AIUTARE CON TRASPARENZA”.

Come ben si sa, tutte le Associazioni chiedono un aiuto, però non tutte, forse possono garantire la massima trasparenza, cosa che, fortunatamente Io come Presidente/Fondatore della mia Associazione mi pregio di assumermene la maternità, tanto è vero che chiunque negli anni abbia voluto contezza dell’attività svolta ha sempre ottenuto informazioni dettagliate precise e veritiere, pertanto l’appello che posso lanciare è il seguente:

  1. Donateci il 5 X 1000 tramite il Modello 730 e seguenti;
  2. Donateci 1 caffè perché anche quello può fare la differenza;
  3. Aiutateci nell’Acquisto della Struttura sita nella Città di Caravaggio (Bg), la quale è stata dai nostri esperti Consulenti ritenuta idonea alla realizzazione del Progetto denominato “DOPO DI NOI”

 

*************************************************************************************************

      www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

*************************************************************************************************

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments