IL LAVORO: UN DIRITTO PER LA SALUTE !

IL LAVORO: UN DIRITTO PER LA SALUTE !

A cura di GIORDANA DI GIACOMO (Roma) * giordana.digiacomo@dconline.info * Cell. 333-9033937 * Segretario nazionale del Dip. < Ambiente – Foreste – Fonti energetiche > della Democrazia Cristiana 

Giordana Di Giacomo (Roma)

www.ilpopolo.news *

www.democraziacristianaonline.it *

www.nuovademocraziacristiana.it *

< IL LAVORO: UN DIRITTO PER LA SALUTE ! >

Il lavoro, è “il diritto” che ogni essere umano ha per esprimere la sua creatività nonché la sua partecipazione e collaborazione alla vita sociale.

Negli ultimi tempi si è parlato molto di sicurezza sul lavoro. Non pochi professionisti ed esperti hanno sicuramente contribuito a migliorare le condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Se si vuole vivere bene si deve, per quanto possibile, lavorare bene sotto tutti gli aspetti, tra i quali la sicurezza e la salute.

Dobbiamo ricorarci che con il lavoro ci si può “fare male”, ci si può ammalare e si può morire.

Il mio punto di vista sul tema lavoro è un tantino diverso dal solito.

E’ innovativo, grazie alle  conoscenze sviluppate durante il corso di studi e ricerche svolte in ogni parte del mondo su tutto ciò che attiene la salute ed il benessere Naturale dell’individuo.

Sono tantissime le ragioni che mi hanno portato ad approfondire gli aspetti fondamentali per vivere al meglio, l’Armonia del giusto equilibrio, nel campo lavorativo, in quanto  sono dedicate a quest’ultimo la maggior parte delle ore della giornata.

La maggior parte degli esseri umani non riescono a vivere in salute se svolgono un lavoro diverso dalle proprie aspettative.

Per esempio chi ha una laurea in economia ed è  costretto ad accettare di lavorare in un supermercato o lasciare il proprio paese, sicuramente non ne sarà felice, quindi non vivrà serenamente.

Evitiamo di dilungarci con altri esempi: il problema “disoccupazione” lo conosciamo bene tutti.

Certo fino a quando si è giovani per qualche anno, un lavoro non adatto, si sopporta meglio.

Ma con il tempo “ingoiare rospi giornalieri” cioè – a dire – adeguarsi ad orari lunghissimi e ravvicinati, in ambienti poco gradevoli, con la luce elettrica, senza mai vedere il sole, e con colleghi depressi perché scontenti, si inizia ad “accusare il colpo” fisicamente e psicologicamente.

Perché svolgere un lavoro non scelto in base alle nostre capacità ed aspettative può innescare l’abbassamento delle difese  immunitarie.

Ed il nostro corpo inizia a inviare segnali, come mal di testa, problemi circolatori, sovrappeso, bruciori di stomaco, ecc…

Diverso è per la maggior parte dei dipendenti statali, con un lavoro sicuro, i permessi, le ferie e la malattia retribuita.

Possiamo definirli decisamente più fortunati, rispetto a chi – diversamente – lavora presso privati.

Per loro lo stress da disarmonia fisica è di gran lunga inferiore, perché la certezza di un lavoro sicuro di per sè è una sorta di terapia riequilibrante, che ti regala sicurezza e armonia.

E per concludere abbiamo le classi più privilegiate, quelle con i stipendi d’oro-

Parliamo degli Amministratori delegati oppure dei politici.

Molti di loro hanno sicuramente il tempo e le disponibilità per vivere momenti di relax, riequilibranti e riarmonizzati, più di tutti gli altri e spesso lo si può notare facilmente dall’ottima cera che hanno sul viso.

Con gli esempi fatti vorrei sottolineare le differenze tra un lavoro che permette di guardare al futuro con serenità  e che  permette una vita “salutare” ed altri che – nel sottrarre dignità e creare insoddisfazione – possono provocare l’abbassamento  delle difese immunitarie.

Il lavoro è  un diritto di ognuno che vive nello stesso mondo. Proverò dunque a spiegare in breve la versione “salutistica”.

Per salute s’intende l’armonia dell’essere umano con la natura. Questa armonia deve esistere nel proprio mondo esterno e nel mondo interiore.

Il mondo esterno è l’ambiente dove egli abita, gli animali, le piante, l’aria, la pioggia, la neve, e tutti i fenomeni del tutto naturali che si sentono sulla pelle e a causa dei quali – se non si sa proteggere o se non se ne prende cura – ci si può ammalare.

L’armonia invece con il mondo interno e cioè pensieri, idee, sentimenti, passioni, bisogni e desideri.

Tutto questo può essere ascoltato e soddisfatto, e in tale caso può provocargli armonia e salute, ma quando tutto questo non è ascoltato e soddisfatto può farlo ammalare, perché crea degli squilibri di  diversa natura ad ognuno di noi.

La persona che vive in armonia con se stessa nel rapporto con il mondo interiore e con il mondo esterno, godrà più facilmente di salute.

A questo vorrei aggiungere che il miglioramento della qualità della vita attraverso un percorso di costruzione dell’equilibrio fisico e psichico individuale, potrebbe iniziare nelle aule scolastiche, inserendo la materia “Scienza Olistica”.

***************************************

A cura di GIORDANA DI GIACOMO (Roma) *

giordana.digiacomo@dconline.info *

Cell. 333-9033937 *

Segretario nazionale del Dip. < Ambiente – Foreste – Fonti energetiche > della Democrazia Cristiana 

www.ilpopolo.news *

www.democraziacristianaonline.it *

www.nuovademocraziacristiana.it *

 

                                ******************************************

< IL POPOLO > della DEMOCRAZIA CRISTIANA * Direttore Resp. ANGELO SANDRI *

mail: segreteria.nazionale@dconline.info

* Cell. 342-9581945 * 334-3614005 * 342-1876463 

Direzione e Redazione – Via Giovanni Giolitti num. 335 – cap. 00185 – ROMA

Periodico registrato presso il Tribunale di Bolzano al num. 13/2004 in data 22/11/2004