Franco Capanna (Teramo): guardiamo ai “segni dei tempi” come possibile occasione di conversione.

Franco Capanna (Teramo): guardiamo ai “segni dei tempi” come possibile occasione di conversione.

A cura di Franco Capanna (sindacalista Teramo) * franco.capanna@dconline.info 

Pagina facebook della Democrazia Cristiana

< DemocraziaCristianaOnline >

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

< Franco Capanna (Teramo): guardiamo ai “segni dei tempi” come possibile occasione di conversione >.

Nelle Scritture ci sono molti riferimenti a Dio che lascia Israele ai suoi nemici, ai suoi stessi peccati e tradimenti della Legge, perché si ravveda. Perché torni alla fedeltà a Dio. Come azione provvidenziale.

Altrettanti in cui Dio esplicitamente punisce gli uomini per i peccati, dagli episodi più famosi ed eclatanti (e oggi anche più negati o contraffatti quanto alla natura del peccato punito) a quelli più circoscritti.

San Tommaso d’Aquino

È possibile che una malattia pur non voluta o mandata da Dio sia occasione di conversione.

Anche se un po’ “filosofico” bisogna distinguere “occasione” e “condizione”. La condizione è un evento necessario perché avvenga una cosa. L’occasione invece non è condizionante in senso stretto, però può essere “sfruttata” favorevolmente dalla provvidenza.

Anche qui bisogna distinguere volontà di Dio da permissione. Il male morale non è mai voluto da Dio. Dio invece potrebbe sia permettere sia volere un male fisico. Ad esempio, per evitare proprio il male morale (ben più grave perché potrebbe comportare l’inferno), San Tommaso spiega che Dio “può anche volere il male di pena in ordine alla giustizia e il male naturale in ordine alla provvidenza”.

Una pestilenza allora può essere permessa. Ma può essere anche prevista e voluta da Dio come castigo per i peccati degli uomini, nazioni, popoli.

Il peccato di per sé merita il castigo. Dio – spiegava Giovanni Paolo II in una omelia del 1987 – esige soddisfazione, anche se non ci punisce tanto quanto meriteremmo.

Pur non potendo sapere con assoluta certezza se una pena sia permessa o voluta da Dio, la fede esige di credere nella Provvidenza e che tutto concorre alla gloria di Dio e al bene di coloro che fanno la Sua volontà.

Sempre San Tommaso chiarisce che la pena o castigo può essere considerata nell’aspetto della punizione (quindi dovuta al peccato e alla colpa) e nell’aspetto preventivo (quindi senza colpa, ma con una causa di preservare dal peccato possibile). Tuttavia nessuno è punito, senza colpa, nei beni spirituali. Né qui né dopo la morte.

Inoltre, Dio in senso assoluto punisce? Sì punisce. Dio è infinita Misericordia e infinita Giustizia. Dio Giudicherà noi individualmente alla nostra morte. E tutti nel giudizio universale. L’inferno è eterno, è reale, è un luogo di sofferenza. È un luogo di punizione secondo Giustizia.

Dopo che la Giustizia di Dio è stata “soddisfatta col sangue della Croce” da Dio stesso. E in questo modo la Misericordia ha offerto a tutti la possibilità di accedere per i propri meriti e con l’aiuto della Grazia, al Paradiso. Dopo la “battaglia della fede”. La misura del Giudizio è la misura di Dio.

Infine nel Vangelo Gesù è, a dire il vero, molto severo. La porta stretta; molti chiamati e pochi eletti; il destino del “legno secco” o dell’albero che non dà frutti; il “non vi conosco” detto a presunti discepoli; ecc.

Lo Spirito Santo poi agisce nel mondo, per consolare i cristiani e “giudicare” il mondo per non aver creduto e non credere nel Figlio.

La Storia stessa (che è anche storia di malattia, guerra, morte) é una storia di lotta tra città di Dio e città del Diavolo.

La Madonna a Fatima ha parlato esplicitamente di punizione, di soffrire per la salvezza delle anime, di Inferno eterno.

 

A cura di Franco Capanna (sindacalista Teramo) * franco.capanna@dconline.info 

Pagina facebook della Democrazia Cristiana < DemocraziaCristianaOnline >

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

 

< IL POPOLO > della DEMOCRAZIA CRISTIANA * Direttore Resp. ANGELO SANDRI *

mail: segreteria.nazionale@dconline.info

* Cell. 342-9581945 * 342-1876463 

Direzione e Redazione – Via Giovanni Giolitti num. 335 – cap. 00185 – ROMA

Periodico registrato presso il Tribunale di Bolzano al num. 13/2004 in data 22/11/2004

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
22 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Amici di Teramo
Amici di Teramo
2 anni fa

Stupendo scritto Franco.

Angelo pagani
Angelo pagani
2 anni fa

Ottima riflessione! Necessita una conversione dei cuori e delle menti!

Milena
Milena
2 anni fa

HAI indovinato completamente! Bisogna avere la fede nel nostro Signore Gesù Cristo 🙏🙏🙏
Bravo Franco 👍👏👏👏❤️🙋

Natale lonoce
Natale lonoce
2 anni fa

Buongiorno tutto ciò che è accaduto a me il mio malessere pschico-fisico in altri termini pazzia per aver scelto di innamorarmi di una Fanciulla piemontese. Ebbene la Storia mia continua io ho il malessere e la mia fanciulla viene a trovarmi. È una situazione difficile da spiegare. Ci siamo sentiti il 7 gennaio ed alla mia considerazione mi dice Tu sei pazzo !!!!! Allora come spiegarmi i libri spostati ecc…ecc…ecc….ho fatto Benedire la mia casa. Lei è un’Importante Commmercialistante Tributarista di Milano nonche Presidente della Cdo Opere Sociali. Mi sono confessato ma il prete non mi ha dato la soluzone. L’ASSOLUZIONE si ma il mio Problema Rimane. Io ora sono così povero da non poter cambare il mottolino in quanto la serratura mi costa molto. Eppure se Lei mi Vuole che Aspetta. Mi sembra il titolo dei Promessi Sposi non promessi da nessuno ma Forse Dio sceglie tali persone per essere Lievito per il Mnodo. Mi son sempre detto che ci faro’un libro. Lei si Chiama Monica. Oggi è il Santo Romano dei Pazzi. Soggetti strani siamo. Scelti anzi pre-scelti. Saluto a tutta la Nuova Dc. Natale Lonoce

Angela
Angela
2 anni fa

Ciao Franco il bell scritto per i popoli del mondo.Dobbiamo pregare al nostro Signore che ci aiuti di questa drammatica che stiamo vivendo.Ottimo scritto Angela

Prof.Luisa
Prof.Luisa
2 anni fa

Sono momenti come questi che dobbiamo riflettere seriamente sui nostri comportamenti. La gente ha dimenticato Dio e questo è sintomo di perdizione.

Antonio Lo Presti
Antonio Lo Presti
2 anni fa

Ho letto questo ottimo scritto che denuncia un malessere della umanità .

Una suora
Una suora
2 anni fa

Già i tempi sono maturi per un ritorno ai valori di fede di un tempo.

Australia, Costantino
Australia, Costantino
2 anni fa

Ben detto Franco, lo facciamo girare

Raffaella Novara
Raffaella Novara
2 anni fa

Davvero non resta che sperare in Dio. Non ci capiscono con questo virus ed è meglio stiano zitti.

Cugina di Franco
Cugina di Franco
2 anni fa

Ciao Franco da tua cugina.Ho letto bravissimo come sempre sei stato

Monastero Benedettine
Monastero Benedettine
2 anni fa

Bravo Franco che metti in primo piano Nostro Signore Gesù che tanti dimenticano.

Don Luigi
Don Luigi
2 anni fa

Ottimo come scritto teologico.

Tre amiche
Tre amiche
2 anni fa

Quanta paura, siamo terrorizzate da questo virus killer.
Dio ci aiuti.

Francescani monastero,Marche.
Francescani monastero,Marche.
2 anni fa

Uno bello scritto condivisibile.

Rosaria,Elda, Savona
Rosaria,Elda, Savona
2 anni fa

Siamo preoccupate per questo virus che sembra andare avanti e il vaccino lontano.

Gianluca
Gianluca
2 anni fa

Per me va bene sono disoccupato cronico.Gisnluca

Mary,Regno Unito
Mary,Regno Unito
2 anni fa

Certo il coronavirus desta paura anche perché non si capisce e non sono d’accordo gli scienziati su come affrontare.
Dio ci assista.
Mary, Regno Unito7

Monastero di clausura
Monastero di clausura
2 anni fa

La suore pregano anche per il mondo per questa infezione che dilaga .
Rimettiamo a Gesù e la Madonna per distruggere il coronavirus.

Franco Capanna
2 anni fa

Grazie carissime sorelle .

Vruppo di Udine
Vruppo di Udine
2 anni fa

Noi ci rechiamo ogni anno a Medjugorie e convinte di avere la coscienza pulita che ci fa affrontare con coraggio questo dgifficile momento

Un sociologo cattolico
Un sociologo cattolico
2 anni fa

Almeno questo virus avrà l’effetto di una presa di coscienza di una umanità degradata.
Sì spera.