Dedicato alle lettrici che ci confidano drammi e felicità perdute !

Dedicato alle lettrici che ci confidano drammi e felicità perdute !

A cura di Franco Capanna (sindacalista Teramo) * franco.capanna@ilpopolo.news.

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

< Dedicato alle lettrici che ci confidano drammi e felicità perdute ! >

Dio conta ogni lacrima e nel tempo riapre sempre, come i gigli recisi rinascono.

Spesso chi vive in un improvviso lutto si chiede se sia “normale” stare male a lungo. A volte la morte di una persona cara è devastante e ritrovare l’amore per la vita pare un’impresa impossibile

Nostro Signore sa che un compianto è un diritto dei morti e un dolore eccessivo è nemico dei vivi.

Perdonate se potete tutte le violenze consumate su voi, per tutte le umiliazioni subite. Le donne amate ti tessono una rete con fili di dorate fantasie, danno forme sempre nuove ma il mare dona le sue perle e rivuole il suo oro perché sei donna e per metà sei sogno.

                    Angela

Perdonate se mai possibile tutte le violenze consumate su voi, per tutte le umiliazioni subite per il corpo sfruttato, per l’intelligenza calpestata, per la felicità che è stata negata, per le ali tagliate.

Non c’è niente da fare è nata per piacere, matrice del paradiso e tutte vanno avanti con dignità, sia ella mamma, sposa, sorella, amica.

Gli uomini a volte perdonano e dimenticano, le donne perdonano e basta.

Uno spettacolo per gli dei la vita di due innamorati, triste la vita di chi non conosce l’amore perché muore nella solitudine, lo stesso sentire il rumore del mare e non potrà raccontare a nessuno.

                   Pierina

Le donne belle indossano il sorriso le altre le scollature. Una bella donna piace agli occhi, una buona donna al cuore; l’una è un gioiello, l’altra è un tesoro.

Per essere perfetta una donna deve avere piede di genovese, caviglia slava, gamba di svedese, vita da parigina, petto di veneziana, spalla di tedesca, braccia di greca, andatura di spagnola,capelli alla calabrese, denti di napoletana, grazia di milanese, dignità di romana, semplicità di abruzzese: ma queste e tutte adornate di purezza del giglio.

Da lettera del tempo ritrovata all’amata dove trovavo ispirazioni da Charles Baudelaire, Giacomo Leopardi, Jack London, Gustave Flaubert:

                   Angela

Il tuo amore per me come la stella della sera e quella dei mattini: tramonta dopo il sole e sorge prima di esso. Come la stella polare che non tramonta mai e intreccia sopra le nostre teste una corona eternamente viva. Prego gli dei che mi concedano di non vedere mai oscurata la mia vita.

La prima pioggia di primavera ci disturba la passeggiata ma rinverdirà le piante e fra poco noi potremo rallegrarci del primo vento.

Eri per me quel tutto amore, una fonte limpida, un’ara di magici frutti e fiori adornata: e tutti erano miei quei fiori e facevano ritagliare tante piccole stelline. Allora il cielo sarà più bello che tutto il mondo si innamorerà della notte.

Dio volle mutare in autunno poi ha trovato modo rinnovare per creazione ancora in atto.

 

Dedicato a tutte le donne felici o meno * Dedicato alle lettrici che mi confidano drammi e felicità perdute * Dedicato a mia moglie Pierina tornata lassù. * Dedicato a Angela, che mi riapre alla vita.

A cura di Franco Capanna (sindacalista Teramo) * franco.capanna@ilpopolo.news.

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

 

18 Responses to "Dedicato alle lettrici che ci confidano drammi e felicità perdute !"