Come suolsi dire: “Governo (e Parlamento) ladro …il popolo italiano ha da morì !”

Come suolsi dire: “Governo (e Parlamento) ladro …il popolo italiano ha da morì !”

A cura di Dott. Marco Camilletti (Gorizia) * marco.camilletti@donline.info *  cell. 331-3339865 *Vice-Segretario organizzativo nazionale della Democrazia Cristiana 

Dott. Angelo Sandri (Udine) * segreteria.nazionale@dconline.info * cell. 342-9581946 * Segretario politico naz.le della Democrazia Cristiana e Direttore Resp. de <IL POPOLO>.

Marco Camilletti (Gorizia)

< Come suolsi dire: “Governo (e Parlamento) ladro …il popolo italiano ha da morì !” >

Ci hanno propinato i campionato di calcio “spezzatino”…. che per seguire la squadra di calcio del cuore ci tocca comprare < Tv sorrisi e canzoni > o giornale equipollente, per capire in che giorno essa giochi.

Ora infatti si gioca anche venerdì sera, oltre che al lunedi, ed al sabato ed alla domenica, ad orari ovviamente diversi: 12.30, 15.00, 18.00 e 20.30.

Insomma per chi frequenta la propria parrocchia gli orari delle Sante Messe domenicali e infrasettimanali sono ormai superati da quelli delle partite di calcio…tant’è che la storica trasmissione <Tutto il calcio minuto per minuto> dovrà ora cambiare nome: < Tutto il calcio giorno per giorno > !

Non contenti di questo ci hanno “rubato” perfino il Festival (della vergogna) della canzone italiana, che da famosa kermesse internazionale di musica è ora diventata un “corpo del reato” per istigazione a delinquere visto che permettono allo “scemo mascherato” di inneggiare musicalmente alla violenza sulle donne e perfino alla loro eliminazione fisica.

Angelo Sandri (Udine)

Ma i dirigenti della RAI, sempre più matrigna che mamma, si sono per caso bevuti il cervello ???  Di Amadeus invece non parliamo: guardandolo in faccia sorge infatti il sospetto che il cervello se lo sia bevuto da tempo.

Per passare a cose maggiormente imprenditoriali vorremmo però riprendere l’argomento degli Scontrini Elettronici, dove l’U.C.A.S. (il famoso Ufficio Complicazione Affari Semplici) è al lavoro da tempo per  complicare la vita al popolo italiano.

Esponiamo una esperienza di vita vissuta da un imprenditore: << Come molti altri esercenti, pur avendo ordinato per tempo (settembre 2019) la nuova strepitosa apparecchiatura in grado di colloquiare direttamente con l’Agenzia delle Entrate, la nuova “cassa” non mi è stata ancora consegnata a causa ritardi nella costruzione.

Nella sua infinita magnanimità il Governo ha disposto una proroga per chi, come me, del tutto incolpevole non può avere disponibile la nuova apparecchiatura. Quindi basta collegarsi al sito dell’Agenzia delle Entrate e dopo autenticazione tramite una procedura semplicissima comunicare direttamente al fisco i propri corrispettivi.

Ora da comune mortale mi chiedo: era così indispensabile gravare le aziende di una nuova spesa quando bastava una semplice procedura elettronica (gratuita) per compiere la stessa operazione??? Misteri.

Intanto rimango in attesa di una nuova cassa il cui costo totale per ripristinare lo stesso sistema attuale perfettamente funzionante ed adeguato alle esigenze è di circa € 3.000 (tremila,00 Euro).
Continuiamo così ! E’ questo il modo per migliorare !

Rimango comunque in attesa della riduzione o annullamento delle commissioni bancomat.

Per ora tutto è come prima, così come prevedibile e funzionale agli interessi dei soliti noti ! >>

Su sanità, pensioni sociali, credito alle imprese ed alle famiglie, rapporti con le banche ed altro scriveremo con altri articoli su questo stesso giornale.

Della serie…. “ il popolo italiano ha da morì !

A cura di Dott. Marco Camilletti (Gorizia) * marco.camilletti@donline.info *  cell. 331-3339865 *Vice-Segretario organizzativo nazionale della Democrazia Cristiana 

Dott. Angelo Sandri (Udine) * segreteria.nazionale@dconline.info * cell. 342-9581946 * Segretario politico naz.le della Democrazia Cristiana e Direttore Resp. de <IL POPOLO>.

Una risposta a "Come suolsi dire: “Governo (e Parlamento) ladro …il popolo italiano ha da morì !”"

  1. Dott.zallocco   5 Febbraio 2020 il 8:48

    Carissimo amico
    Camilletti
    Faccio mio il tuo accorato sfogo .

    Purtroppo il linguaggio semiologico del potere per rabbonire il popolo è vecchio come il mondo.

    Ricordo a tutti il panem et circens
    Dei romani .

    Ma ciò che mi preoccupa seriamente
    È che i bottoni del potere non sono in
    Italia ma all’estero

    E da buona Colonia dopo il colpo di stato bianco del 2011 a danno del dott.berlusconi

    Siamo tutti marionette .

    Lo dico con profondo dolore .

    Ma non ho dubbi che presto ci sarà un riscatto nazionale .

    Babilonia ha i giorni contati

    Con stima

    Andrea Zallocco