Il Natale de “Il Popolo” a sostegno dei più deboli

Il Natale de “Il Popolo” a sostegno dei più deboli

di Prof.ssa Dora Cirulli (Roma) *

dora.cirulli@dconline.info * 334-3614005

< Il vice-direttore de “Il Popolo” Dora Cirulli (Roma) racconta due significative esperienze di solidarietà e vicinanza verso gli ultimi >

Per tutti noi il Natale è spesso sinonimo di festa, prosperità e vicinanza ai propri cari, per molti ai margini della società però le festività sembrano acuire ancora di più le sensazioni di abbandono, tristezza ed esclusione.

Un momento della cena di Natale di Caritas

Cercando di comprendere lo spirito più autentico della ricorrenza cristiana, ho deciso di partecipare attivamente a due iniziative iniziative dedicate “proprio agli ultimi”.

Per la Vigilia di Natale la Caritas di Roma ha organizzato una cena dedicata proprio a tutti: dagli anziani soli ai senza fissa dimora, dai profughi alle famiglie in difficoltà.

Dora Cirulli (al centro) con la giovane volontaria Valentina 

Tra i numerosi volontari impegnati in questa vera e propria “macchina della solidarietà” ho ritenuto molto significativa la storia di Valentina, una giovanissima ragazza che ha deciso di impegnarsi per la prima volta in questo tipo di volontariato come ricordo della cara nonna scomparsa un anno fa.

Un modello sicuramente esemplare per tutti se pensiamo che molti anziani  in questi giorni vengono ignorati dai propri familiari!

 

Come ogni anno la Comunità di Sant’Egidio ha deciso di organizzare l’ormai tradizionale “Festa della Solidarietà” , ovvero un pranzo di Natale affinché “nessuno sia escluso” nella stupenda cornice della basilica di Santa Maria in Trastevere (Roma).

Anche qui ho avuto modo di constatare come l’encomiabile impegno dei volontari sia stato fondamentale per la riuscita di un’iniziativa che ha voluto mettere assieme persone diverse tra loro, con una nutrita partecipazione (oltre mille persone stimate) un clima di grande gioia e familiarità. 

Il pranzo della Comunità di Sant’Egidio 

In qualità di vice-direttore de ” Il Popolo” ho deciso di partecipare a questi due eventi per portare avanti in prima persona due tra i valori più importanti dello spirito cristiano: la vicinanza agli ultimi e la solidarietà.

Colpita nel profondo da queste esperienze, ritengo dunque opportuno invitare tutti i miei amici e simpatizzanti democristiani a riunirsi e a organizzarsi con iniziative da parte della dirigenza democristiana mirate ad affrontare le emergenze della nostra società.

Chi volesse dare il proprio contributo può contattare la nostra redazione: “Il Popolo” infatti è una testata che vuole proporsi anche come un sostegno concreto a fianco dei poveri, degli emarginati e delle persone sole.

Una risposta a "Il Natale de “Il Popolo” a sostegno dei più deboli"

  1. Franco Cspanna   25 Dicembre 2019 il 23:43

    Lodevole iniziativa merce oramai in rarefazione
    Franco Capanna