SABATINO ESPOSITO (D.C.): PER SALVARE L’ITALIA DIAMO FORZA ALLA DEMOCRAZIA CRISTIANA !

SABATINO ESPOSITO (D.C.): PER SALVARE L’ITALIA DIAMO FORZA ALLA DEMOCRAZIA CRISTIANA !

A cura di ANGELO SANDRI (Udine) * 342-9581946 * 342-1876463 segreteria.nazionale@dconline.info * Segretario politico naz.le della Democrazia Cristiana * Direttore Resp. de < IL POPOLO >

ANGELO SANDRI

Appare sempre più indispensabile “rimboccarci le maniche” e ridare alla DEMOCRAZIA CRISTIANA quello spazio che merita sulla scena politica italiana !

Non è che fino a questo momento siam rimasti – come suolsi dire – con le mani in mano, però è tempo di aumentare gli sforzi per ridare fiato ad un partito che non solo fatto grande l’Italia, ma che probabilmente è l’unico a poter ridare al nostro Paese quella dignità che altrimenti pare difficile poter riottenere, inghiottiti da una situazione sempre più drammatica e penalizzante.

La DEMOCRAZIA CRISTIANA, quella vera, quella che non si è mai arresa e che fin dal 20 gennaio 1994 ( il giorno dopo l’atto “delittuoso” ed illegale compito dall’allora Segretario nazionale D.C. Mino Martinazzoli) continua a combattere imperterrita la sua <RESISTENZA DEMOCRISTIANA>.

SABATINO ESPOSITO

Lo fa con le armi che possiede, in questa “Repubblica del malaffare” dove i disonesti imperano e vengono premiati e foraggiati ben più degli onesti…. ma si sa che i figli della luce incontrano solitamente maggiori difficoltà rispetto ai figli delle tenebre…..

In ogni caso c’è molta serenità e tanto impegno, convinti che comunque la politica va intesa come servizio (anche se questo dire è preso troppe volte come una barzalletta molto ilare) e dobbiamo anche dire che i risultati che si stanno ottenendo sono del tutto positivi ed incoraggianti.

La onde per cui si continua con il tesseramento alla Democrazia Cristiana per l’anno 2019, con la creazione di sezioni e comitati direttivi ai vari livelli di competenza (Comuni, Provincie e Regioni) e con la celebrazione dei Congressi provinciali del partito per rinnovare ed eleggere democraticamente la classe dirigente del partito della Democrazia Cristiana che a seguire celebrerà i vari Congressi regionali ed il XXIV Congresso nazionale della D.C. previsto per gli inizi del 2020.

Chiaro ed evidente che si sta innestando all’interno del partito un intenso dibattito, che investe anche gli aspetti più propriamente politici, oltre che quelli operativi ed organizzativi.

Interviene dunque quest’oggi in proposito il dott. SABATINO ESPOSITO (di San Felice a Cancello, in provincia di Caserta), da poco eletto Segretario politico provinciale della D.C. della provincia di Caserta e Vice-Segretario politico nazionale della Democrazia Cristiana italiana.

<< Il giornale “Affari italiani” del 21 ottobre scorso – esordisce il dott. SABATINO ESPOSITO – indicava la Democrazia Cristiana fondata da Alcide De Gasperi quale unica alternativa all’avanzare della “destra sovranista” invitando vari esponenti politici italiani a volersi unire e fondare un nuovo partito popolare (al di là di Renzi e Berlusconi).

La oceanica manifestazione di piazza svoltasi sabato 19 ottobre 2019 a Roma, ha evidenziato in maniera lampante la crisi della politica sociale. Infatti, ormai è chiaro che la cosiddetta piazza è stata ormai occupata dalla destra sovranista. Segno, questo, del tutto evidente che la sinistra ha esaurito la propria azione in difesa delle classi sociali più deboli. Parliamo ormai di una classe politica allo sbando e priva di una identità chiara.

Non possiamo però dimenticare l’incredibile crisi di governo creata da Salvini in pieno agosto che ha comunque dimostrato quanto la situazione italiana sia diventata preoccupante, con forze politiche protese solo alla ricerca di consensi elettorali e non alla soluzione reale dei problemi, disposte in maniera irresponsabile ad alimentare e sponsorizzare simili sceneggiate.

Il 40% del popolo Italiano soffre invece in silenzio queste sceneggiate televisive. Un popolo che non considera positivamente la politica dei mercenari non trova in essi il vero sentimento della difesa della Patria.

Quella patria che tanto invoca la destra, ma che ben poco in proposito ha fatto quando era al Governo (con la Lega e con Berlusconi) e ben poco sta facendo oggi, oltre ai proclami elettorali.

Come uomo del Sud non posso assistere in silenzio a che la stampa del regime (sia esso di destra e sinistra), invitai gli esponenti politici di vari altri partiti a creare il partito del Sud per contrastare la Lega.

E non si faccia appello agli Italiani a dare forza alla Democrazia Cristiana, riconosciuto come l’unico partito che abbia valori e storia sociale.

La manovra del Governo dovrebbe essere contestata da tutti i rappresentanti dei lavoratori, dei pensionati, dei giovani disoccupati, degli studenti, delle classi sociali meno abbienti ! Quelli della piazza sono anch’essi complici del disastro economico del nostro Paese.

Ritornando all’articolo di “Affari Italiani” da cui sono partito con il mio ragionamento, il giornalista indica come una strada percorribile ci sia.

Esiste infatti la Democrazia Cristiana e il pensiero di Alcide De Gasperi !

Il Sud infatti non ha bisogno di un nuovo partito, il Sud deve difendersi dai cattivi intendimenti della grande ed il partito rappresentato da Salvini, ancorchè diventato un partito nazionale, non può certo rappresentare nè comprendere le vere istanze del Meridione d’Italia.

La Democrazia Cristiana è il partito capace di tenere unita l’Italia e difendere veramente l’interesse nazionale, senza discriminanti. Il popolo del Sud, l’Italianità unita, se la porta nel cuore, anche quando viene discriminato da Salvini e dai suoi seguaci del Nord.

Difenderemo dunque fino all’ultimo respiro – con la Democrazia Cristiana – i valori democratici e sociali che hanno reso questo Paese libero e forte !

La storia la ricordiamo ed essa ci ha la lasciato ferite indelebili. Il futuro politico sarà a difesa dei valori cristiani rispettando quelli laici, oltre al rispetto della vita e della dignità dell’uomo.

L’Italia non tornerà indietro! Italiani diamo forza alla Democrazia Cristiana ! >>

SABATINO ESPOSITO (San Felice a Cancello / prov. di Caserta) * 338-3365599 * sabatino.esposito@dconline.info

A cura di ANGELO SANDRI (Udine) * 342-9581946 * 342-1876463 segreteria.nazionale@dconline.info * Segretario politico naz.le della Democrazia Cristiana e Direttore Responsabile de < IL POPOLO >

2 Responses to "SABATINO ESPOSITO (D.C.): PER SALVARE L’ITALIA DIAMO FORZA ALLA DEMOCRAZIA CRISTIANA !"

  1. Alessandro Pinto   24 Ottobre 2019 il 11:56

    Egr. Dott. S. Esposito.
    Quanto a eloquenza, lei potrebbe essere classificato, come un “trascinatore di popolo dell’ultima ora”.
    Ciò che non mi convince, è quando afferma che la panacea per risolvere i nostri problemi è la D.C.
    Bene; fin’ora non ho visionato proposte attuabili. Solo enfatizzazione della D.C. come l’unica realtà politica che potrebbe dare un valore aggiunto alle tante ns. sofferenze sia sociali che economiche. In che modo? non l’ha espresso.
    È un’aggregazione che ” continua a combattere imperterrita la sua resistenza democristiana”. Si spieghi meglio: dopo l’esposizione del suo progetto, che condivido, sulla unificazione, c’è stato un tavolo di concertazione da parte di tutte le DC, in essere? No. Quindi: niente proposte e programmi attuabili e lo stesso sulla unificazione DC. Solo parole a effetto.
    Lei afferma che la “DC potrà difendere l’interesse nazionale, senza discriminanti “. In che modo, non lo dice.
    Forse lei fonda queste sue convinzioni, riferendosi alla dottrina cristiana sociale di De Gasperi e di don Sturzo. Pensa che sia sufficiente?
    Lei ha citato il Sud, senza dar corpo alle vere realtà che vengono vissute e senza ricercare e proporre alternative attuabili.
    Vuole sapere, in Europa, come viene definita da importanti imprenditori/investitori,l’industria italiana?
    UN CRONICARIO AZIENDALE Basti pensare ad es. all’Alitalia e all’ ILVA di Taranto. Quest’ultima ex azienda di stato, inquinante e attualmente con un altoforno spento, con bassa produttività e con prossimi posti di lavoro a rischio e famiglie sul lastrico. Proprio per passare dalle parole ai fatti: cosa propone, nello specifico, lei che si identifica come alfiere e paladino a difesa del Sud?
    Cordialmente.
    A. Pinto

  2. Sabatino Esposito   27 Ottobre 2019 il 9:57

    Esimio dott. Pinto, lei essendo uomo di popolo, ha avuto la maestria di fare domande sensate, che in esse trovano il pensiero di tutti gli italiani. Sarebbe comodo aggiungere alle sue domande anche il mio nome. Conosco bene la questione meridionale, dal dopo guerra ad oggi. Nel mio piccolo mondo, ho reagito e sto lavorando per dare un modesto contributo, al fare, le polemiche sterili stanno a guardare e non mi appartengono. La consapevolezza di come sia oggi la situazione la conosco quanto lei. La differenza fra la sua analisi e il mio/nostro agire sta nel metodo. Io/Noi ci battiamo perché ci crediamo a quello che diciamo. Coloro che hanno fatto carte false per rivendicare un diritto, per scopi personali dovranno dar conto agli italiani. Ci auguriamo solo di poter lavorare serenamente per concretizzare quello che diciamo. CONTRO NESSUNO…
    Sabatino Esposito.