Il “sindacalista delle suore” Franco Capanna scrive alla Badessa del Monastero di Lovero (BG) sull’accoglienza indiscriminata a profughi clandestini.

Il “sindacalista delle suore” Franco Capanna scrive alla Badessa del Monastero di Lovero (BG) sull’accoglienza indiscriminata a profughi clandestini.

A cura di ANGELO SANDRI (Udine) * segreteria.nazionale@dconline.info * 342-1876463

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

< Il “sindacalista delle suore” Franco Capanna scrive alla Badessa del Monastero di Lovero (BG) sull’accoglienza indiscriminata a profughi clandestini >.

Ha suscitato molto scalpore una LETTERA APERTA inviata nei giorni scorsi al Presidente della Repubblica On. Sergio Mattarella ed al Presidente del Consiglio Conte, pubblicizzata per il tramite del giornale cattolico AVVENIRE, con cui il Monastero delle Clarisse di Lovero (BG), di concerto con numerosi Monasteri d’Italia palesava l’intenzione di accogliere nei propri siti, profughi e clandestini, mettendo a disposizione spazi e risorse per questa specifica finalità.

L’esternazione delle claustrali non è certo passata inosservata ed ha suscitato un notevole dibattito nel quale interviene il sindacalista FRANCO CAPANNA (di Teramo) che anche per il tramite del nostro giornale si rivolge direttamente alla Badessa del Monastero di Lovero (BG) ed indirettamente anche alle sue numerose consorelle che hanno aderito alla summenzionata pubblica esternazione.

<< Reverenda Badessa del Monastero di Lovero (Bergamo) –  Ordine delle Clarisse.

Scrivo a motivo di Vostra iniziativa intitolata “spazio e aiuti a migranti clandestini“.

Sono un sindacalista di Teramo e da  alcuni anni tutelo, anche con grande spirito di duri sacrifici e cuore oblativo, alcune sofferenze di claustrali e suore. Il cammino ha avuto risonanza su agenzie di stampa e risultati eccellenti.

Vostra iniziativa pone significativa sorpresa e non solo a chi scrive ma anche a numerose Vostre sorelle di Monasteri d’Italia. Da tempo spendo risorse vitali per problemi economici di tanti monasteri  come l’illegittimo ticket imposto dallo Stato a suore prive di reddito come la tessera sanitaria a suore di stanza in Italia ma estere (di 400€, NDR) .

So che il Vaticano, sin dal fiorire tutti gli Ordini Religiose a Statuto sovrano-indipendenti, mai vi ha sostenuto a oggi economicamente e severo ne fare quadrare vostro bilanci, come spesso scrivete.

Per motivi all’oggetto sette anni fa firmai accordo con Ordine medici e odontoiatri di Teramo per visite specialistiche subitanee e gratis per suore e claustrali prive di reddito e tutt’ora operativo anche a beneficio da altre città e fuori regione.

Stesso protocollo a Trieste seppure parziale per non accettazione del vescovo locale che prima collaborava ma in firma “Troppo privilegio” fra lo sconcerto delle religiose del posto.

Reverenda madre e colleghe, ho letto la vs lunga lettera a Mattarella e Conte in concertazione  di altri monasteri e, trovo alcune discrasie ovvero: Mattarella tre anni fa invitato farsi parte attiva per fare togliere ingiusta tassa salute non collaborava granché,in verità affatto perché scaricava a Ministero della salute pur letto in e- mail loro risposta ” suore ,cosa nota in criticità”. Continuano prendere  loro elemosine!

Non collabora il premier Conte che non risponde affatto a ripetute istanze all’oggetto, idem la Ministra Grillo in  Pec snobbate.

Si ritiene sorprendente vostro invio per ospitare ” in spazio e aiuti a clandestini” in versione bonificata oltre vostro frustante scritto di severo giudizio ovvero fare passare x razzisti tutti noi  altri e certo Salvini e chi con lui,compreso me e tantissimi monasteri di religiose per innalzare a caritatevoli (???!!!), in semantica, i comunisti del Pd e affini che hanno devastato il nostro Paese e inflitte sofferenze inaudite: 6 milioni di famiglie  in povertà assoluta, migrazione di giovani laureati oltre: centomila pensionati scappati  in lidi esteri, disoccupazione giovanile,compreso mio figlio, alle stelle perché non trovano uno straccio di lavoro, pensionati al minimo che rovistano nei dopo mercati di frutta e verdura, file di italiani, compresi professionisti, presso la Caritas e chi lavora tanti non arrivano a metà mese e famiglie a solo pasta.

Reverende e sorelle lo scritto per richiamare fondamentali della vera carità, dare senso alla propria biografia di soccorso  per riscoprire il ruolo cruciale di bussola che orienta ovvero: dove pensate, con accoglienza indiscriminata, sistemare milioni di persone in un Paese piccolo e in grave recessione?

Il Pd  con questa teoria ” buonista”, nel paradosso gettarli smarriti  in  strada  questi poveracci poi costretti a reati per sfamarsi,altri schiavizzati nella raccolta di pomodori e  i tanti che hanno stuprato,ucciso anche tagliare a pezzi giovane ragazza di quartiere San Lorenzo come la oramai famosa frase “rendono più della droga”.

La vera carità è benigna e ampia e proficua quanto totale se fatta con discernimento e criterio.

I porti chiusi hanno salvato vite umane e quanti guadagnano sulla pelle di queste povere anime, vedasi i trafficanti.

Care sorelle in Cristo  chi scrive ha fatto molta carità a costoro con rimesse di risparmi e certo in favore di accesso controllato per il bene di tutti altrimenti cerchiamo soglie di disorientamento in quei baratri e quei fallimenti che impediscono di crescere.

Se aiutate accogliere, libere di tanta onerosità e magari avete un nascosto pozzo di San Patrizio ma supplico una risposta ovvero: come mantenere i vostri ospiti e per quanto tempo e poi cercherete trovare loro lavoro e casa o cosa perché tanti monasteri ,mi si dice, in forte indebitamento.

Svelatemi la formula o i miei sacrifici per tante di voi nulli oltre farmi perdere la capacità dell’azione.

Aggiungo che tale iniziativa è coltellata alla schiena dei tanti monasteri che in quattro anni di aspro riguardo allo status di povertà di diversi Ordini che fanno fatica vivere e curarsi la salute tanto che ospite di un monastero di claustrali di Roma e attesto davanti allo Spirito Santo che pura verità di testimonianza, due claustrali bussavano per chiedere aiuto perché non mangiavano da tre giorni ed emblematico caso di una monaca di 80 anni di Macerata Benedettine che mi chiamava la priora per dirmi se poteva venire a Teramo per una visita specialistica urgente e gratis perché lo specialista del posto negava prestazione a pretesa di 150€ che le religiose non avevano poi curata e seguita dallo specialista teramano.

Solo due esempi fra innumerevoli perche’ in Portogallo e Spagna vanno cercare avanzi di cibo nei ristoranti.

Sorelle in Gesù, vostra iniziativa significa un grave ribaltamento della realtà oltre creare confusioni e  spaccatura profonda fra i vostri Ordini e ricevo mail e telefonate da ogni parte per la non partecipazione anzi critiche da altri monasteri più propensi a carità,nel possibile, di tribolati vicini.

Si era alla fase finale per risposte da parte di Matteo Salvini unico probabile e credibile politico ai vertici governativi concedere il decreto di abbattimento della tassa sanità illegittima.

Già da sempre tutti,nessuno escluso, dicevano che vi sovvenzionava il Vaticano ma ora ineludibile la credenza di vostre ricchezze perché ospitare gente è espressione di benessere economico e da un colpo mortale alla causa in oggetto dopo un cammino sterminato di lotte e sacrifici indicibili per giungere alla meta.

Chi scrive è strumento a servizio oblativo in questo e sostegno a svantaggiati di altre categorie per onorare  il martirio di  morte per cancro di mia moglie e candidata al  processo diocesano di beatificazione e oggi dopo il rovescio e metamofosi dello status ribaltato che ci allontana dal traguardo perché non più credibili per vostre evidenti ricchezze disponibili che si riflette a tutte le monastiche, oramai proibitiva raggiungere la meta.

Impossibile per me ulteriori iniziative perché ogni sforzo è stato frantumato la corsa a perdifiato termina. >>

Cordialmente

Il “sindacalista delle suore” Franco Capanna (Teramo).

 

A cura di ANGELO SANDRI (Udine) * segreteria.nazionale@dconline.info * 342-1876463

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

5 Responses to "Il “sindacalista delle suore” Franco Capanna scrive alla Badessa del Monastero di Lovero (BG) sull’accoglienza indiscriminata a profughi clandestini."

  1. Adriano provincia Teramo   19 Luglio 2019 il 16:10

    Sei un grande Franco Capanna!

  2. Ordine claustrali Modena   19 Luglio 2019 il 16:14

    M E R A V I G L I O S O !!!!!!

  3. Franco Capanna   19 Luglio 2019 il 16:38

    Nota: Miei collaboratori e conoscenti gente come nobili Ordini religiose che hanno letto diffuso sopra, inviano a me Franco Capanna commenti lusinghieri ma evitano fare commenti come tanti salesiani ,vero miracolo di ,fede, intelligenza e grande capacità imprenditoriale a servizio della carità . Chi decide ,vedasi sopra commenti ,esternare pubblicamente altrettanto meritevoli e segni di intelligenza partecipativa oltre formale nel concorso di una società migliore. Grazie.

  4. Badessa claustrale V.   19 Luglio 2019 il 19:46

    Franco, ho preso visione, regoliamoci meglio che possiamo
    e affidiamo tutto alla preghiera.

  5. Amici Franco.   23 Luglio 2019 il 8:16

    Mitico! Da tuoi amici abruzzesi.