LA CGIL ORA SI OCCUPA DI “UTERI IN AFFITTO” PASSANDO DAI FATTORI DI PRODUZIONE A QUELLI DI RIPRODUZIONE !

LA CGIL ORA SI OCCUPA DI “UTERI IN AFFITTO” PASSANDO DAI FATTORI DI PRODUZIONE A QUELLI DI RIPRODUZIONE !

A cura di ANGELO SANDRI (Udine) * segreteria.nazionale@dconline.info * 342-9581946

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

< LA CGIL ORA SI OCCUPA DI “UTERI IN AFFITTO” PASSANDO DAI FATTORI DI PRODUZIONE A QUELLI DI RIPRODUZIONE ! >

Sempre più accesa la polemica tra varie Associazioni a difesa della famiglia, del diritto alla vita e dei diritti umani ed il Sindacato della CGIL  che ultimamente sembra interessarsi più alle questioni etiche (all’incontrario) che ai problemi dei lavoratori i quali sembrano proprio essere messi in secondo piano.

TONI BRANDI

Toni Brandi e Jacopo Coghe, rispettivamente Presidente e Vice-presidente del Congresso Mondiale delle Famiglie e di Pro Vita e Famiglia, puntano il dito espressamente sul convegno promosso dall’Associazione Luca Coscioni, in collaborazione proprio con CGIL ed in programma quest’oggi (19 giugno 2019) a Roma e riguardante: < Nuovi Diritti sul tema ‘Fecondazione medicalmente assistita e gestazione per altri >.

Incontro che avrà luogo presso la Sede nazionale a Roma dello stesso summenzionato Sindacato (Confederazione Generale Italiana del Lavoro alias CGIL .

JACOPO COGHE

<< Dai fattori di produzione ai fattori di riproduzione il passo è stato breve e verso il baratro – ironizzano Toni Brandi e Jacopo Coghe – Cosicchè persa la battaglia della difesa dei lavoratori, sempre più abbandonati a una giungla senza diritti, la CGIL senza idee e con sempre meno iscritti ha scelto di occuparsi nientepopodimenoche di “gestazione per altri”.

L’utero è del sindacato e lo gestirà lui ora?.

Li chiamano nuovi diritti, ma la verità è che certa sinistra si è dimenticata ed ha tradito le classi lavoratrici diventando subalterna al business mondialista.

Il tutto sulla pelle di bambini e donne povere che affittano grembi per nove mesi per la felicità di qualche potente compratore. Si vergognino !

Noi lotteremo per non permettere che le persone tornino ad essere delle schiave – concludono gli esponenti dell’Associazione Pro Vita e del Congresso mondiale delle famiglie – e difenderemo la dignità umana dai sempre più “voraci diritti civili”, che fanno carne da macello dei più piccoli e dei più deboli nel mondo.

E’ davvero scandaloso ed aberrante che un Maurizio Landini, Segretario generale in carica della CGIL, si metta a fare il megafono di quei ricchi padroni capricciosi che dovrebbe combattere >>.

La vicenda ha suscitato proteste e sdegno anche in molte Associazioni femministe che hanno fatto sentire in proprosito la loro voce.

La Democrazia Cristiana, la cui Direzione nazionale è stata convocata a Roma per sabato 22 giugno 2019, alle ore 10.00 (in Via Giovanni Giolitti n. 339) ha inserito tra i punti all’ordine del giorno della riunione un punto riguardante questo specifico argomento.

A cura di ANGELO SANDRI (Udine) * segreteria.nazionale@dconline.info * 342-9581946

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

 

Una risposta a "LA CGIL ORA SI OCCUPA DI “UTERI IN AFFITTO” PASSANDO DAI FATTORI DI PRODUZIONE A QUELLI DI RIPRODUZIONE !"

  1. Franco Capanna   19 Giugno 2019 il 10:26

    Lo dico da sindacalista: la Cgil con questa ulteriore iniziativa contro i diritti sanciti alle donne si conferma apparato negativo e non civic per limitarmi.Niente da fare come il loro solito e lontani in adesioni ai valori e vittime di forme di cecità difficili da sradicare. Dio ci salvi da questi ,dal pd e comunisti in generale.