RIPORTARE IN POLITICA I VALORI CRISTIANI: LA DEMOCRAZIA CRISTIANA RISPONDE AL CARDINAL BASSETTI!

RIPORTARE IN POLITICA I VALORI CRISTIANI: LA DEMOCRAZIA CRISTIANA RISPONDE AL CARDINAL BASSETTI!

A cura di DORA CIRULLI (Roma) – dora.cirulli@dconline.info * 334-3614005

www.ilpopolo.news * www.democraziacristianaonline.it *

ROMA-È risultata particolarmente interessante la riflessione del cardinal Bassetti sulla situazione politico-economica italiana, uno scenario che – alla luce dei recenti risultati delle elezioni europee e amministrative-appare quanto mai da analizzare e da commentare. La guida della CEI infatti mette in evidenza come molti cattolici abbiano scelto di votare la Lega di Matteo Salvini, che spesso ha criticato aspramente l’atteggiamento della Chiesa in materia di immigrazione e tematiche sociali, pur dimostrando in molte occasioni un attaccamento evidente a simboli e tradizioni religiose cristiane.

Il cardinal Bassetti commenta come questo successo elettorale leghista sia frutto della crisi di altre proposte politiche e della mancanza di un partito che sappia raccogliere in maniera efficace l’anima cattolica del nostro Paese; di fronte a questa affermazione noi democratici cristiani ci permettiamo di dissentire.

Ricordando infatti la storica sentenza della Corte di Cassazione a sezioni unite n. 25.999 del dicembre 2010 con la quale è stato sentenziato in maniera inappellabile che la Democrazia Cristiana non è mai stata sciolta in maniera legittima e che pertanto è tuttora in vita, noi legittimi sostenitori dello Scudocrociato ci permettiamo di proporci in maniera convincente come una valida alternativa per tutti i cittadini desiderosi di rivedere sulla scena politica una difesa dei valori cristiani.

Non si tratta di voler abbracciare un ritorno al passato: ciò significa volere riproporre un modello politico in difesa dei cittadini, delle famiglie e del benessere economico. In questi anni molto si è parlato relativamente alle vicende di frammentazione della DC, complice anche un atteggiamento non sempre rispettoso da parte dei media, ci sono  state diverse discussioni relative al simbolo ma ben poco spazio dedicato alle proposte politiche; mai come ora- vista la delicata situazione attuale- è necessario invece parlare di contenuti.

Proprio per questo motivo è nostra intenzione ribadire il nostro invito a  tutti coloro che si rispecchiano nei nostri valori a voler abbracciare il nostro progetto di riportare la Democrazia Cristiana sulla scena politica, ricordando le parole di Alcide De Gasperi:”Solo se uniti saremo forti!”.

3 Responses to "RIPORTARE IN POLITICA I VALORI CRISTIANI: LA DEMOCRAZIA CRISTIANA RISPONDE AL CARDINAL BASSETTI!"

  1. Gianni stornelli   10 Giugno 2019 il 22:23

    Gradirei conoscere i referenti del territorio romano

  2. mm
    Angelo Sandri   11 Giugno 2019 il 6:19

    Nel rispondere al quesito sui riferimenti romani della Democrazia Cristiana, citiamo in primis l’autore di questo stesso articolo Dott.ssa DORA CIRULLI (Roma) i cui riferimenti telefonici e telematici sono indicati nello stesso articolo (334-3614005 * dora.cirulli@dconline.info).
    Indichiamo anche il Segretario organizzativo regionale della Democrazia Cristiana Cav. RODOLFO CONCORDIA, anch’egli di Roma (335-7709516).
    Per qualsiasi ulteriore info è possibile rivolgersi alla Segreteria politica nazionale D.C. ANGELO SANDRI – Udine (342-9581946 * segreteria.nazionale@dconline.info); GABRIELLA STRIZZI – Ancona (351-9686977 * gabriella.strizzi@dconline.info).

  3. Franco Capanna   11 Giugno 2019 il 12:51

    Con tutto il rispetto per Sua Ecc. Cardinale Bassetti si impone una riflessione ovvero: mi risulta che presso religiose e religiosi in tanti hanno votato Salvini e non certo perché razzisti o cose similari. Una diaspora senza regole in un Paese e fragile e in forte sofferenza storica come l’Italia non caritatevole accoglienza indiscriminata per poi abbandonare questa povera gente in strada e non rimane che l’esasperazione . La vera carità è dare assistenza probabile per chi si può permettere e la chiesa in primis dovrebbe dare corpo e non delegare altri. Ognuno faccia il mea culpa e non è che solo l’Italia debba farsi carica di tanto peso o i supporti già marci poi crollano e con essa la culla.